JESC 2016: I Jedward completano il panel di esperti dello Junior Eurovision 2016


JEDWARD.jpg

Sono i Jedward a completare il panel di esperti che giudicherà i piccoli interpreti della 14ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest 2016 domenica 20 novembre, a partire dalle ore 16:00 fino alle 18:30 CET, in diretta dal Mediterranean Conference Centre di La Valletta a Malta, sede che ospiterà anche l’Eurovision Young Dancers 2017.

I Jedward sono conosciuti per aver partecipato alla sesta edizione dell’X Factor britannico sotto il nome di John & Edward, classificandosi al sesto posto.

Nel febbraio 2011, hanno vinto la selezione nazionale irlandese (Eurosong 2011) e hanno rappresentato l’Irlanda all’Eurovision Song Contest 2011 a Düsseldorf, in Germania, con la canzone “Lipstick”, posizionandosi all’ottavo posto in finale.

Un anno dopo, hanno bissato il successo del 2011, con la canzone dal titolo “Waterline”, con cui hanno rappresentato il loro paese nell’edizione 2012 del concorso, chiudendo la finale al 19º posto.

Il duo pop-rap composto dai gemelli irlandesi John Paul Henry Daniel Richard e Edward Peter Anthony Kevin Patrick Grimes, due volte rappresentante del proprio paese nel 2011 e 2012, affiancheranno i già annunciati Christer Björkman – Mr Melodifestival e Mads Grimstad, discografico della Universal.

Loro tre rappresenteranno di fatto il diciottesimo paese a votare: saranno dunque una giuria a parte che stilerà una propria classifica ed assegnerà dei punti.

Da questa edizione viene abolito il televoto, considerato non adatto a questa tipologia di manifestazione; al suo posto verranno nominate delle giurie kids (kid jury) formate per metà da bambini e per metà da esperti del settore, che sino al 2015 aveva invece lo stesso ruolo quest’anno ricoperto dal panel di esperti. I risultati complessivi verranno determinati dalla combinazione di una giuria di esperti o panel di esperti (50%) e una Kid Jury, composta da bambini e giovani (50%) per ciascun paese, sino a quest’anno c’era un solo bambino in giuria, che si univa a quelli degli altri paesi e il loro voto contava come un paese unico.

Diciassette paesi parteciperanno in questa 14ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest con il ritiro dalla competizione del Montenegro e della Slovenia dopo due gare, questa ultima per protesta contro i cambiamenti varati dal’EBU-UER alla manifestazione e dal San Marino dopo tre, mentre ritornano nella competizione Cipro dopo una pausa di un anno, l’Israele dopo una pausa di tre anni e la Polonia dopo 12 anni d’assenza.

Questa è la settima volta che 17 paesi si sfideranno in un evento dell’Eurovision, dopo Vienna nel 1967, Londra nel 1968, il Lussemburgo nel 1973, Brighton nel 1974, Rotterdam nel 2007 e  Sofia nel 2015. Nessun paese debutterà in questa edizione, la prima volta dal 2009.

Per la prima volta dopo l’inaugurazione del concorso avrà dei cambiamenti sostanziali: l’età dei bambini e ragazzi è stata abbassata alla fascia 9-14 anni; verrà trasmesso la domenica pomeriggio dalle ore 16:00 alle ore 18:00 e non di sabato sera, questo per rendere la rassegna ancora più vicina al suo pubblico di riferimento, ovvero i ragazzi e la procedura di voto non includerà un Televoto pubblico, considerato non adatto a questa tipologia di manifestazione; al suo posto i risultati complessivi verranno determinati dalla combinazione di una giuria di esperti (50%) e una Kid Jury, composta da bambini e giovani (50%), sino a quest’anno c’era un solo bambino in giuria, che si univa a quelli degli altri paesi e il loro voto contava come un paese unico.

Cambierà anche la presentazione dei voti. Sul modello di quanto avvenuto quest’anno all’Eurovision Song Contest 2016, ma invertendolo, prima appariranno sullo schermo i punti totali degli adulti poi dopo i bambini spokespeople di ogni nazione saliranno sul palco – direttamente a Malta – e daranno i punti della loro Kid Jury.

Sarà anche un festival itinerante nel senso che la sede dell’evento sarà il Mediterranean Conference Centre (ex ospedale ora divenuto centro congressi), ma altre parti dello show come ad esempio  i numeri dell’interval act si svolgeranno in differenti location sempre nella capitale maltese. 

I conduttori di questa edizione saranno Ben Camille (che ha anche presentato la selezione nazionale maltese per lo Junior Eurovision 2016) e Valerie Vella (che ha ospitato la finale nazionale del paese in tre occasioni e ha dato commentato il concorso in sei occasioni consecutive tra il 2004 e il 2009), mentre Larissa Bonaci presenterà il Red Carpet presso il Mediterranean Conference Centre e Taryn Mamo Cefai presenterà la cerimonia di Apertura dal Teatro Manoel.

Destiny Chukunyere insieme a Poli Genova / Поли Генова saranno le protagoniste dell’Interval Act (non canteranno insieme, ma saranno entrambe parte dello show): Destiny Chukunyere, giovane artista di origine nigeriana vincitrice in carica dello Junior Eurovision, è la ragione per cui la 14ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest si svolgerà a La Valletta, Malta quest’anno. Durante l’Interval Act Destiny non solo si esibirà con il brano vincitore l’anno scorso “Not My Soul”, ma presenterà anche il suo nuovo singolo “La Di Da”, mentre Poli Genova / Поли Генова, ha rappresentato la Bulgaria all’Eurovision Song Contest nel 2011 con la canzone “Na inat”, che non si è tuttavia qualificata per la finalissima.e nel 2016 con la canzone “If Love Was a Crime”, questa volta qualificandosi per la finale, dove si è classificata quarta. Poli non è estranea al pubblico dello Junior Eurovision, l’anno scorso ha presentato lo spettacolo, quando si è tenuta a Sofia, in Bulgaria. 

Ecco di seguito i Paesi (e le rispettive emittenti pubbliche) che parteciperanno allo Junior Eurovision Song Contest 2016 di Malta:

  • Albania (RTVSH): Klesta Qehaja – “Besoj” (I believe) (Adrian Hila / PandiLaço)
  • Armenia (AMRTV): Anahit Adamyan e Mary Vardanyan (Մերի Վարդանյանն ու Անահիտ Ադամյանը) – “Tarber” (Տարբեր, Different) (Nick Egibyan / Avet Barseghyan)
  • Australia (SBS): Alexia Curtis – “We Are” (Ali Tamposi, Tania Doko, Boi-1da / Ali Tamposi, Tania Doko, Boi-1da)
  • Bielorussia (BTRC): Alexander Minyonok (Александр Минёнок) – “Muzyka Moikh Pobed (Музыка моих побед)” (Music of My Victories, Music Is My Only Way) (Kirill Ermakov ed Alexander Minyonok / Roman Kolodko ed Alexander Minyonok)
  • Bulgaria (BNT): Lidia Ganeva (Лідія Ганева) – “Magical Day (Valsheben Den)” (Вълшебен ден, Magical Day) (Vladimir “Grafa” Ampov / Vladimir ‘Grafa’ Ampov ed Iliya Grigorov)
  • Cipro (CYBC): Giorgos Michailidis (George Michaelides, Γιώργος Μιχαηλίδης) – “Dance Floor”  (Πίστα χορού) (Andreas Anastasiou / Andreas Anastasiou e George Michaelides)
  • Georgia (GPB): Mariam Mamadashvili (მარიამ მამადაშვილი) – “Mzeo” (მზეო) (Giga Kukhianidze / Maka Davitaia)
  • Irlanda (TG4): Zena Donnelly – “Bríce Ar Bhríce”  (Brick by Brick) 
  • Israele (IBA): Shir & Tim (שירה פריימן וטימוטי סניקוב) – “Follow my heart” (Dor Daniel / Noam Horev)
  • Italia (RAI):  Fiamma Boccia – “Cara Mamma (Dear Mom)” (Marco Iardella, Francesco Spadoni ed Alessandro Ghironi / Marco Iardella, Francesco Spadoni e Fiamma Boccia)
  • Malta (PBS): Christina Magrin – “Parachute” (Florent Boshnjaku / Matt ‘Muxu’ Mercieca)
  • ERI di Macedonia (MKRTV): Martija Stanojković (Мартија Станојковиќ) – “Love Will Lead Our Way  (Ljubovta ne vodi)” (Љубовта не води) (Aleksandar Masevski / Aleksandar Masevski e Marija Stanojković)
  • Paesi Bassi (AVROTROS): Kisses (Kymora, Stefania e Sterre) – “Kisses and Dancin’” (Joost Griffioen, Stas Swaczyna, Hansen Tomas / Joost Griffioen, Hansen Tomas)
  • Polonia (TVP): Olivia Wieczorek – „Nie zapomnij” (Don’t forget) (Piotr Rubik / Dominik Grabowski)
  • Russia (RTR): Sofia Fisenko and the Water of Life project (Sofia Fisenko (Софья Фисенко) and the Water Of Life Project / Проект Вода Жизни: Sasha Abrameytseva (Саша Абрамейцева), Кристина Абрамовы (Christina Abramov) и Мадонна Абрамовы (Madonna Abramov)) – “Water Of Life” (Zhivaya voda, Живая вода, Living water) (Rita Dakota / Rita Dakota)
  • Serbia (RTS): Dunja Jeličić (Дуња Јеличић) – “U La La La” (У ла-ла-ла, U La La La (Let us sing together)) (Vladimir Graić / Leontina Vukomanović e Dunja Jeličić)
  • Ucraina (NTU): Софія Роль (Sofiia Rol) – “Planet Craves For Love” (Планета жаждет любви) (Ruslan Kvinta / Vitalii Kurovskyi, Sandra Bjurman, Yevgeny Matyushenko e Sofia Rol)

La diretta della manifestazione sarà seguita anche quest’anno da Rai Gulp, con il commento dallo studio speciale allestito a Roma a cura di Laura Carusino e Simone Lijoi, volti noti delle trasmissioni in onda su Rai YoYo e Rai Gulp.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...