ESC 2017 – San Marino: La faccenda di Tony Maiello e il San Marino per partecipare all’Eurovision


tony-maiello.jpg

Da qualche giorni sta avendo una certa diffusione un post pubblicato dal cantante Antonio “Tony” Maiello sulla sua pagina ufficiale Facebook.

L’artista, noto dopo aver esordito nel 2008 nel talent show di Rai 2 X-Factor, dove si è classificato quarto, nel 2010 è stato proclamato vincitore della categoria Nuove Proposte del 60º Festival di Sanremo e autore di importanti artisti come Laura Pausini, Renga e Giorgia negli ultimi anni,  ha riportato di aver ricevuto una proposta per rappresentare la Repubblica di San Marino all’Eurovision Song Contest del 2017.

Nella comunicazione Maiello si è visto ricevere un messaggio dove una persona che si presentava con nome e cognome (al momento non resi pubblici) come collaboratore dell’ente pubblica di San Marino chiedeva la sua eventuale disponibilità nel rappresentare il San Marino alla 62ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017.

Dopo il palese interesse del cantante e la richiesta di maggiori informazioni, il collaboratore di San Marino RTV avrebbe affermato di aver parlato con un dirigente dell’emittente che gli avrebbe chiesto più o meno una cifra intorno a 500 mila euro (viaggi, pubblicità, comunicazione, iscrizione…) per salire sul palco dell’IEC – Kiev International Exhibition Centre (МВЦ – Міжнародний Виставковий Центр Київ) di Kiev come portabandiere del San Marino.

tony-maiello-eurovision

Tony-Maiello-01012017.png

Dobbiamo ricordare che ogni emittente pubblica che partecipa all’Eurovision Song Contest deve pagare una cospicua quota di iscrizione, un contributo che serve a coprire le spese di una macchina organizzativa enorme che produce ogni anno uno spettacolo bellissimo. Alcuni Paesi come il BIG 5 (Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna) versano una quota maggiore e vanno direttamente in Finale, gli altri paesi, devono sfidarsi in due Semifinali per aggiudicarsi il diritto di cantare in Finale, ma como detto prima questa loro partecipazione non è comunque gratuita.

Spesso gli alti costi, che servono a mantenere in vita la costosa e pomposa organizzazione di Eurovision Song Contest, portano alla rinuncia da parte di alcun Paese del diritto a cantare alla kermesse proprio perché l’emittenti televisive nazionali che inviano i cantanti non hanno abbastanza denaro da spendere nelle iscrizioni, preferendo di destinare queste somme ad altre priorità. Potrebbe essere questo il caso di San Marino RTV e di San Marino?

L’ipotesi porebbe non essere così remota se si pensa che neanche nell’anno appena passato il Paese è stato rappresentato da un cantante con la cittadinanza sanmarinese, ma da un cantante turco, Serhat.

Nelle ultimissime ore però è arrivata la smentita da parte del Capodelegazione, Alessandro Capicchioni, che afferma che SMRTV non ha mai avuto nessun contatto con Tony Maiello, affermando che chi ha contattato il cantante italiano non era un dipendende della televisione pubblicadi San Marino (dalle foto pubblicate dal cantante campano in effetti si vede un messaggio ricevuto in inglese da parte del presunto dipendente di San Marino RTV ma qui nascono i primi sospetti sulla veridicità dell’identità del dipendente della TV statale del Titano, poiché non ci sarebbe stato nessun motivo nel scrivere in una lingua diversa dall’italiano, essendo entrambe le nazioni italofone).

Ecco di seguito la nota di San Marino RTV uscita oggi che dice testualmente: “In merito alle notizie uscite sui siti web e sulla stampa sammarinese di una presunta proposta di partecipazione al cantante Tony Maiello all’Eurovision Song Contest per San Marino RTV, interviene il Capodelegazione Alessandro Capicchioni: “Non abbiamo avuto alcun contatto con il signor Maiello, né abbiamo incaricato alcuno di contattarlo a nome nostro. Non escludiamo il millantato credito – visto che i nostri nomi sono pubblici e reperibili facilmente sul web”. Prosegue intanto la preparazione della prossima edizione dell’Eurofestival, che si terrà a Kiev, nonostante la delicatezza della situazione internazionale e dei rapporti tra il paese ospitante e la Russia.”

Nelle ultime ore però il mistero ritorna ad infittirsi dopo una dichiarazione rilasciata dalla cantante Arisa in un’intervista a Quotidiano.net, affermando che uno dei suoi segni per il futuro recente sarebbe quello di cantare all’Eurovision Song Contest e di avere anche lei avuto una proposta da San Marino che le avrebbe chiesto, per farla esibire con la sua bandiera, 300 mila euro rafforzando così quelle che sono le affermazioni di Tony Maiello.

Mentre i media e gli organizzatori di Eurovision Song Contest 2017 cercano di fare chiarezza, San Marino rimane al momento ancora senza un nome ufficiale per la sua rappresentazione alla kermesse che si terrà a Kiev, un’ edizione (delle più travagliate degli ultimi anni dal punto di vista organizzativo poiché fino a pochi giorni fa l’organizzazione sembrava ancora in bilico soprattutto per motivi di origine economica) che comunque si prevederà non facile anche per i difficili rapporti dell’Ucraina con la vicina Russia, una delle nazioni più affezionate ad Eurovision Song Contest.

(Tratto da: il Fatto Quotidiano, Quotidiano.net, Eurofestivalitalia, Eurofestivalnews)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...