ESC 2017 – Italia: Al via questasera alla prima serata del Festival di Sanremo 2017


sanremo-2017

L’emittente pubblica italiana RAI terrà questa sera la Prima Serata della della 67ma edizione del Festival della Canzone Italiana, Festival di Sanremo, che servirà come selezione nazionale del paese per la la 62ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017, che si terrà per la seconda volta in Ucraina, presso l’IEC – Kiev International Exhibition Centre (МВЦ – Міжнародний Виставковий Центр Київ) di Kiev ‬ il 9, 11 e 13 maggio 2017.

Lo show di stasera andrà in onda alle 20:40 CET (dopo Prima Festival) presso il Teatro Ariston di Sanremo e sarà possibile seguirlo in diretta TV su Rai1‬, Rai HD, Eurovisione e Rai Italia; in Radio su Rai Radio 1 e su Radio2, Radio Italia, RTL 102.5 e in streaming su rai.it e sul browser-app Rai Play.

16427803_1399500783428752_6229720014337880949_n.jpg

L’evento, guidato quest’anno, per la terza volta consecutiva, da Carlo Conti, con la partecipazione di Maria De Filippi, si articolerà in cinque serate consecutive a partire da stasera 7 febbraio fino a sabato 11 febbraio.

1280x720_1486376339400_conti-de-filippi

In questa edizione della manifestazione il conduttore ha aumentato la quantità dei concorrenti della sezione Campioni da 20 a 22, due in più rispetto altre precedenti edizioni condotte da Carlo Conti, ma alla serata finale accedono solo sedici, affiancati da 8 artisti emergenti che gareggeranno nella sezione Nuove Proposte.

Come già accaduto nelle due edizioni precedenti, al vincitore della sezione Campioni verrà riservato il diritto di rappresentare, salvo rinuncia, l’Italia all’Eurovision Song Contest 2017, che si terrà in Kiev ‬(Ucraina) il 9, 11 e 13 maggio 2017.

Gli artisti che parteciperanno a Sanremo 2017 saranno suddivisi in due sezioni: Sezione Campioni (dalla quale uscirà il nome del rappresentante italiano all’Eurovision Song Contest) e Sezione Nuove Proposte. I 22 Campioni propongono una nuova canzone a testa. Alla serata finale accedono solo sedici Campioni, le prime quindici e la ripescata tra le ultime cinque.

I 22 artisti (e i relativi brani) che gareggeranno nella sezione Campioni del Festival sono stati annunciati durante la diretta della trasmissione televisiva ‘Sarà Sanremo’ (nona edizione televisiva del concorso Sanremo Giovani) andata in onda il 12 dicembre 2016 su Rai 1, anche in radio su Rai Radio 2, commentato in diretta da Carolina Di Domenico ed Ema Stokholma. 

Similmente a quanto avvenuto nelle edizioni immediatamente precedenti, la sezione dei partecipanti meno conosciuti, detta ‘Nuove Proposte’, comprenderà 8 concorrenti. 

Durante la serata i 12 finalisti del concorso, precedentemente selezionati da una Commissione Musicale, si sono esibiti e sono stati giudicati da una giuria composta da Amadeus, Fabio Canino, Andrea Delogu, Anna Foglietta e Massimo Ranieri, la quale ha scelto tra di loro i 6 cantanti da inserire nella sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2017. Ad essi si sono aggiunti altri 2 cantanti, sempre durante il programma, selezionati tra gli 8 vincitori dell’edizione 2016 del concorso Area Sanremo (concorso canoro che qualifica un numero di artisti non superiore al 25% dei partecipanti alla sezione Giovani dell’edizione seguente del Festival della canzone italiana di Sanremo). Novità di questa edizione è che, nel corso della serata, sono stati annunciati anche i nomi dei ventidue cantanti che faranno parte della sezione Campioni del Festival di Sanremo 2017 (i cosiddetti Big).

I regolamenti completi sono disponibili sul sito della Rai (Sanremo 2017; Sanremo Giovani; Televoto Campioni; Televoto Nuove Proposte).

Ecco di seguito i primi 11 dei 22 candidati in gara (i restanti li ritroveremo nella serata di domani), che si disputeranno il rappresentare l’Italia al prossimo Eurovision Song Contest:

  1. Giusy Ferreri (Giuseppa Gaetana Ferreri) – “Fatalmente male” (Paolo Catalano, Fabio Clemente, Roberto Casalino, Alessandro Merli)
  2. Fabrizio Moro (Fabrizio Mobrici) – “Portami Via” (Fabrizio Mobrici, Roberto Cardelli)
  3. Elodie (Elodie Di Patrizi) – “Tutta colpa mia” (Emma Marrone, Oscar Angiuli, Giovanni Pollex, Francesco Cianciola) 
  4. Lodovica Comello – “Il cielo non mi basta” (Federica Abbate, Antonino Di Martino, Dario Faini, Fabrizio Ferraguzzo) 
  5. Fiorella Mannoia – “Che sia benedetta” (Erika Mineo, Salvatore Mineo)
  6. Alessio Bernabei – “Nel mezzo di un applauso” (Roberto Casalino, Dario Faini, Vanni Casagrande)
  7. Al Bano (Albano Carrisi) – “Di Rose e di Spine” (Maurizio Fabrizio, Katia Astarita) 
  8. Samuel (Samuel Umberto Romano) – “Vedrai” (Samuel Umberto Romano, Riccardo Onori, Christian Rigano)
  9. Ron (Rosalino Cellamare) – “L’ottava meraviglia” (Rosalino Cellamare, Mattia Del Forno, Francesco Caprara, Emiliano Mangia) 
  10.  Clementino (Clemente Maccaro ‘Iena White’)- “Ragazzi Fuori” (Clemente Maccaro, Fabio Bartolo Rizzo, Pablo Miguel Lombroni Capalbo, Stefano Tognini)
  11. Ermal Meta – “Vietato morire” (Ermal Meta)

Nella Prima serata assisteremo all’esecuzione di 11 dei 22 brani in gara nella Sezione Campioni e alla loro votazione con il sistema misto che combina insieme le preferenze espresse dal pubblico da casa tramite televoto  (telefonia fissa, telefonia mobile e web) e dalla Giuria della Sala Stampa, i giornalisti accreditati in sala stampa (50% di peso per entrambi).

16587289_1399775803401250_7023801270907746793_o.jpg

Il pubblico potrà esprimere le proprie preferenze sulle canzoni in gara al 67° Festival di Sanremo attraverso il Televoto chiamando il numero 894001 da rete fissa e il numero 4754751 da telefonia mobile.

Come da regolamento, la votazione mediante Televoto (votazione da telefonia fissa e da telefonia mobile) da parte del pubblico avverrà nel rispetto del regolamento dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni in materia di trasparenza ed efficacia del servizio di Televoto approvato con delibera n 38/11/CONS e successive modificazioni, nonché dell’apposito Regolamento in materia per Sanremo 2017, che verrà pubblicato sul sito http://www.sanremo.rai.it, prima dell’inizio delle dirette di Sanremo 2017, con tutti i dettagli relativi alle modalità di votazione.

Al fine di rispecchiare l’assoluta genuinità del Televoto quale espressione del voto popolare ovvero di manifestazione delle simpatie del pubblico, nonché delle votazioni in generale, e di non influenzare abusivamente gli esiti della competizione di Sanremo 2017 e ai sensi dell’art. 5 comma 4 del Regolamento AGCOM, è espressamente vietato esprimere voti tramite sistemi, automatizzati o meno, fissi o mobili, che permettono l’invio massivo di chiamate o SMS e/o da utenze che forniscono servizi di call center.

Le prime otto canzoni/artisti accederanno direttamente alla serata del venerdì (quarta serata), mentre le ultime tre entreranno a far parte di una sorta di “girone eliminatorio” che decreterà, nella serata di giovedì (terza serata), i pezzi eliminati.

1486392487957_slide-ospiti-serata-1

Si parte con la clip Start, una rapida carrellata di brani che non hanno vinto Sanremo ma che comunque sono diventati dei successi, in alcuni casi planetari.

Durante la prima serata si esibiranno Tiziano Ferro che omaggerà la storia del Festival cantando un brano del grande Luigi Tenco, in occasione del trentennale della tragica scomparsa e in due brani tratti dal suo nuovo disco, uno dei quali “Il conforto”, accompagnato dalla voce di Carmen Consoli; Ricky Martin e i Clean Bandits, gruppo che ha scalato le classifiche musicali dell’ultimo anno. Ci saranno, inoltre, gli interventi di Raoul Bova e Rocío Muñoz Morales, di Paola Cortellesi e Antonio Albanese, della giornalista sportiva Diletta Leotta, del cestista Marco Cusin e della pallavolista Valentina Diouf. I momenti comici saranno affidati a Maurizio Crozza, presenza fissa in questa edizione, che aprirà tutte le serate con una videocopertina e a Rocco Tanica che sarà, come consuetudine, in collegamento dalla Sala Stampa Lucio Dalla.

L’Italia è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Stoccolma da Francesca Michielin e il suo brano “No Degree of Separation”. Il brano “Nessun grado di separazione” è stato composto da Michielin stessa insieme a Federica Abbate, Cheope e Fabio Gargiulo ed è stato presentato dalla cantante per la prima volta dal vivo in occasione della sua partecipazione alla 66ª edizione del Festival di Sanremo nella sezione “Campioni”, manifestazione alla quale si è classificata seconda dietro a “Un giorno mi dirai “degli Stadio.

In seguito alla rinuncia di questi ultimi per rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest 2016, la Michielin è stata scelta al loro posto e per l’occasione ha realizzato una nuova versione italo-inglese del brano, intitolata “No Degree of Separation”. Tale versione è stata eseguita dalla cantante la serata finale dell’Eurovision, classificandosi sedicesima.

L’Italia ha debuttato all’ESC nel 1956 ed è tra i paesi fondatori della manifestazione, che si ispira al Festival di Sanremo.

Il paese ha vinto la competizione due volte: la prima volta nell’edizione 1964 svoltasi a Copenaghen con l’allora sedicenne Gigliola Cinquetti e la canzone “Non ho l’età (per amarti)“, la seconda nel 1990 a Zagabria con Toto Cutugno e la canzone “Insieme: 1992”. A seguito di queste vittorie l’Italia ha acquisito il diritto di organizzare l’edizione successiva della manifestazione, precisamente l’edizione 1965 a Napoli, e l’edizione 1991 a Roma.

A seguito di queste vittorie l’Italia ha acquisito il diritto di organizzare l’edizione successiva della manifestazione, precisamente l’edizione 1965 a Napoli, e l’edizione 1991 a Roma.

La RAI, dopo il 1997, ha interrotto la sua partecipazione all’Eurovision Song Contest e ne ha sospeso anche la trasmissione. Nel 2011 ritorna dopo 14 anni dall’ultima partecipazione.

L’Italia è tra i paesi fondatori dell’Eurovision Song Contest, che si ispira al Festival di Sanremo. Molti artisti italiani hanno partecipato all’Eurovision Song Contest nel corso degli anni come rappresentanti di altre nazioni. Inoltre, è il membro dei “Big Five” che conta all’attivo meno partecipazioni: solo 40 contro le oltre 50 degli altri quattro Paesi. 

Da quando è tornata, è arrivata per quattro volte nella Top 10 con due podi nel 2011 e 2015.

L’Italia torna a partecipare dal 2011. La scelta cade sul giovane Raphael Gualazzi che, all’ultima votazione, strappa il secondo posto finale ad Eric Saade, finendo dietro soltanto alla coppia azera vincitrice Ell e Nikki, e riceve per quattro volte i 12 punti (da San Marino, Albania, Spagna e Lettonia) ma in televisione lo show è seguito da 1.291.000 milioni di persone (6,43% di share).

Nel 2012 si punta su una concorrente del sessantaduesimo Festival di Sanremo, Nina Zilli con la versione bilingue “L’amore è femmina (Out of Love)”, che arriva nona, mentre gli ascolti sono leggermente migliorati con 1.410.000 milioni e 7,43% di share.

Quindi va in gara il vincitore di Sanremo 2013 Marco Mengoni con il brano “L’essenziale”. La semifinale su Rai5 (che rispetto a 2011 e 2012 ha una migliore copertura del territorio, pur se ancora vacante in alcuni territori) raggiunge 150.000 spettatori e lo 0,65% di share, più del doppio rispetto alla media di rete. Anche la finale migliora gli ascolti con 1.878.000 milioni e 9,17% di share e Mengoni conquista il settimo posto (terza Top 10 di fila per l’Italia).

Per il 2014, la Rai annuncia la trasmissione di entrambe le semifinali, cambiando inoltre rete e spostandosi su Rai4 ed esse, grazie a una migliore copertura del territorio, ottengono una media di 300.000 spettatori. In questa edizione viene scelta Emma Marrone che con “La mia città” ottiene il peggior piazzamento nella storia, dopo quarantotto anni, con un ventunesimo posto, mentre l’audience si assesta su 1.747.000 spettatori e 8,77% di share.

Nel 2015, per la prima volta dal ritorno italiano, il vincitore del Festival di Sanremo ha, per regolamento, il diritto di rappresentare l’Italia al contest europeo salvo rinuncia: i vincitori dell’edizione 2015, Il Volo, accettano subito l’opportunità e cantano la stessa canzone vincitrice a Sanremo, “Grande amore”, portata a 3 minuti, con cui il 23 maggio conquistano il terzo posto nella finale di Vienna con 292 punti ricevuti da tutti i Paesi, di cui nove assegnano i 12 punti. Inoltre gli ascolti hanno una netta risalita rispetto all’anno precedente (792.000 con 3,09% di share per la seconda semifinale su Rai 4 dopo la mancata trasmissione live della prima per improvvisi motivi di palinsesto e 3.292.000 telespettatori con 16,35% di share per la finale su Rai 2).

Nel 2016, dopo il successo di ascolti ottenuto l’anno precedente, la Rai ha deciso di promuovere la finale dell’ESC sulla rete ammiraglia Rai 1 (anche in HD su Tivùsat), che non trasmetteva l’evento dal lontano 1997, anno in cui fu trasmesso in differita, mentre l’ultima diretta fu l’edizione di Roma 1991, anno in cui la Rai organizzò l’evento. Anche in quest’anno viene applicato lo stesso diritto di rappresentare l’Italia all’Eurovision al vincitore del Festival di Sanremo 2016, ovvero gli Stadio, i quali rinunciano facendo quindi ricadere la scelta della Rai sulla seconda classificata, Francesca Michielin, che con “No Degree of Separation” chiude al 16º posto. Buoni gli ascolti tv: la finale ottiene un ascolto medio di 3.3 milioni di telespettatori e 14.500.000 contatti unici (ovvero chi ha seguito la diretta per almeno un minuto), mentre l’Anteprima Eurovision con 3.767.000 telespettatori batte la concorrenza di Striscia la Notizia (3.541.000 telespettatori), e le semifinali su Rai 4 si confermano ben al di sopra della media di rete.

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...