ESC 2017: Channel 1 conferma la partecipazione all’ESC 2017


Channel One / 1TV (Первый канал)

L’emittente pubblica russa Channel One (Pervyĭ kanal, Первый канал, First Channel) ha confermato oggi la sua partecipazione alla 62ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017, che si terrà per la seconda volta in Ucraina, paese vincitore dell’edizione precedente con la canzone “1944” di Jamala | Джамала.  Il concorso dovrebbe tenersi il 9, 11 e 13 maggio 2017, date provvisorie, da confermare.

Nessun altra informazione, per il momento, rispetto al metodo e il meccanismo di selezione che verrà utilizzato per selezionare la canzone e il concorrente russo per la 62ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017. Nei prossimi mesi saranno rilasciati ulteriori dettagli, ma l’emittenti pubbliche Channel One (Pervyĭ kanal, Первый канал, First Channel) e Rossija 1 (Russia-1, Россия-1 / VGTRK, ВГТРК) trasmettono entrambe l’evento ma si alternano nell’organizzare la partecipazione e nella scelta della canzone e dell’artista.

Stando alle indiscrezioni, Sergey Lazarev (Сергей Лазарев) potrebbe ritornare all’Eurovision 2017. L’artista russo in un’intervista al magazine Elle ha lasciato intendere che potrebbe considerare un ritorno alla manifestazione:  “Se le stelle si allineano di nuovo e trovo la squadra giusta e, soprattutto, una canzone degna allora perché no?”.

Se Sergey Lazarev (Сергей Лазарев) tornase sul palco dell’Eurovision Song Contest, non sarebbe il primo ed unico rappresentante russo a fare un altro tentativo di portare a casa il trofeo dell’ESC. Dima Bilan (Дима Билан), che ha rappresentato la Russia all’Eurovision Song Contest nel 2006, con il singolo “Never Let You Go”, giungendo secondo è tornato due anni dopo per vincere l’edizione 2008 dellEurovision Song Contest con la canzone, “Believe”.

Channel One (Pervyĭ kanal, Первый канал, First Channel), che organizzerà la sceltra russa per l’ESC 2017, ha rivelato che al momento è troppo presto per discutere i piani per la prossima edizione dell’Eurovision Song Contest, ma i commenti non lasciano indifferente nessuno.

Nel corso degli anni molti cantanti sono tornati all’Eurovision Song Contest per un secondo tentativo di vincere o a volte una seconda apparizione nella manifestazione è risultato essere una delusione.

Probabilmente Johnny Logan, soprannominato Mister Eurovision, è infatti quello di maggior successo. È l’unico artista ad aver vinto l’Eurovision Song Contest due volte: nel 1980 con “What’s Another Year” e nel 1987 con “Hold Me Now” ed è inoltre autore di “Why Me?” altra canzone irlandese ad aver vinto l”Eurovision Song Contest nel 1992 cantata da Linda Martin. Anche la canzone di Linda Martin, “Terminal 3”, presentata nel 1984, e che si classificò seconda, fu scritta da Logan.

Altri artisti che sono tornati nella storia della manifestazione furono: Lys Assia (CH 1956 (2), 1957, 1958), Corry Brokken (NL 1957, 1958), Fud Leclerc (BE 1956, 1958, 1960, 1962), Margot Hielscher (DE 1957, 1958), Michèle Arnaud (LU 1956 (2)), Birthe Wilke (DK 1957, 1959), Domenico Modugno (IT 1958, 1959, 1966), Bob Benny (BE 1959, 1961), Jean Philippe (FR 1959, CH 1962), Anita Traversi (CH 1960, 1964), Camillo Felgen (LU 1960, 1962), François Deguelt (MC 1960, 1962), Nora Brockstedt (NO 1960, 1961), Siw Malmkvist (SE 1960, DE 1969), Conchita Bautista (ES 1961, 1965), Jean-Claude Pascal (LU 1961, 1981), Claudio Villa (IT 1962, 1967), Isabelle Aubret (FR 1962, 1968), Marion Rung (FI 1962, 1973), Ronnie Carroll (UK 1962, 1963), Vice Vukov (YU 1963, 1965), Jacques Raymond (BE 1963, 1971), Gigliola Cinquetti (IT 1964, 1974), Romuald (MC 1964, LU 1969, MC 1974), Udo Jürgens (AT 1964, 1965, 1966), Kirsti Sparboe (NO 1965, 1967, 1969), Simone de Oliveira (PT 1965, 1969), Michèle Torr (LU 1966, MC 1977), Raphael (ES 1966, 1967), Tereza Kesovija (MC 1966, YU 1972), Louis Neefs (BE 1967, 1999), Vicky Leandros (LU 1967, 1972), Fredi (FI 1967, 1976), Carlos Mendes (PT 1968, 1972), Cliff Richard (UK 1968, 1973), Paola del Medico (CH 1969, 1980), Tommy Körberg (SE 1969, 1988), Jean Vallée (BE 1970, 1978), Katja Ebstein (DE 1970, 1971, 1980), Guy Bonnet (FR 1970, 1983), Family Four (SE 1971, 1972), Massimo Ranieri (IT 1971, 1973), Peter, Sue & Marc (CH 1971, 1976, 1979, 1981), Hanne Krogh (NO 1971, 1985, 1991), Marie Bergman (SE 1971, 1972, 1994), Mary Roos (DE 1972, 1984), Norbert Niedermeyer (AT 1972, 1978), Sandra Reemer (NL 1972, 1976, 1979), Anne-Marie David (LU 1973; FR 1976), Ilanit (IL 1973, 1977), Anne-Karine Strøm (NO 1973, 1974, 1976), Ellen Nikolaysen (NO 1973, 1975), Fernando Tordo (PT 1973, 1977), Maggie MacNeal (NL 1974, 1980), Paulo de Carvalho (PT 1974, 1977), Ireen Sheer (LU 1974, DE 1978), The Swarbriggs (IE 1975, 1977), Al Bano e Romina Power (IT 1976, 1985), Al Bano (CH 2000, IT 1976, 1985), Anita Skorgan (NO 1977, 1979), Beatrix Neundlinger (AT 1972, 1977), Günter Grosslercher (AT 1972, 1977), Jahn Teigen (NO 1978, 1982, 1983), Patricia Maessen (NL 1970, BE 1977), Bianca Maessen (NL 1970, BE 1977), Stella Maessen (NL 1970, BE 1977), Maxi (IE 1973, 1981), Pino Gasparini (CH 1977, 1985), Izar Cohen (1978, 1985), Pepel In Kri (YU 1975, IT 1990), Cheryl Baker (UK 1978, 1981), Fatima Padinha (PT 1978, 1982), Teresa Miguel (PT 1978, 1982), Lia Vissi (CY 1979, 1985), Sally Ann Triplett (UK 1980, 1982), Elpida (GR 1979, CY 1986), Tommy Seebach (1979, 1981, 1993), Anna Vissi (GR 1980, 2006, CY 1982), Marty Brem (AT 1980, 1981), Alexia (CY 1981, 1987), Elisabeth Andreassen (SE 1982, NO 1985, 1994, 1996), Kikki Danielsson (SE 1982, 1985), Izolda Barudžija (YU 1982, 1983, 1984), Mariela Farrè (CH 1983, 1985), Carola (SE 1983, 1991, 2006), Hot Eyes (DK 1984, 1985, 1988), Linda Martin (IE 1984, 1992), Wind (DE 1985, 1987, 1992), Gary Lux (AT 1985, 1987), Mia Martini (IT 1985 1988), MFÖ (TR 1985, 1988), Eiríkur Hauksson (IS 1986, 1991, 2007), Dora (PT 1986, 1988), Doris Dragović (YU 1986, HR 1999), Ketil Stokkan (NO 1986, 1990), Boulevard (FI 1987, 1988), Re’uven Gvitrz (IL 1979, 1988), Katri Helena (FI 1979, 1993), Yardena Arazi (IL 1976, 1988), Björn Skifs (SE 1987, 1981), Mariana Efstratiou (GR 1989, 1996), Arzu Ece (TR 1989, 1995), Thomas Forstner (AT 1989, 1991), Stefán Hilmarsson (IS 1988, 1991), Sigga (IS 1990, 1991, 1992), Evridiki (CY 1992, 1994), Tony Wegas (AT 1992, 1993), Serafìn Zubiri (ES 1992, 2000), Niamh Kavanagh (IE 1993, 2010), Alma Čardžić (BA 1994, 1997), Darja Švajger (SI 1995, 1999), Danijela Martinović (HR 1995, 1998), Alexandros Panayi (CY 1995, 2000), Roger Pontare (SE 1994, 2000), Constantinos Christoforou (CY 1996, 2002, 2005), Maarja-Liis Ilus (EE 1996, 1997), Egon Egemann (CH 1990, 1998), Şebnem Paker (TR 1996, 1997), Chiara (MT 1998, 2005, 2009), Edsilia Rombley (NL 1998, 2007), José Cid (PT 1980, 1998), Paul Harrington (IE 1994, 1998), Charlotte Nilsson / Perrelli (SE 1999, 2008), Dino Merlin (BA 1999, 2011), Selma Björnsdóttir (IS 1999, 2005), Tanel Padar (EE 2000, 2001), Monica Anghel (RO 1996, 2002), Helena Paparizou (GR 2001, 2004), Fabrizio Faniello (MT 2001, 2006), Ira Losco (MT 2002, 2016), Karolina Gočeva (MK 2002, 2007), Ich Troje (PO 2003, 2006), Sakis Rouvas (GR 2004, 2009), Željko Joksimović (CS 2004, RS 2012), Jónsi (IS 2004, 2012), Anabel Conde (ES 1995, AN 2005),  Dana International (IL 1998, 2011), Eddie Butler (IL 1999, 2006), Viktoras Diawara (LT 2001, 2006)Zdob și Zdub (MD 2005, 2011), Feminnem (BA 2005, HR 2010), Dima Bilan (RU 2006, 2008), Roberto Meloni (LV 2007, 2008), Elnur Hüseynov (AZ 2008, 2015), Friðrik Ómar (IS 2008, 2009), Hera Björk (IS 2008, 2009, 2010, 2015), Martina Majerle (HR 2003, MN 2011, 2016, SI 2007, 2009, 2012, 2014), Elitsa Todorova e Stoyan Yankoulov (BG 2007, 2013), Nevena Božović (RS JESC 2007, RS ESC 2013), Bledar Sejko (AL 2011, 2013),  Gor Sujyan (AM 2010, 2013), Aliona Moon (MD 2012, 2013), Lauri Pihlap (EE 2001, 2013), Kaido Põldma (EE 2001, 2013), Gunnar Ólason (IS 2001, 2011),  TWiiNS (SK 2008, 2011), Lena (DE 2010, 2011), Paola Seiling & OVI (RO 2010, 2014), Jedward (IE 2011, 2012), Donny Montell (LV 2012, 2016), Valentina Monetta (SM 2012, 2013, 2014), Gréta Salóme (IS 2012, 2016), Kaliopi (MK 1996, 2011, 2016), Tolmachevy Sisters (RU JESC 2006, RU ESC 2014), Tamara Todevska (MK 2008, 2014), Inga Arshakyan (AM 2009, 2015), Michele Perniola (SM JESC 2013, SM ESC 2015), Anita Simoncini  (SM JESC 2014, SM ESC 2015), Amber (MT 2012, 2015), Uzari (BY 2011, 2015), Raay (SI 2014, 2015), Nicolas Dorian (BE 2011, 2015),  Deen (BA 2004, 2016),  Poli Genova (BG 2011, 2015),  Bojan Jovović (CS 2005, MN 2016).

La Russia è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Stoccolma, da  Sergey Lazarev (Сергей Лазарев) con il brano “You Are the Only One” (Ты — единственная, Sei l’unica), scelti attraverso una selezione interna. Il brano è stato scritto da John Ballard e Ralph Charlie e composto da Philipp Kirkorov (Филипп Киркоров) e Dimitris Kontopoulos (Δημήτρης Κοντόπουλος).

Sergey Lazarev (Сергей Лазарев) ha cantato per nono nella prima Semi-Finale e si è qualificato per la Finale del 14 maggio, dove ha cantato per diciottesimo su 26 partecipanti. Ha vinto la prima Semi-Finale, arrivando primo su 18 nel televoto con 194 punti e secondo nel voto della giuria, solo dietro a Malta, con altri 148 punti, totalizzandone 342; mentre nella Finale si è classificato terzo, dietro all’Ucraina e all’Australia, con 491 punti in totale. Sergey Lazarev (Сергей Лазарев) è stato il più televotato della serata, ottenendo 361 punti dal pubblico e vincendo il televoto in Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Bulgaria, Estonia, Germania, Lettonia, Moldavia, Serbia e Ucraina; in Italia è stato il terzo più votato, dopo l’Ucraina e la Polonia. Tuttavia, avendo ottenuto solo 130 punti dal voto delle giurie, nel quale si è classificato quinto, non è riuscito a superare i punteggi di Ucraina e Australia. Il cantante ha ottenuto il massimo dei punti dalle giurie di Azerbaigian, Bielorussia, Cipro e Grecia.

La Russia ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 1994 (19 partecipazioni, 19 finali) con Youddiph (Юдифь) e il suo brano “Vechni stranik” (Вечный странник, Eternal wanderer), anche se l’Unione Sovietica stava progettando un possibile debutto nel 1987 per avvicinarsi all’Occidente.

Dopo aver collezionato due terzi (con le t.A.T.u. (Тату) e il suo brano “Ne Ver’, Ne Boysia” (Не верь, не бойся; Don’t believe, don’t fear) e le Serebro ((Серебро) con la canzone “Song #1” (Песня #1)) e quattro secondi posti (con Alsou (Алсу) e il suo brano “Solo” (Соло) nel 2000,  Dima Bilan (Дима Билан) con la canzone “Never Let You Go” (Никогда не позволю тебе уйти) nel 2006, Buranovskiye Babushki (Бурановские БабушкиБрангуртысь песянайёс, Brangurtısь Pesjanajos, Buranovo Grannies, The Grannies from Buranovo) e il brano “Party for Everybody”  (Вечеринка для всех) nel 2012 e Polina Gagarina (Полина Гагарина) con la canzone “ A Million Voices”  (Миллион голосов) nel 2015, ha vinto nel 2008 con Dima Bilan (Дима Билан) e il suo brano “Believe” (Поверь), acquisendo il diritto a ospitare l’edizione 2009.

Nel 1996 la Russia non è riuscita a qualificarsi dal turno pre-qualificazione con Andrei Kosinski (Андрей Косинский) e il brano “Ja eto ja” (Я это я, Me is me), mentre nel 1998 e nel 1999 è stata relegata a causa dello scarso risultato nell’edizioni precedenti.

La Russia, insieme con la Romania e la Grecia dal 2004 dopo l’introduzione della Semi-Finale e dal 2008 con l’introduzione delle tre serate si è sempre classificata in Finale. 

Al momento 23 paesi hanno già confermato la loro presenza: dopo l’Ucraina – automaticamente in Finale in quanto paese organizzatore, Estonia (selezione: Eesti Laul 2017, il 4 marzo del prossimo anno), Svezia (selezione: Melodifestivalen 2017), Ungheria (selezione: A Dal 2017), Germania (dopo la scia negativa di risultati), Finlandia (selezione: Uuden Musiikin Kilpailu – UMK 2017),  Spagna (dopo la scia negativa di risultati), Francia, Norvegia (selezione: Norsk Melodi Grand Prix 2017), Svizzera (selezione: Die Grosse Entscheidungsshow 2017), Belgio (selezione interna), Irlanda, Paesi Bassi (selezione interna e sono già diverse le candidature spontanee), Polonia, Lettonia (selezione: Supernova 2017), Israele (selezione: ‘The Next Start’ – הכוכב הבא, HaKokhav HaBa), Austria, Danimarca (selezione: Dansk Melodi Grand Prix 2017), Grecia, Armenia (selezione: Դեպի եվրատեսիլ / Depi Evratesil, To Eurovision), Slovenia, Russia e tra questi notiamo il Portogallo, che ritorna nel concorso dopo un anno d’assenza, promettendo cambiamenti sostanziali al processo di selezione, al momento non ancora svelati.

Inoltre hanno dimostrato interesse e voglia di partecipare alla prossima edizione senza nessuna conferma o smentita: Albania, che deciderà se partecipare o meno al concorso nel mese di settembre; Slovachia, assente dal 2013; Bulgaria; Croazia e l’Italia non dovrebbero esserci dubbi, dopo che l’edizione 2016 è stata un grande successo a livello mediatico, di audience e share televisivo. Inoltre, resta il dubbio su come verrà scelto il rappresentante italiano.

Resta l’incognita Romania e Bosnia ed Erzegovina, a causa della crisi interna che stanno subendo le rispettive emittenti e se l’EBU-UER deciderà di farla partecipare o meno dopo che l’anno scorso 2016 la TVR aveva aderito all’evento e il suo concorrente, Ovidiu Anton, era stato ufficialmente inserito nella lista dei partecipanti (seconda semifinale, esibizione numero 12), ma  è stata sospesa (bloccando tutti i servizi verso l’emittente, comportando l’esclusione del Paese dal concorso; prima edizione in cui un Paese è escluso dalla partecipazione a causa dei problemi finanziari della rete che lo rappresenta) a causa del non pagamento dei debiti e la BHRT, lo scorso 8 giugno 2016 verrà sospesa sempre per via dell’indebitamento e delle tasse non pagate; Russia, dopo la fuga di notizie secondo le quali ci sarebbe l’intenzione di portarla in gara per allargare il bacino di audience del contest anche ad Oriente; Turchia, assente dal 2012 in disaccordo con il metodo di votazione e contro la qualificazione automatica alla Finale dei Big 5 (Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito); Kazakhstan, visto che Khabar Agenzia è diventata dal 1°gennaio 2016 membro associato dell’EBU-UER, si sta pensando di far entrare lo Stato nel concorso per questa edizione; e gli Stati Uniti, se l’EBU-UER deciderà di farla partecipare o meno dopo che la Finale dell’ESC 2016 è stata trasmessa per la prima volta in diretta sul territorio statunitense dall’emittente Logo TV e durante l’Interval Act della Finale dell’ESC 2016 si è esibito Justin Timberlake, com’è successo con l’Australia nel 2015 quando EBU-UER e DR hanno scelto di dedicare l’Interval Act della Seconda Semi-Finale proprio al paese oceanico, con un’esibizione di Jessica Mauboy.

Mentre hanno confermato l’assenza l’Andorra, per motivi economici a causa della mancanza di sponsor; e il Lussemburgo, che non hanno intenzione di rientrare nella competizione neanche quest’anno, portando così rispettivamente a 11 e 24 le edizioni consecutive di assenza.

Anche se l’elenco definitivo dei paesi partecipanti all’edizione 2017 dell’ESC sarà possibilmente soggetta a cambiamenti fino al rilascio della lista ufficiale dei partecipanti da parte dell’EBU-UER in programma nel mese di Gennaio 2017.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...