ESC 2017 – Spagna: 392 canzoni ricevute per l’#Eurocasting


objetivo-eurovision

Questa mattina l’emittente pubblica spagnola TVE ha comunicato che un totale di 392 canzoni sono state pervenute per partecipare all’#Eurocasting, prima fase della selezione nazionale, Spain Calling: Objetivo Eurovisión 2017, per selezionare la canzone e il concorrente della Spagna alla 62ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017, che si terrà per la seconda volta in Ucraina, presso l’IEC – Kiev International Exhibition Centre (МВЦ – Міжнародний Виставковий Центр Київ) di Kiev ‬ il 9, 11 e 13 maggio 2017.

Per il secondo anno di seguito TVE userà una selezione nazionale televisiva, Spain Calling: Eurovisión 2017, per scegliere il loro brano/interprete partecipante a Kyiv 2017.

Da oggi RTVE insieme ad una giuria composta da esperti musicali: produttori, industria musicale, musicisti, giornalisti ecc. valuterà le candidature pervenute, conforme alle regole e selezionerà i 30 brani/interpreti migliori dell’#Eurocasting che saranno resi noti giovedì 1 dicembre in diretta durante il programma Spain Calling alle ore 12:30 CET  sul sito della www.RTVE.es/eurovision.

Di seguito dal 2 dicembre alle ore 12:00 CET fino al 12 diciembre alle ore 12:00 CET il pubblico potrà votare per il loro brano/interprete preferito. I dieci più votati saranno valutati ancora di nuovo da una giuria di esperti, che ridurrà il numero a 3 brani/interpreti, che si qualificheranno per partecipare allo show live simile a un concerto trasmesso in streaming on-line nel mese di gennaio (verso il 12 gennaio 2017, data ancora da confermare), dove il pubbico selezionerà un brano/interprete per partecipare alla Finale che si terrà nel mese di febbraio. Il pubblico avrà 15 minuti per scegliere l’artista. 

Secondo quanto riportato TVE, durante il corso del processo online, l’#Eurocasting, il maggior numero di domande pervenute comprende un 45% di uomini, il 38% sono presentate da donne e un 17% sono da gruppi. Inoltre geograficamente le domande provengono da diverse città della Spagna (Madrid, Barcelona, Málaga, Valencia, Málaga e Sevilla) e anche fuori dal Paese (Regno Unito, Finlandia, Ucraina…). La maggior parte dei generi musicali pervenuti sono in un 26% pop, un 10% Pop rock, un 5% ballate, un 5% Pop dance, un 4% Electro pop, un 4% Rock, un 3% Pop latino, un 2% Reggaeton, un 2% Jazz, soul, gospel, r&b, un 2% Flamenco pop, un 1,7% Disco pop e il restante rientra in una serie di diversi generi, tra cui funk, pop infantil, bachata, poesia, metal, glam, rumba, ecc

L’artista vincitore e la sua canzone dell’#Eurocasting diventerà il primo finalista (wildcard) della selezione nazionale, mentre i restanti candidati (presumibilmente 9) saranno scelti internamente da RTVE insieme ad una giuria composta da esperti musicali. L’elenco dei 10 artisti che prenderanno parte allo show finale dell0 Spain Calling: Objetivo Eurovisión 2017 sarà rilasciato il 15 gennaio 2017.

Il vincitore di Objetivo Eurovisión 2017 e rappresentante della Spagna a Kyiv sarà scelto durante la finale nazionale che si svolgerà nel mese di febbraio: tra il sabato 11 gennaio e il lunedì  13 febbraio 2017, tramite la decisione congiunta del voto del pubblico e il voto della giuria di esperti, il cui voto conterà per il 50 per cento, per ognuno.

Ecco di seguito una lista dei candidati che hanno presentato un brano al processo online: María Villalón con “Dirige al viento”; Brian Left con “Fluorescent”; Jesús Vergara con “No quiero”; Ektor Pan con “Perfect Storm”; Nito Solsona con “Luna Gitana”; Martin Máez con “Ahora”; Angélica Leyva con “Te equivocaste de mujer”; ; Mikan con “Cosa de los dos”;  Pablo San Andrés con “Pride”; El Regreso de la Década (Daniel Zueras, José Zapata, Cristina Conde e Rosy Jiménez) con “Todo te lo di”; Brequette Cassie con “You Are Enough!”, “No Enemy” e “Twist Of Fate”; Javián con “No Somos Héroes”; OceaniK feat. Roch con “Sin Alas”; Alejandro Ibázar con “Fuera lo malo”; Ainhoa Cantalapiedra con “True Awakening”; Assier con “Dame Tu Veneno”; Ángel Ruiz con “Solo tú”; Nicky Triphook con “Daddy’s Little Girl”; Frank Rojo con “Ole tú”; Stanley Miller ‘Chipper’ con “I Wanna Believe”; Lem Baquero con “Hard To Love You”; Rafa Blas; Álex Nogueira con “Lights”; Mirela; Dani Parreño – “Un chico con suerte”; Mey Green; Raúl; Raúl Gómez; Gio – “Vuelve a mi”; Anabel Conde; Ivet Vidal – “Do you want me?”; Alexa Lase – “Ashes”; Aitor Osuna – “Just how we do”; Roima Durán – “Abstracto”; Rubén Carranza – “Thunders Of Love”; Víctor Pacheco – “Soñador”; Adei Cuende – “No sé cuando llegará”; Rubén Rubén – “Ojú Qué Arte”; Pedro Bautista – “Te entregué mi corazón”; leBLond – “Devuélveme la Vida”; Martha Mateo – “La luz de tu mirada”; Joan De Son Rapinya – “Olé Olé”; Sandra Marhuenda – “¡Oye Niño!”; Germán – “Fiesta”; Milena Brody – “Momento”; Sognare – “Quiero Creer”; Kevin Coll – “Amarte tanto”; Sira Mayo – “Be Yourself”; Iñigo – “Hoy Es por Mí”; Antonio Tomás – “Hoy brilla el sol”; Lorena Jamco y Antonio Tomás – “Camino al cielo”; Ennis Bleu con “Love me wild”; Carmel con “Waiting for a better end”; Lion con “Quiero que me quieras”; Víctor Ruiz con “On a Nowhere Song”; Javier Valle con “Te aprovechas”; Laura Moure con “Vida”; Brumanchus con “Cállate por favor”; ROCK IT con “Unrisen Queen”; Samantha con “Ingravidez”; Quijotes con “Flores de Marzo”; 2ONE2 con “Mis Lágrimas”; Orion Bow con “Cobarde”; Alejandra País con “Ámame”; Álex Solano con “Ambitious”; Anaiss con “Lucharé por Tenerte”; Andreas con “Feel”; Dianni Brown con “We are the one”; Maik con “Bailando con el viento”; Michelle Knowles con “One Live”; Blex con “Here & Now”; Sandra Marhuenda con “¡OyeNiño!”; Angélica Leyva con “Te equivocaste de mujer”; Jesús Vergara con “No quiero”; Jvel con “Starlight”; David Cid con “Dance”; Ángel con “Uve Maya”; Alan Neil con “Outside”; Anael Santana con “Acuérdate de mí”; Martín Fernández con “Recuérdalo”; Arioms con “Noche de luz”; Simply Two con “Spellbound”; Diven con “Respira (Move your body)”; Les Bohémes con “Solo con mi soledad”; Marina Calvo con “Desconocidos”; Zaster Gradual con “Sueño”; Ángel Martínez con “Sólo tú”; Saúl con “Stargaze”; Nieves Hidalgo con “Esclava”; Tándem con “Invencible”; Fernando Amador con “Atemporal”; Miguel Ángel con “Ritmo”; Saúl con “Stargaze”; Víctor Pacheco con “Soñador”; Daiana con “Encrucijada”; KRAMAD con “We are far”; Pilar Bello con “Pídeme”; La Casa Azul con “Podría ser peor”; Mireia Montávez con “Una vida nueva”; George Santana – “Is it you?”; Anna Mitina – “My Heart”; Iván Gardesa con “No quiero”; María Ruíz con “Una flor”; G – Sleepy Tommy; Ilatina – Para que Europa lo baile; Iván Banderas – Say goodbye; J.L. Santigosa – ; Jeyson Sherlock – Counting stars; Malizzia & Malizzia – Vete; Manga Doll – All over again; Miguel Ángel – Ritmo; Nacha la Macha – Vuelve ya; Rebeca Moss – Volveré por ti; Romy Low – In love; Saira – Último aliento; Salva Ortega – Por ti; Samantha – Ingravidez; Stvrkid & Silence of the Wolves – Sparkling lights; Sunny Year; Víctor Ruiz – On a nowhere song; Félix del Valle – Cruel; Rafa Pascual – Llegaste tú; Isel – Estrella azul; ecc…

La Spagna  è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Stoccolma, da Barei (Bárbara Reyzábal González-Aller) e il brano “Say Yay!” (Di’ Hurrah!), scelti attraverso la selezione nazionale: Objetivo Eurovisión.  È la prima canzone spagnola all’Eurovision ad essere cantata interamente in lingua inglese. Questo fatto ha suscitato delle critiche da parte di José María Merino della Real Academia Española, che ha definito “impresentabile, insensato e stupido” per la Spagna mandare all’Eurovision una canzone il cui testo non contiene una singola parola in spagnolo. Barei si è esibita diciannovesima su 26 partecipanti, cclassificandosi ventesima.

Dal 1961, la Spagna ha partecipato ininterrottamente all’Eurovision Song Contest (56 finali), vincendo due volte (nel 1968 con il brano “La, la, la” di Massiel e nel 1969 con Salomé e il suo brano “Vivo cantando” (I Live Singing) che dovette condividere il premio con altre tre cantanti Lulù che rappresentava il Regno Unito,Frida Boccara per la Francia e Lenny Kuhr che rappresentavano i Paesi Bassi. Le quattro canzoni avevano raggiunto lo stesso punteggio ma il regolamento non prevedeva questa ipotesi quindi la vittoria venne assegnata ex aequo. In seguito per evitare questo inconveniente fu modificato il regolamento in modo tale da avere sempre un unico vincitore). Si è classificata per quattro volte all’ultimo posto (nel 1962, 1965 e nel 1983 con Nul points / zero punti e nel 1999).

Negli anni settanta le canzoni proposte hanno ottenuto ottimi piazzamenti ma in seguito non sono mai entrate tra le prime 10 posizioni.

La Spagna fa parte dei Big Five (assieme a Francia, Germania, Regno Unito e Italia) dal 1999 e per questo motivo accede di diritto alla serata finale, indipendentemente dai risultati dell’anno precedente. Nel 2012 e nel 2014 è tornata rispettivamente tra i primi dieci con Pastora Soler con la canzone “Quèdate conmigo” (Stay with me) che si è posizionata al decimo posto nella classifica finale e Ruth Lorenzo che con il brano “Dancing in the Rain” (Bailando bajo la lluvia) arriva anche al 10º posto nella classifica finale.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...