Sanremo 2017: Tutto quello che devi sapere sul Festival di Sanremo 2017


Sanremo 2017 si avvicina e il countdown è iniziato: dal 7 all’11 febbraio la tv italiana si sposta in riviera per la 67esima edizione del Festival della Canzone Italiana, la terza consecutiva con la direzione artistica e la conduzione di Carlo Conti.

Maria De Filippi è l’eccezionale co-conduttrice di questo Sanremo 2017, che farà particolarmente fatica a mettere al centro dell’evento la musica vista la portata dell’evento televisivo, con la regina di Mediaset sul palco più prestigioso della Rai. 

Il Festival di Sanremo (il sessantasettesimo Festival della Canzone Italiana) si svolgerà a Sanremo al Teatro Ariston dal 7 all’11 febbraio 2017 su Rai1 (in alta definizione su Rai HD), su Rai Radio 1 e su Rai Radio2 e RaiPlay, e verrà condotto per la terza volta consecutiva da Carlo Conti, che, come nei due anni precedenti, ne sarà anche direttore artistico (supportato nella scelta dei brani dal maestro Pinuccio Pirazzoli), affiancato dalla conduttrice televisiva Maria De Filippi.

Carlo Conti e Maria De Filippi, saranno i protagonisti di una grande festa, un grande spettacolo aperto a tanti ospiti italiani e star internazionali. Ma il Festival sarà, naturalmente, anche un’avvincente ed appassionata gara canora che vedrà artisti affermati, o di nuova generazione, contendersi la vittoria in ciascuna categoria.

Inoltre per tutte e cinque le serate il comico Maurizio Crozza si esibirà in collegamento con le sue celebri “copertine”. Anche per questa edizione, così come per le due precedenti, lo slogan della manifestazione è ‘Tutti cantano Sanremo’.

Regia, direzione orchestrale e scenografia sono affidate anch’esse per il terzo anno consecutivo rispettivamente a Maurizio Pagnussat, Pinuccio Pirazzoli e Riccardo Bocchini.

In questa edizione della manifestazione il conduttore ha aumentato la quantità dei concorrenti della sezione Campioni da 20 a 22, due in più rispetto altre precedenti edizioni condotte da Carlo Conti, ma alla serata finale accedono solo sedici, affiancati da 8 artisti emergenti che gareggeranno nella sezione Nuove Proposte.

Come già accaduto nelle due edizioni precedenti, al vincitore della sezione Campioni verrà riservato il diritto di rappresentare, salvo rinuncia, l’Italia alla  62ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017, che si terrà per la seconda volta in Ucraina, presso l’IEC – Kiev International Exhibition Centre (МВЦ – Міжнародний Виставковий Центр Київ) di Kiev ‬ il 9, 11 e 13 maggio 2017.

I 22 artisti (e i relativi brani) che gareggeranno nella sezione Campioni del Festival sono stati annunciati durante la diretta della trasmissione televisiva ‘Sarà Sanremo’ (nona edizione televisiva del concorso Sanremo Giovani) andata in onda il 12 dicembre 2016 su Rai 1, anche in radio su Rai Radio 2, commentato in diretta da Carolina Di Domenico ed Ema Stokholma.

Similmente a quanto avvenuto nelle edizioni immediatamente precedenti, la sezione dei partecipanti meno conosciuti, detta ‘Nuove Proposte’, comprenderà 8 concorrenti.

Durante la serata i 12 finalisti del concorso, precedentemente selezionati da una Commissione Musicale, si sono esibiti e sono stati giudicati da una giuria composta da Amadeus, Fabio Canino, Andrea Delogu, Anna Foglietta e Massimo Ranieri, la quale ha scelto tra di loro i 6 cantanti da inserire nella sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2017. Ad essi si sono aggiunti altri 2 cantanti, sempre durante il programma, selezionati tra gli 8 vincitori dell’edizione 2016 del concorso Area Sanremo (concorso canoro che qualifica un numero di artisti non superiore al 25% dei partecipanti alla sezione Giovani dell’edizione seguente del Festival della canzone italiana di Sanremo). Novità di questa edizione è che, nel corso della serata, sono stati annunciati anche i nomi dei ventidue cantanti che faranno parte della sezione Campioni del Festival di Sanremo 2017 (i cosiddetti Big).

Ecco tutti gli ospiti delle serate finora confermati ufficialmente, nei giorni a venire saranno annunciati gli altri e la relativa serata in cui appariranno: Ricky Martin, Tiziano Ferro con Carmen Consoli, Paola Cortellesi e Antonio Albanese, i Clean Bandit, Raoul Bova e Rocío Muñoz Morales, Maurizio Crozza, Giorgia, Biffy Clyro, Sveva Alviti, Flavio Insinna, Enrico Brignan e Gabrielle Cirilli, Mika, Piccolo Coro ‘Mariele Ventre’ dell’Antoniano di Bologna, Zucchero ed Alvaro Soler.

48726ba5cf46fa55c91f0809b0e2c2ad.jpg

I brani/cantanti in gara sono (Cliccando sul titolo trovate tutti i testi delle canzoni, in ordine di comunicazione da parte di Carlo Conti):

• Categoria Campioni:

AL BANO (Albano Carrisi) – “Di rose e di spine” (Maurizio Fabrizio, Katia Astarita), prima serata
ELODIE (Elodie Di Patrizi) – “Tutta colpa mia” (Emma Marrone, Oscar Angiuli, Giovanni Pollex, Francesco Cianciola), prima serata
PAOLA TURCI – “Fatti bella per te” (Paola Turci, Giulia Anania, Luca Chiaravalli, Davide Simonetta), seconda serata
SAMUEL (Samuel Umberto Romano) – “Vedrai” (Samuel Umberto Romano, Riccardo Onori, Christian Rigano), prima serata
FIORELLA MANNOIA – “Che sia benedetta” (Erika Mineo, Salvatore Mineo), prima serata
NESLI ED ALICE PABA (Francesco Tarducci ‘Nesly Rice’ e Alice Paba) – “Do retta a te” (Francesco Tarducci, Orazio Grillo), seconda serata
MICHELE BRAVI – “Il diario degli errori” (Federica Abbate, Giuseppe Anastasi, Cheope), seconda serata
FABRIZIO MORO (Fabrizio Mobrici) – “Portami via” (Fabrizio Mobrici, Roberto Cardelli), prima serata
GIUSY FERRERI (Giuseppa Gaetana Ferreri) – “Fa talmente male” (Paolo Catalano, Fabio Clemente, Roberto Casalino, Alessandro Merli), prima serata
GIGI D’ALESSIO (Luigi D’Alessio) – “La prima stella” (Gigi D’Alessio), seconda serata
RAIGE E GIULIA LUZI (Alex Andrea Vella e Giulia Luzi) – “Togliamoci la voglia” (Alex Vella, Antonio Iammarino, Luca Chiaravalli, Sergio Vallarino), seconda serata
RON (Rosalino Cellamare) – “L’ottava meraviglia” (Rosalino Cellamare, Mattia Del Forno, Francesco Caprara, Emiliano Mangia), prima serata
ERMAL META – “Vietato morire” (Ermal Meta), prima serata
MICHELE ZARRILLO – “Mani nelle mani” (Michele Zarrillo, Giampiero Artegiani), seconda serata
LODOVICA COMELLO – “Il cielo non mi basta” (Federica Abbate, Antonino Di Martino, Dario Faini, Fabrizio Ferraguzzo), prima serata 
SERGIO SYLVESTRE – “Con te” (Giorgia Todrani, Stefano Maiuolo, Sergio Sylvestre), seconda serata
CLEMENTINO (Clemente Maccaro ‘Iena White’)- “Ragazzi fuori” (Clemente Maccaro, Fabio Bartolo Rizzo, Pablo Miguel Lombroni Capalbo, Stefano Tognini), prima serata
ALESSIO BERNABEI – “Nel mezzo di un applauso” (Roberto Casalino, Dario Faini, Vanni Casagrande), prima serata
CHIARA (Chiara Galiazzo) – “Nessun posto è casa mia” (Niccolò Verrienti, Carlo Verrienti), seconda serata
FRANCESCO GABBANI – “Occidentali’s Karma” (Francesco Gabbani, Filippo Gabbani, Fabio Ilacqua, Luca Chiaravalli), seconda serata
BIANCA ATZEI (Veronica Atzei) – “Ora esisti solo tu” (Francesco Silvestre), seconda serata
MARCO MASINI – “Spostato di un secondo” (Marco Masini, Diego Calvetti, Sergio Vallarino), seconda serata

fa5897a7113190df8c64cc6f857524eb.jpg

• Categoria Nuove Proposte:

MALDESTRO (Antonio Prestieri) – “Canzone per Federica” (Antonio Prestieri), #SG Sanremo Giovani
MARIANNE MIRAGE (Giovanna Gardelli) – “Le canzoni fanno male” (Kaballà, Francesco Bianconi), #SG Sanremo Giovani
LELE (Lele Esposito) – “Ora mai” (Raffaele Esposito, Rory Di Benedetto, Rosario Canale), #SG Sanremo Giovani
LEONARDO LAMACCHIA (Leo Stain) – “Ciò che resta” (Mauro Lusini, Giovanni Pollex), #SG Sanremo Giovani
FRANCESCO GUASTI – “Universo” (Francesco Guasti, Maurizio Musumeci, Francesco Ciccotti), #SG Sanremo Giovani
TOMMASO PINI – “Cose che danno ansia” (Andrea Amati, Tommaso Pini, Andrea Francesca Dall’Ora), #SG Sanremo Giovani
BRASCHI (Federico Braschi) – “Nel mare ci sono i coccodrilli” (Federico Braschi, Massimo Marches), Area Sanremo – edizione 2016
VALERIA FARINACCI – “Insieme” (Giuseppe Anastasi), Area Sanremo – edizione 2016

La Giuria di Esperti del Festival di Sanremo 2017 è composta da Linus, Andrea Morricone, Rita Pavone – Small Wonder, Paolo Genovese, Violante Placido, Greta Menchi, Giorgia Surina e Giorgio Moroder.

Ecco il programma delle cinque serate del Festival, scritte da Carlo Conti, Ivana Sabatini, Leopoldo Siano, Emanuele Giovannini, Martino Clericetti, Riccardo Cassini, Mario D’Amico, con la collaborazione artistica Giancarlo Leone; la regia è di Maurizio Pagnussat, la scenografia di Riccardo Bocchini, le luci sono di Mario Catapano:

• Nella prima serata, Martedì – 07 Febbraio 2017Si parte con l’Anteprima dedicata alle canzoni che non hanno vinto Sanremo ma che hanno avuto successo. Superospiti annunciati Ricky Martin, Clean Bandit e Tiziano Ferro e Carmen Consoli che si esibiranno su “Il Conforto”. Tiziano Ferro canterà anche “Potremmo ritornare” e omaggerà Luigi Tenco a 50 anni dalla morte con “Mi sono innamorato di te”. Paola Cortellesi e Antonio Albanese presentano il loro film “Mamma o papà?”. Attesi anche Raoul Bova e Rocío Muñoz Morales. A metà serata attesa la prima copertina di Maurizio Crozza.

Sul fronte della gara dei Big, si esibiscono undici brani di artisti appartenenti alla sezione Campioni  che vengono votati dal pubblico tramite televoto (telefonia fissa, telefonia mobile e web) e dalla giuria della sala stampa (50% di peso per entrambi). I primi otto si qualificano per la serata di venerdì, gli altri finiscono al girone eliminatorio nel corso della terza serata, quella di giovedì sera.

Tra gli ospiti: Ricky Martin, Tiziano Ferro con Carmen Consoli, Paola Cortellesi e Antonio Albanese, Clean Bandit, Raoul Bova e Rocío Muñoz Moralez e Maurizio Crozza.

• Nella seconda serata, Mercoledì – 08 Febbraio 2017: Ospiti musicali Giorgia, LP e i  Biffy Clyro. Presente anche Sveva Alviti, protagonista della fiction tv Dalida, su Rai 1 a metà febbraio. A metà serata attesa la seconda copertina di Maurizio Crozza. Ospiti comici l’inedito trio formato da Enrico Brignano, Gabriele Cirilli e Flavio Insinna. Per la sagra della romanità si attende anche Francesco Totti.

Sul fronte della gara dei Big, si esibiscono i restanti undici brani di artisti appartenenti alla sezione Campioni che vengono votati dal pubblico tramite televoto e dalla giuria della sala stampa (50% di peso per entrambi). I primi otto si qualificano per la serata di venerdì, gli altri finiscono al girone eliminatorio nel corso della terza serata, quella di giovedì sera.

Si esibiscono i primi quattro brani di artisti appartenenti alla sezione Nuove Proposte, in due coppie a “sfida diretta”, e i due vincitori accedono alla finale di venerdì 10 (quarta serata), le altre vengono definitivamente eliminate.

Tra gli ospiti: Robbie Williams, Robin Schulz, Giorgia, Keanu Reeves, Biffy Clyro, Sveva Alviti, Flavio Insinna, Enrico Brignano, Gabriele Cirilli e Francesco Totti.

Nella terza serata, Giovedì – 09 Febbraio 2017: Superospite Mika, in una serata che ha per protagonisti i bambini. Sarà presente il Piccolo Coro dell’Antoniano “Mariele Ventre” per celebrare i 60 anni dello Zecchino d’Oro.  e l’Orchestra de Instrumentos Reciclados de Cateura, dal Paraguay. Attesa anche l’ostetrica che ha fatto nascere oltre 7600 bambini, Maria Pollacci. A metà serata attesa la terza copertina di Maurizio Crozza.

In questa serata i sedici artisti della sezione Campioni che hanno superato le selezioni delle prime due serate interpretano delle cover, ovvero rivisitazioni di brani storici. Gli artisti possono essere accompagnati, se lo desiderano, da altri artisti ospiti italiani o stranieri. L’interpretazione più votata riceverà un premio speciale. L’anno scorso vinsero gli Stadio con La sera dei miracoli di Lucio Dalla, preludio alla vittoria finale con Un giorno mi dirai.

I sei brani di artisti (meno votati delle prime due serate ) appartenenti alla sezione Campioni che sono a rischio eliminazione gareggiano in un girone eliminatorio. Due di questi vengono eliminati, mentre gli altri quattro vengono ripescati per mezzo di votazione della giuria della sala stampa e del pubblico tramite televoto (50% di peso per entrambi), e accedono alla serata del venerdì insieme ai sedici brani di artisti appartenenti alla sezione Campioni già qualificati.

Si esibiscono i rimanenti quattro brani degli artisti appartenenti alla sezione Nuove Proposte, in due coppie a “sfida diretta”, e i due vincitori accedono alla finale di venerdì 10 (quarta serata), le altre vengono definitivamente eliminate.

Ecco la lista completa delle 22 cover scelti dai Campioni:

  • Al Bano – “Pregherò”  di Adriano Celentano
  • Alessio Berbanei – “Un giorno credi”  di Franco Battiato
  • Bianca Atzei – “Con il nastro rosa”  di Lucio Battisti
  • Chiara – “Diamante”  di Zucchero con Mauro Pagani al violino
  • Clementino – “Svalutation”  di Adriano Celentano
  • Elodie – “Quando finisce un amore”  di Riccardo Cocciante
  • Ermal Meta – “Amara Terra Mia”  di Pino Daniele
  • Fabrizio Moro – “La leva calcistica classe 68”  di Francesco De Gregori
  • Fiorella Mannoia – “Sempre e per sempre”  di Francesco De Gregori con Danilo Rea
  • Francesco Gabbani – “Susanna”  di Adriano Celentano
  • Gigi D’Alessio – “L’immensità”  di Don Backy
  • Giusy Ferreri – “Il Paradiso”  di Patty Pravo
  • Lodovica Comello – “Le mille bolle blu” di Mina
  • Marco Masini – “Signor Tenente”  di Giorgio Faletti
  • Michele Bravi – “La stagione dell’amore”  di Franco Battiato
  • Michele Zarrillo – “Se tu non torni”  di Miguel Bosè
  • Nesli e Alice Paba – “Ma il cielo è sempre più blu”  di Rino Gaetano
  • Raige e Giulia Luzi – “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones”  di Gianni Morandi
  • Ron con Annalisa – “Insieme a te non ci sto più”  di Franco Battiato
  • Paola Turci – “Un’emozione da poco”  di Anna Oxa
  • Samuel – “Ho difeso il mio amore” dei Nomadi
  • Sergio Sylvestre  con i Soul System – “La pelle nera”  di Nino Ferrer

Tra gli ospiti: Mika, Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna e Marco Giallini e Alessandro Gassmann.

• Nella quarta serata, Venerdì – 10 Febbraio 2017: Nessun superospite nella serata delle Cover. A metà serata attesa la quarta copertina di Maurizio Crozza. In prima fila, invece, ci sarà Beppe Vessicchio, per la gioia dei suoi tanti fans. Marco Giallini e Alessandro Gassmann presentano il film Beata ignoranza.

I venti brani di artisti appartenenti alla sezione Campioni rimasti in gara si esibiscono (votati da zero – le votazioni precedenti vengono azzerate – , con sistema misto, del pubblico tramite televoto 40%, della giuria degli esperti 30% e della giuria demoscopica 30%). Le ultime quattro canzoni vengono definitivamente eliminate.

Nella stessa serata, la Finale delle Nuove Proposte: i quattro brani rimasti in gara di artisti appartenenti alla sezione Nuove Proposte si sfidano in confronti diretti, votati dal pubblico attraverso il televoto (40%), dalla giuria degli esperti (30%) e dalla giuria demoscopica (30%). Il più votato è decretato vincitore della sezione Nuove proposte 2017.

Tra gli ospiti: Antonella Clerici e Peppe Vessicchio.

• Nella quinta serata, 11 Febbraio 2017: Gli ospiti attesi Zucchero e Álvaro Soler.

I sedici brani rimasti in gara degli artisti appartenenti alla sezione Campioni vengono votati da zero (le votazioni precedenti vengono azzerate) dal pubblico tramite televoto (40%), dalla giuria di esperti (30%) e dalla giuria demoscopica (30%). I tre brani degli artisti appartenenti alla sezione Campioni più votati accedono alla Finale e si esibiscono nuovamente. Le canzoni vengono votate nuovamente da zero (votazioni precedenti azzerate) attraverso il televoto (40%), la giuria degli esperti (30%) e la giuria demoscopica (30%). L’artista con la percentuale di voto complessiva più elevata viene proclamato vincitore della 67 edizione del Festival di Sanremo della Sezione Campioni e ha diritto a partecipare all’Eurovision Song Contest 2017.

Tra gli ospiti: Zucchero, Alvaro Soler, Alessandra Mastronardi, Diana Del Bufalo e Giusy Buscemi e Ladri di Carrozzelle.

Ecco i premi e riconoscimenti che saranno consegnati durante la manifestazione:

•Sezione Campioni: Vincitore 67º Festival di Sanremo Sezione Campioni, Rappresentante designato dell’Italia all’Eurovision Song Contest 2017, Podio – secondo classificato 67º Festival di Sanremo Sezione Campioni, Podio – terzo classificato 67º Festival di Sanremo Sezione Campioni, Premio della Critica Mia Martini Sezione Campioni, Premio Sala Stampa “Lucio Dalla” (Sala Stampa Radio-TV), Premio “Giancarlo Bigazzi” al miglior arrangiamento assegnato dai Maestri dell’Orchestra e Premio alla miglior esibizione cover.

•Sezione Nuove Proposte: Vincitore 67º Festival di Sanremo Sezione Nuove Proposte, Premio “Emanuele Luzzati” Sezione Nuove Proposte, Podio – secondo classificato 67º Festival di Sanremo Sezione Nuove Proposte, Podio – terzo classificato 67º Festival di Sanremo Sezione Nuove Proposte, Premio della Critica Mia Martini Sezione Nuove Proposte, Premio Sala Stampa “Lucio Dalla” (Sala Stampa Radio-TV) Sezione Nuove Proposte, Premio al miglior testo “Sergio Bardotti” Sezione Nuove Proposte e Premio Assomusica.

•Altri premi: Assegnazione targa FIMI e Premio Città di Sanremo.

A seguito del successo ottenuto dal Dopofestival del 2016, il Dopofestival è stato riconfermato. Andrà in onda in diretta da Villa Ormond, location anche della precedente edizione, condotto da Nicola Savino, Ubaldo Pantani e la Gialappa’s Band, con la canzone “Tutta la vita questa vita” dei La Rua come l’intersigla.

Regolamenti: 

Ormai mancano meno di 3 giorni all’inizio del Festival di Sanremo edizione numero sessantasei. La kermesse quest’anno andrà in onda dal 9 al 13 febbraio prossimo. 

In quella settimana, come di consuetudine, i negozi di dischi saranno invasi dagli album dei cantanti in gara al festival tra nuove uscite e ristampe.

Andiamo quindi a dare un occhio a quello che dovremmo trovare nei negozi in quei giorni. Il post è in continuo aggiornamento.

sanremo-2017-compilation.jpg

•Sanremo 2017 compilation, tracklist del doppio album: Venerdì 10 febbraio uscirà “Sanremo 2017”, l’unica compilation con le canzoni del prossimo Festival di Sanremo (quaranta tra i più bei brani eseguiti al Festival di Sanremo 2017).  Si tratta di un doppio CD distribuito da Universal Music Italia e  promosso da Radio Italia solomusicaitaliana, che si potrà  trovare nei negozi di dischi, negli store digitali e nelle  edicole con “Tv Sorrisi e Canzoni”, a 14,90 euro (escluso il prezzo della rivista).

Nella compilation sono presenti ventuno dei ventidue brani inediti dei big (manca all’appello “Ora esisti solo tu” di Bianca Atzei, perché la sua casa discografica non ha concesso i diritti per la pubblicazione), tutti quelli delle nuove proposte, più dieci canzoni della serata cover e “Tutta la vita questa vita” dei La Rua come Bonus Track.

Non ci sarà, nella compilation, per motivi a noi sconosciuti, non apparirà nella compilation: Bianca Atzei.

Di seguito potete leggere la lista completa dei 40 brani inclusi nella compilation. 

– Al Bano – “Di Rose e di Spine”
– Elodie – “Tutta colpa mia”
– Paola Turci – “Fatti bella per te”
– Samuel – “Vedrai”
– Fiorella Mannoia – “Che sia benedetta”
– Nesli e Alice Paba – “Do retta a te”
– Michele Bravi – “Il diario degli errori”
– Fabrizio Moro – “Portami Via”
– Giusy Ferreri – “Fatalmente male”
– Gigi D’Alessio – “La prima stella”
– Raige e Giulia Luzi – “Togliamoci la voglia”
– Ron – “L’ottava meraviglia”
– Ermal Meta – “Vietato morire”
– Michele Zarrillo – “Mani nelle mani”
– Lodovica Comello – “Il cielo non mi basta”
– Sergio Sylvestre – “Con Te”
– Clementino – “Ragazzi Fuori”
– Alessio Bernabei – “Nel mezzo di un applauso”
– Chiara – “Nessun posto è casa mia”
– Francesco Gabbani – “Occidentali’s Karma”
– Bianca Atzei – “Ora esisti solo tu”
– Marco Masini – “Spostato di un secondo”
– Francesco Guasti – “Universo”
– Lele – “Ora mai”
– Leonardo Lamacchia – “Ciò che resta”
– Maldestro – “Canzone per Federica”
– Marianne Mirage – “Le canzoni fanno male”
– Tommaso Pini – “Cose che danno ansia”
– Valeria Farinacci – “Insieme” 
– Braschi – “Nel mare ci sono i coccodrilli” 
– Clementino – “Svalutation”
– Nesli e Alice Paba – “Ma il cielo è sempre più blu”
– Michele Zarrillo – “Se tu non torni”
– Michele Bravi – “La stagione dell’amore”
– Lodovica Comello – “Le mille bolle blu”
– Marco Masini – “Signor Tenente”
– Al Bano – “Pregherò”
– Raige e Giulia Luzi – “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones”
– Ermal Meta – “Amara Terra mia”
– Paola Turci – “Un’emozione da poco”
– La Rua – “Tutta la vita questa vita” (bonus track)

•Tutti gli album in uscita – Campioni:

– Al Bano (Albano Carrisi) – “Di Rose e di Spine” (Maurizio Fabrizio, Katia Astarita).

Al Bano.jpgIl prossimo 67esimo Festival di Sanremo, segnerà il ritorno sul palco del Teatro Ariston di Al Bano Carrisi, uno dei nomi storici della musica leggera italiana, a sei anni di distanza dalla sua ultima partecipazione e, soprattutto, dopo i recenti problemi di salute che lo hanno coinvolto, causati da due ravvicinati attacchi cardiaci. Dopo l’intervento, perfettamente riuscito, le sue condizioni di salute sono in netta ripresa.

Al Bano Carrisi alle soglie dei 74 anni è, quest’anno, il partecipante più maturo della kermesse e ha raggiunto Peppino di Capri, Toto Cutugno e Milva a quota 15 partecipazioni in 49 anni (la prima risale al 1968). 

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Di rose e di spine”, composto dallo stesso cantautore insieme a Maurizio Fabrizio e Katia Astarita, due autorevoli firme della musica leggera italiana; e parla di una storia d’amore intensa, che pur essendo ormai giunta al termine non smette di far soffrire.

Il pezzo accompagnerà l’uscita del suo nuovo doppio album di inediti del cantante, la cui data di uscita è prevista per il 10 febbraio, proprio nel clou della settimana sanremese. Nel primo cd troveremo 14 inediti, tra cui oltre al pezzo sanremese, anche la cover della canzone di Adriano Celentano “Pregherò” che Al Bano presenterà nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio. Nel secondo invece si potranno riascoltare tutti i più grandi successi della sua lunghissima carriera che hanno permesso ad Al Bano di essere conosciuto in tutto il mondo.

“Sono felicissimo di poter tornare a Sanremo e sopratutto di portare un testo se vogliamo in controtendenza, che amo molto. Insomma, sarò in formissima, ve lo prometto” ha dichiarato a caldo Al Bano.

Per l’artista pugliese si tratta della quindicesima partecipazione alla kermesse musicale (per la decima volta si presenta da solista), eguagliando così il record di presenze attualmente detenuto da Toto Cutugno, Milva e Peppino Di Capri. Moltissimi i pezzi di successo che il cantante ha portato sul palco dell’Ariston nei suoi cinquant’anni di carriera, ottenendo: una storica vittoria nel 1984 con “Ci sarà”; due secondi posti nel 1982 con “Felicità” e nel 2007 con “Nel perdono”; tre terzi posti nel 1987 con “Nostalgia canaglia”, nel 1989 con “Cara terra mia”, nel 2011 con “Amanda è libera” e il suo capolavoro “È la mia vita del 1996.

Nella sua carriera, Al Bano Carrisi ha pubblicato 35 album in studio (20 da solista, 13 in coppia con Romina Power, 2 in coppia con Massimo Ferrarese) e 17 raccolte (11 da solista, 3 in coppia con Romina Power, 3 con altri cantanti), ottenendo successo non solo in Italia ma anche nel resto del mondo. Tra i suoi brani famosi: “Felicità”, “Nostalgia canaglia”, “Nel Sole”, “Ci Sarà” e quant’altre. 

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Al Bano interpreterà “Pregherò” di Adriano Celentano.

Per ascoltare “Di rose e di spine” non ci resta che aspettare la 67esima edizione del Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Interviste ad Al Bano.

albano-di-rose-e-di-spineAlbum: ‘Di rose e di spine’ (10 febbraio, Sony Music Italia). Doppio album: Disco 1 – 13 Inediti + la cover di Sanremo, Disco 2- successi sanremesi di Al Bano. Tracklist: CD 1: 1. Per te, 2. Teneramente, 3. Pregherò, 4. Un Pugno nell’anima, 5. Notte cubana, 6. Il Somaro, 7. Tu sei bellissima, 8. Caro amore, 9. Non sarai mai solo, 10. Quel poco che ho, 11. Il Sipario, 12. Buona notte angelo mio, 13. Tu non lasciarmi mai, 14. Di rose e di spine; CD 2: 1 La siepe, 2 13 storia d’oggio male, 3 In controluce, 4 Felicità, 5 Ci sarà, 6 Nostalgia canaglia, 7 Cara terra mia, 8 Oggi sposi, 9 È la mia vita, 10 Verso il sole, 11 Ancora in volo, 12 Nel perdono, 13 L’amore è sempre amore, 14 Amanda è libera.
Primo album:  Albano (1967)
Ultimo album:  Canzoni per la vita (2013)
Presenze al Festival: 14 (di cui 5 con Romina Power)
1968 La Siepe (9° posto)
1971 13, storia d’oggi (8° posto)
1974 In controluce (13° posto)
1982 Felicità (2° posto)
1984 Ci sarà (1° posto)
1987 Nostalgia canaglia (3° posto)
1989 Cara terra mia (3° posto)
1991 Oggi sposi (finalisti)
1996 E´la mia vita (7° posto)
1997 Verso il sole (finalista)
1999 Ancora in volo (6° posto)
2007 Nel perdono (2° posto)
2009 L’Amore è sempre amore (finalista)
2011 Amanda è libera (3° posto)

– Elodie (Elodie Di Patrizi) – “Tutta colpa mia” (Emma Marrone, Oscar Angiuli, Giovanni Pollex, Francesco Cianciola).

elodieAtteso debutto per Elodie Di Patrizi al prossimo Festival di Sanremo, giunto alla sua 67esima edizione. Per la giovane cantante romana è la prima partecipazione al Festival, che è arrivata seconda all’edizione 2016 (quindicesima edizione) di Amici di Maria De Filippi, vincendo il Premio della Critica.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Tutta colpa mia”, composto da Oscar Angiuli, Giovanni Pollex, Francesco Cianciola ed Emma Marrone, sua attuale produttrice. A dirigere l’orchestra del Festival di Sanremo per Elodie sarà il Maestro Fabio Gurian. Il pezzo accompagnerà l’uscita del secondo album di inediti dell’artista, la cui uscita è prevista peri prossimi mesi. “In questo momento non so come contenere l’emozione e la mia felicità, so solamente che si è avverato il sogno che coltivavo sin da bambina. Con Sanremo è nata la mia passione per la musica. Grazie di cuore a Carlo Conti e non vedo l’ora di farvi sentire  “Tutta colpa mia”!” ha commentato a caldo la ragazza dai capelli fucsia sui suoi social in merito alla partecipazione a Sanremo.

Nata a roma il 3 maggio del 1990, da famiglia di origini francesi, si dedica sin da giovanissima all’attività di modella, abbandonata per tentare la carriera di cantante. La sua passione per la musica la spinge a partecipare ai provini di diversi talent, da X Factor ad Amici. Proprio al popolare show di Maria De Filippi, viene ammessa al suo secondo tentativo dello scorso anno, classificandosi al secondo posto alle spalle di Sergio Sylvestre, in gara anche lui al Festival di Sanremo 2017. Sulla scia del successo televisivo, lancia il suo primo disco intitolato “Un’altra vita”, che contiene brani firmati da Fabrizio Moro, Francesco Renga, Federica Abbate, Diego Calvetti, Cheope, Ermal Meta, Federica Camba e Daniele Coro.

L’album di debutto viene certificato disco d’oro, per le oltre 25.000 copie vendute, grazie al successo dei due singoli estratti: “Amore avrai” e “L’imperfezione della vita”. Partecipa al Coca-Cola Summer Festival 2016, prima apparizione televisiva dopo l’avventura di Amici e vince la seconda serata conquistando il Premio Rtl 102.5. Dopo aver aperto gli ultimi concerti di Emma e aver dettato con Loredana Bertè sulle note di “Stiamo come stiamo”, per Elodie Di Patrizi si prospetta un anno molto fortunato.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Elodie interpreterà “Quando finisce un amore” di Riccardo Cocciante.

Per ascoltare “Tutta colpa mia” non ci resta che aspettare la prossima edizione del Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista ad Elodie.

elodie_cover_bAlbum: ‘Tutta colpa mia’ (17 febbraio, Universal Music Italia). Inediti, un duetto. Tracklist: 1. Tutta Colpa Mia, 2. Amarsi Basterà (feat Zibba), 3. Fine, 4. Semplice, 5. Sono Pazza Di Te, 6. Verrà Da Sè, 7. La Mia Strada Verso Il Sole, 8. La Differenza, 9. Giorni Bellissimi, 10. La Gelosia, 11. Una Favola Non è, 12. La Cosa Che Rimane, 13. La Verità.
Primo album:  Un’Altra vita (2016)
Ultimo album:  Un’Altra vita (2016)
Presenze al Festival: Nessuna

– Paola Turci – “Fatti bella per te” (Paola Turci, Giulia Anania, Luca Chiaravalli, Davide Simonetta).

Paola Turci.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Paola Turci, cantautrice romana classe ’64, che torna sul palco dell’Ariston per la decima volta in carriera a distanza di sedici anni dalla sua ultima volta, con il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti intitolato “Fatti bella per te”. Paola Turci ha atteso il verdetto sull’inserimento del suo nome nella rosa dei Big di Sanremo 2017 assieme ad Emma Marrone ed Elodie.

“È un tema a me caro, quello dell’accettazione di sé. L’ho cominciato ad affrontare seriamente quando sono venuta allo scoperto con me stessa ammettendo di avere paura invece di avere coraggio. Allora l’ho confessato pubblicando un libro e raccontando i miei limiti, gli sbagli, la mia vulnerabilità, e ne è uscito un libro dal titolo “Mi amerò lo stesso” che poi è diventato un monologo teatrale che ha visto realizzare il mio sogno di fare l’attrice interrotto il giorno in cui mi sono spaccata la faccia, 24 anni fa. Queste – il libro e il teatro – sono state due esperienze curative. E questa canzone lo racconta bene”, ha dichiriato la stessa Turci.

Per l’artista romana si tratta della decima partecipazione alla kermesse musicale, con un pezzo composto con Giulia Anania, Luca Chiaravalli e Davide Simonetta, che accompagnerà l’uscita del suo dodicesimo album di inediti, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. Paola Turci non ha mai vinto il Festival di Sanremo ma nel 1987, 1988 e 1989 ha vinto il premio delle Critica. Nel frattempo, però, ha avuto modo di ritornare comunque sul palco, come ospite di Max Gazzè nell’edizione del 2008, in cui ha duettato ne “Il solito sesso”, e nel 2014 con Riccardo Sinigallia.

Nata a Roma il 12 settembre del 1964, nella sua trentennale carriera ha pubblicato dodici album in studio e realizzato diversi singoli di successo, tra cui: “L’uomo di ieri”, “Primo tango”, “Sarò bellissima”, “Ti amerò lo stesso”, “Bambini”, “Ringrazio Dio”, “Stato di calma apparente”, “Io e Maria”, “Una sgommata e via”, “Volo così”, “Sai che un attimo”, “Questione di sguardi”, “Sabbia bagnata”, “Mani giunte”, “Attraversami il cuore”, “Danza intorno al sole” ed “Io sono”.

Nel 1993 ha avuto un incidente sulla Salerno-Reggio Calabria durante un tour estivo, da cui si riprenderà a fatica e con diversi interventi chirurgici. Subito dopo l’incidente e il successivo ricovero, decide di ritornare il prima possibile a fare il suo lavoro.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Paola Turci interpreterà “Un’emozione da poco” di Anna Oxa.

Per ascoltare “Fatti bella per te” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Paola Turci.

16406722_10155276369143455_1281742741196784179_nAlbum: ‘Il Secondo Cuore’ (31 Marzo, Warner Music Italia). Inediti, con una edizione speciale in vinile rosso. Tracklist:
Primo album:  Ragazza sola ragazza blu (1988)
Ultimo album:  Io sono (2015)
Presenze al Festival: 11
1986 L’Uomo di ieri (non finalista giovani)
1987 Primo tango (non finalista giovani e Premio della critica)
1988 Sarò bellissima (non finalista giovani e Premio della critica)
1989 Bambini (1° posto categoria Emergenti e Premio della critica)
1990 Ringrazio Dio (finalista)
1993 Stato di calma apparente (7° posto)
1996 Volo così (10° posto)
1998 Solo come me (4° posto)
2001 Saluto l’inverno (5° posto)

– Samuel (Samuel Umberto Romano) – “Vedrai” (Samuel Umberto Romano, Riccardo Onori, Christian Rigano).

Samuel.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Samuel, al debutto da solista dopo aver partecipato come frontman dei Subsonica (il più noto gruppo italiano di musica elettronica) con la hit “Tutti i miei sbagli”, giunta solo undicesima ma diventata in breve uno dei grandi successi del gruppo torinese. “Correva l’anno 2000 e con quattro amici partecipavo al Festival canoro più vintage del mondo. Ora dopo diciassette anni tornerò da solista. Sarà duro girarsi e non vedere il mio gruppo, ma so che una grande parte di voi sarà dietro di me a sorreggermi” ha dichiarato a caldo l’artista.

Il pezzo selezionato dal direttore artistico Carlo Conti si intitola “Vedrai”, scritto a sei mani con Riccardo Onori e Christian Rigano, ed anticipa l’uscita del suo primo album “Il codice della bellezza”. 

Nato a Torino il 7 marzo del 1972, Samuel Umberto Romano assieme a Massimiliano Casacci (detto Max), Davide Dileo (conosciuto con lo pseudonimo di Boosta) ed Enrico Matta (alias Ninja), fonda nel 1996 i Subsonica, che si impongono subito come un’interessante novità della scena musicale pop-elettronica, pubblicando brani di successo come: “Istantanee”, “Cose che non ho”, “Liberi tutti”, “Colpo di pistola”, “Liberi tutti”, “Discolabirinto” con i Bluvertigo, “Tutti i miei sbagli”, “Nuvole rapide”, “Nuova ossessione”, “L’errore”, “Abitudine”, “Incantevole”, “La glaciazione”, “Eden”, “La funzione” con i Righeira, “Istrice”, “Lazzaro” e “Di domenica”. Tanti i riconoscimenti conquistati con la band: 7 album in studio con oltre 400mila copie di dischi venduti, senza dimenticare i prestigiosi premi quali Premio Amnesty Italia, MTV Europe Music Award, Italian Music Awards, TRL Award ed un undicesimo posto al Festival di Sanremo nel 2000.

Lo scorso anno ha annunciato il suo debutto da solista, lanciando i singoli “La risposta”, che ha trascorso una settimana al 1° posto nella classifica di EarOne dei passaggi radiofonici e “Rabbia”. 

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Samuel interpreterà “Ho difeso il mio amore” dei Nomadi.

Per ascoltare “Vedrai” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Samuel.

samuel-il-codice-della-bellezzaAlbum: Il Codice della bellezza (24 febbraio, Sony Music Italia).  Inediti con un duetto. Tracklist: 1 – La Risposta, 2 – Vedrai, 3 – Rabbia, 4 – Il Treno, 5 – Più di tutto, 6 – La Statua della mia libertà, 7 – Qualcosa, 8 – Come una cenerentola, 9 – Voleva un’anima (feat. Jovanotti), 10 – La Luna piena, 11 – Passaggio ad un’amica, 12 – Il Codice della bellezza. 
Primo album:  con i Subsonica (1997)
Ultimo album:  Una Nave in una foresta (2014, con i Subsonica)
Presenze al Festival:  1 (con i Subsonica)
200o tutti i miei sbagli (11° posto)

– Fiorella Mannoia – “Che sia benedetta” (Erika Mineo, Salvatore Mineo).

Fiorella Mannoia.jpegAttesissimo ritorno al Festival di Sanremo per Fiorella Mannoia, a ben ventinove anni di distanza dalla sua ultima partecipazione nel 1988, quando giunse al decimo posto col brano “Le notti di maggio”. Per l’artista romana si tratta della quinta volta in gara alla popolare kermesse musicale, ma non ha mai vinto un Festival. Nelle ultime due partecipazioni si è aggiudicata il Premio della Critica per due anni di seguito.

Oltre alle quattro partecipazioni in gara, la ricordiamo super-ospite del Festival nel 2000, in occasione della cinquantesima edizione del concorso canoro. Durante la quarta serata del Festival di Sanremo 2014 duetta con Frankie hi-nrg mc come guest con il brano Boogie omaggiando Paolo Conte.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Che sia benedetta” e porta la firma di Erika Mineo, cantautrice meglio conosciuta con le pseudonimo di Amara. Il pezzo accompagnerà la riedizione del suo ultimo disco di inediti “Combattente”, pubblicato lo scorso 4 novembre. Nella sua carriera, Fiorella ha pubblicato sedici album di inediti e realizzando svariati singoli di successo, tra cui “Il tempo non torna più”, “La giostra della memoria”, “I dubbi dell’amore”, “I venti del cuore”, “Oh che sarà”, “Ascolta l’infinito”, Il cielo d’Irlanda”, “L’altra madre”, “Belle speranze”, “L’amore con l’amore si paga”, “Sally”, “Fragile”, “Il re di chi ama troppo”, “Io non ho paura”, “L’amore si odia” con Noemi, “Le parole perdute” e “Perfetti sconosciuti”.

Nata a Roma il 4 aprile del 1954, ha fatto della raffinatezza e dell’interpretazione il suo marchio di fabbrica, che ha contraddistinto da sempre la sua intera produzione discografica. Il suo album d’esordio, Mannoia Foresi & Co, risale ai primi anni settenta. Ha saputo costruirsi dalla metà degli anni ottanta la necessaria credibilità per diventare la voce e il controcanto femminile di una canzone d’autore storicamente declinata al maschile. Protagonista della canzone d’autore italiana, sin dagli anni ’70 ha saputo selezionare accuratamente il suo repertorio, cantando pezzi scritti per lei da autori del calibro di: Enrico Ruggeri, Ivano Fossati, Riccardo Cocciante, Francesco De Gregori, Ron, Samuele Bersani, Daniele Silvestri, Vasco Rossi, Luciano Ligabue, Jovanotti, Pino Daniele, Franco Battiato, Giuliano Sangiorgi e Tiziano Ferro.

La cantante ha alle spalle anche alcune partecipazioni cinematografiche. Nel 2015, a dodici anni di distanza dalla partecipazione al film Prima dammi un bacio, Fiorella Mannoia torna alla recitazione, dopo essere stata scelta da Michele Placido per il cast di 7 minuti. Nel febbraio 2016, invece, esce nelle sale cinematografiche Perfetti sconosciuti, commedia di Paolo Genovese dove Fiorella firma il testo e voce dell’omonimo brano, tema principale del film composto insieme a Bungaro e Cesare Chiodo.

Il rapporto tra l’artista sessantaduenne ed il Festival di Sanremo non è stato mai stato idilliaco, nonostante due premi della critica, non si è mai classificata oltre l’ottavo posto, ma è giunto il momento del riscatto.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Fiorella Mannoia interpreterà “Sempre e per sempre” di Francesco De Gregori.

Per ascoltare “Che sia benedetta” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Fiorella Mannoia.

combattente_cover-special-edition_bassa-e1484580534972Album: Combattente edizione speciale (10 febbraio, Sony Music Italia). Doppio album: Disco uno repackaging + inedito di Sanremo, disco 2 successi sanremesi della Mannoia in versione live + cover “La Cura” di Battiato + Cover di Sanremo. Tracklist: CD 1: 1. Che sia benedetta, 2. Combattente, 3. Nessuna conseguenza, 4. Siamo ancora qui, 5. I pensieri di Zo, 6. Anima di neve, 7. I miei passi, 8. L’abitudine che ho, 9. Ogni domenica con te, 10. Perfetti sconosciuti, 11. L’ultimo Babbo Natale, 12. La terra da lontano CD 2: 1. Sempre e per sempre, 2. Caffè nero bollente (live 2017), 3. Come si cambia (live 2017), 4. Quello che le donne non dicono (live 2017), 5. Le notti di maggio (live 2017), 6. La cura (live 2017) Bonus track.
Primo album:  Fiorella Mannoia (1983)
Ultimo album:  Combattente (2016)
Presenze al Festival: 4
•1981 Caffè nero bollente (finalista)
•1984 Come si cambia (14° posto)
•1987 Quello che le donne non dicono (° posto e Premio della critica)
•1988 Le Notti di maggio (10° posto e Premio della critica)

– Nesli e Alice Paba (Francesco Tarducci ‘Nesly Rice’ e Alice Paba) – “Do retta a te” (Francesco Tarducci, Orazio Grillo).

Nesli e Alice Paba.jpgAtteso debutto al Festival di Sanremo per l’inedita coppia formata da Alice Paba e Nesli, giovane vincitrice dell’ultima edizione di The voice of Italy (quarta ed ultima edizione di The Voice of Italy, trasmessa nel mese di maggio 2016 da Rai 2) lei ed affermato rapper-cantautore lui.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Do retta a te” ed è stato composto da Francesco Tarducci, vero nome di Nesli, ed Orazio Grillo, artista meglio conosciuto con il nome d’arte di Brando.

Alice Paba: “Quasi quasi … mollo tutto e divento felice! Non ho parole per descrivere questo momento”.

Nesli: “Sono preso bene perché dalla regia mi dicono che mi hanno preso a Sanremo, sono felicissimo. Volevo ringraziare ufficialmente Carlo Conti per aver rinnovato la scommessa”.

Alice Paba, nata a Tolfa in provincia di Roma il 15 febbraio del 1997, si appassiona alla musica grazie al karaoke, iniziando a prendere lezioni di canto ed a studiare da autodidatta la chitarra. Ha già scritto undici brani inediti, insieme allo zio. Nel 2015 prende parte alla quattordicesima edizione di Amici di Maria De Filippi, venendo eliminata durante le fasi iniziali. L’anno successivo ci riprova con il talent show di Rai 2, vincendo la quarta edizione di The voice nel team di Dolcenera (“Il canto è l’unica cosa che mi fa sentire al posto mio, mentre di solito, durante la vita normale, mi sento confusa”, ha detto in quell’occasione.), lanciando il singolo “Parlerò d’amore” (che non ha avuto il successo sperato) composto da Ermal Meta, che ritroverà sul palco dell’Ariston. A Sanremo parteciperà con “Do retta a te”, un duetto che anticipa il suo album di debutto intitolato “Se fossi un angelo”.

Atteso ritorno, invece, per Nesli che torna a distanza di due anni dalla sua prima partecipazione con “Buona fortuna amore”, dopo aver negato la sua partecipazione alla 63esime edizione del Festival. Fratello di Fabri Fibra, nella sua carriera ha scritto pezzi di successo per diversi artisti, da “La fine” per Tiziano Ferro a “Dimentico tutto” per Emma Marrone. Si appassiona al rap sin dalla tenera età e realizza il suo primo demo nel 1999. Intanto collabora ad alcuni brani del fratello e nel 2007 esce il suo primo album con una major, la Universal: il disco, intitolato ‘Le verità nascoste’, viene definito come “miglior album hip hop dell’anno”. 

Seguono altri sei album, attraverso i quali da rapper puro passa a sonorità e testi più cantautorali (Nesliving Vol. 1 e Fragile – Nesliving Vol. 2 nel 2009, L’amore è qui nel 2010, Nesliving Vol. 3 – Voglio nel 2012, Andrà tutto bene nel 2015 e Kill Karma nel 2016). Partecipa al Coca Cola Summer Festival e al Festival di Sanremo, sforna singoli di successo come “Andrà tutto bene”, “Ti sposerò” e “Equivale all’immenso”.

A maggio è uscito il singolo “Equivale all’immenso”, primo singolo dell’album ‘Kill Karma’, a cui è seguito il secondo singolo “Perfettamente sbagliato”.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Nesli e Alice Paba interpreteranno “Ma il cielo è sempre più blu2 di Rino Gaetano.

Per ascoltare “Do retta a te” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Nesli ed Alice Paba.

alice-pabaAlbum: Alice Paba: Se fossi un angelo (10 febbraio, Universal Music Italia). Inediti  cover “Toxic”. Tracklist: 1. Te Lo Leggo Negli Occhi, 2. Do Retta A Te (Nesli ft. Alice Paba), 3. Se Fossi Un Angelo, 4. Aspetto Ancora Un Pò, 5. Non Voglio Cadere Più, 6. Ho Solo Me, 7. La Verità, 8. Immobile, 9. Toxic.
Primo album: Alice Paba: Se fossi un angelo (2017)
Ultimo album: Alice Paba: Se fossi un angelo (2017)
Presenze al Festival: Alice Paba: Nessuna

nesli-e1484581128511Album: Nesli: Kill Karma La Mente è un’arma… (10 febbraio, Universal Music Italia). Repackaging + 4 inediti (6 nella versione diigtale). compresa la versione in singolo del brano sanremeseTracklist: 1. Anima nera, 2. Equivale all’immenso, 3. Amore mio, 4. Do retta a te (feat. Alice Paba) – inedito, 5. Io che ti cerco, 6. Piccola mia, 7. Se guardi il cielo, 8. L’amore torna sempre, 9. Perfettamente sbagliato, 10. L’orizzonte, 11. Allora ciao, 12. Vivere è ridere, 13. Dove sto andando – inedito, 14. Tesoro non conta – inedito, 15. Do retta a te – versione originale.
Primo album: Nesli:  Ego (2003)
Ultimo album: Nesli: Kill Karma (2016)
Presenze al Festival: 1
2015 Buona fortuna amore (13° posto)

– Michele Bravi – “Il diario degli errori” (Federica Abbate, Cheope (Alfredo Rapetti), Giuseppe Anastasi).

Michele Bravi.jpgAtteso esordio al Festival di Sanremo per Michele Bravi, a tre anni di distanza dalla vittoria della settima edizione italiana di X Factor su SkyUno. Per l’artista umbro, si tratta di un debutto sul palco del Teatro Ariston, aveva rifiutato di parteciparvi subito dopo la vittoria del talent, poi era stato rifiutato dalla Commissione Artistica.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Il diario degli errori” e porta la firma di Federica Abbate, Giuseppe Anastasi e Cheope. Nato a Città di Castello il 19 dicembre del 1994, Michele Bravi si appassiona alla musica sin da bambino, studiando canto, chitarra e pianoforte. Diplomatosi al liceo classico, decide di iscriversi ai provini del popolare talent show di SkyUno, entrando ufficialmente come concorrente della categoria Under Uomini capitanata da Morgan.

“È un brano perfetto, per la tonalità e i colori della mia voce, ma soprattutto perché racconta la mia vera storia: è il diario dei miei errori, professionali e personali, quelli che si fanno la prima volta che ti innamori. Nel ritornello dico ‘almeno tu rimani fuori dal mio diario degli errori’, perché si presuppone che il diario sia stato ormai chiuso e sia arrivata un’altra occasione”, ha affermato il cantante.

Viene notato da Tiziano Ferro che scrive per lui “La vita e la felicità”, a quattro mani con Zibba, inedito che lo porterà alla vittoria finale. Il singolo ottiene un discreto successo radiofonico, anticipando il suo primo album ‘A passi piccoli’, trainato dai singoli “Un giorno in più” e “In bilico”, contenente undici inediti scritti per lui da autori del calibro di James Blunt, Giorgia, Luca Carboni e Federico Zampaglione dei Tiromancino. Nel 2014 firma la colonna sonora del film ‘Sotto una buona stella’ di Carlo Verdone.

Nel 2015 arriva il suo secondo progetto discografico, intitolato “I hate music”, eseguito completamente in inglese, frutto delle difficoltà patite dopo la vittoria nel talent. 

Michele Bravi è negli ultimi anni molto attivo sui social media con un canale Youtube ricco di video in cui oltre a proporre i propri brani o a presentarsi come cantante, realizza anche video-diari (Viaggio in costruzione) e momenti di intrattenimento.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Michele Bravi interpreterà “La stagione dell’amore” di Franco Battiato.

Per ascoltare “Il diario degli errori” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Michele Bravi.

michele-bravi-anime-di-carta-copertina-e1484936183871Album: ‘Anime di carta’ (24 febbraio, Universal Music Italia). Inediti. Tracklist: 1. Come l’equilibrio, 2. Cambia, 3. Diamanti ,4. Il diario degli errori , 5. Solo per un pò, 6. Due secondi (cancellare tutto), 7. Andare via, 8. Pausa, 9. Shiver, 10. Bones, 11. Respiro, 12. Il Punto in cui ti ho perso, 13. Chiavi di casa.
Primo album: La Vita è la felicità (2013)
Ultimo album: I hate the Music (2015)
Presenze al Festival: Nessuna

– Fabrizio Moro – “Portami Via” (Fabrizio Mobrici, Roberto Cardelli).

Fabrizio Moro.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Fabrizio Moro, a dieci anni di distanza dalla sua vittoria tra i Giovani con “Pensa”, brano con il quale si aggiudica anche il Premio della Critica ‘Mia Martini’ ed a sette anni dalla sua ultima volta sul palco del Teatro Ariston, con “Non è una canzone”.

Per il cantante è la quarta partecipazione dopo la vittoria nella Categoria Giovani nel 2007, il terzo posto nel 2008 e l’esclusione alla quarta serata nel 2010. Da segnalare anche il fatto che Moro abbia firmato come autore due brani in gara a Sanremo: nel 2012 “Sono solo parole” cantata da Noemi nel 2016 “Finalmente piove” interpretata da Valerio Scanu.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Portami via” ed è stato interamente composto dal cantautore romano. Per l’artista si tratta della quinta partecipazione in gara, più due in veste d’autore: nel 2012 firmando il testo di “Sono solo parole” per Noemi e lo scorso anno “Finalmente piove” per Valerio Scanu.

Nato a Roma il 9 aprile del 1975, Fabrizio Mobrici comincia sin da giovane ad esibirsi in vari locali della Capitale, debuttando nel 2000 al Festival con la canzone “Un giorno senza fine”, che non ottiene il successo sperato. Il riscatto arriva sette anni più tardi quando, sempre tra le fila delle Nuove Proposte, trionfa con “Pensa”, intenso brano dedicato alle vittime della mafia. Arriva l’atteso momento del successo, complici altri brani che arricchiscono la sua discografia: “Fammi sentire la voce”, “Parole rumori e giorni”, “Eppure mi hai cambiato la vita”, “Libero” (è stata colonna sonora della prima serie del telefilm di canale 5 I liceali, oltre che di uno spot della Fiat Punto), “Il senso di ogni cosa”, “Respiro”, “Acqua” e “Sono anni che ti aspetto”. Ha alle spalle una ventennale carriera, cominciata nel 1996, con all’attivo 8 album in studio e la raccolta “Atlantico Live”.

Tra i pezzi composti per altri artisti, figurano: “La mia felicità” per Emma Marrone, “Un’altra vita” per Elodie Di Patrizi, “I miei passi” per Fiorella Mannoia” ed “I nostri anni” per gli Stadio.

Fabrizio Moro è attualmente tra i professori di Amici di Maria De Filippi 16. È nel cast fisso del talent show di Canale 5 e Real Time dal 2015 (15esima edizione). In passato ha vestito anche i panni di presentatore televisivo: è accaduto nel 2011 quando ha condotto su RaiDue ‘Sbarre’, un docu-reality incentrato sul confronto tra ragazzi sbandati e detenuti di un carcere.

Nella serata di giovedì, in cui il Festival sceglie di omaggiare la tradizione della canzone italiana, l’artista interpreterà il brano “La leva calcistica della classe ‘68” di Francesco De Gregori.

Per ascoltare “Portami via” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Fabrizio Moro.

16406448_1497004666996274_2183492787841028468_nAlbum: ‘Pace’ (10 marzo, Sony Music Italia).  Inediti. Tracklist: 1 – Pace, 2 – Tutto quello che volevi, 3 – Giocattoli, 4 – Semplice, 5 – Portami via, 6 – La Felicità, 7 – L’Essenza, 8 – Sono anni che ti aspetto, 9 – Andiamo, 10 – È più forte l’amore (feat Bianca Guaccero), 11 – Intanto.
Primo album: Fabrizio Moro (2000)
Ultimo album: Via delle Girandole 10 (2015)
Presenze al Festival: 4
2000 Un Giorno senza fine (13° giovani)
2007 Pensa (1° giovani)
2008 Eppure mi hai cambiato la vita (3°)
2010 Non è una canzone (non finalista)

– Giusy Ferreri – “Fa talmente male” (Paolo Catalano, Fabio Clemente, Roberto Casalino, Alessandro Merli).

Giusy Ferreri.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Giusy Ferreri, che torna sul palco dell’Ariston a tre anni di distanza dalla sua ultima volta. Per l’artista si tratta della terza partecipazione alla kermesse musicale, dopo le precedenti prime due esperienze con “Il mare immenso” nel 2011 e “Ti porto a cena con me” nel 2014.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Fa talmente male”, composto da: Paolo Catalano insieme a Fabio Clemente, Alessandro Merli e Roberto Casalino (autori anche della hit mondiale “Roma-Bangkok” di Baby K ft. Giusy Ferreri), Roberto Casalino che la definisce “una hit che ti colpisce al primo ascolto e ti fa stare sempre in movimento. L’interpretazione è clamorosa. C’è da aspettarsi una bomba, mi auguro che venga recepita come tale”. Il pezzo accompagnerà l’uscita del nuovo progetto discografico dell’interprete lombarda, intitolato “Girotondo“, la cui uscita è prevista per il prossimo 3 marzo.

Giusy Ferreri, dopo la notizia per essere stata inserita nella rosa dei Big a Sanremo 2017, ha scritto un lungo post su Facebook per esprimere la propria gioia per un ritorno sulle scene musicali tanto atteso da fan ed addetti ai lavori:  “Sono emozionata, felicissima di far parte degli artisti che Carlo ha scelto per il Festival di Sanremo 2017! Non vedo l’ora di farvi sentire ” Fatalmente Male” e l’album di inediti di cui farà parte, sono entrambi frutto di tantissimo lavoro sia mio che del mio super team, non potevo sperare in un palco e un’occasione migliore per presentarvelo!  Quindi un enorme grazie a Carlo e un grazie speciale a tutti voi che mi sostenete da sempre! A prestissimoooooo.”

Nata a Palermo il 17 aprile del 1979, Giuseppa Gaetana Ferreri cresce ad Abbiategrasso, nel milanese. Alterna i suoi studi canori a piccoli lavoretti, ricoprendo il lavoro di cassiera dell’Esselunga. Nel 2008 la svolta, grazie alla partecipazione alla prima storica edizione italiana di X Factor (allora in onda su Raidue), nella squadra degli Over capitanata da Simona Ventura, dove si classifica seconda, dietro gli Aram Quartet. La Ferreri, benché faccia musica dal 1993, arriva al successo nel 2008, quando Simona Ventura la nota ai provini della prima stagione di X Factor, dove entra in corsa, diventando la new entry della settima puntata per la categoria 25+.

Nella sua carriera ha pubblicato cinque album in studio e realizzato diversi singoli di successo, tra cui “Non ti scordar mai di me”, “Novembre”, “Stai fermo lì”, “La scala”, “Piccoli dettagli”, “Noi brave ragazze”, “Roma-Bangkok” e “Volevo te”.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Giusy Ferreri interpreterà “Il paradiso” di Patty Pravo.

Per ascoltare “Fa talmente male” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Giusy Ferreri.

16143288_10155059334556661_6954659395257010388_nAlbum: Girotondo (3 marzo, Sony Music Italia).  Inediti. Tracklist: 
Primo album: Non ti scordar mai di me (2008)
Ultimo album: Hits (2015)
Presenze al Festival: 2
2011 Il Mare immenso (1o° posto)
2014 Ti porto a cena con me (9° posto)

– Gigi D’Alessio (Luigi D’Alessio) – “La prima stella” (Gigi D’Alessio).

Gigi D’Alessio.jpgAttesissimo ritorno al Festival di Sanremo per Gigi D’Alessio, che torna sul palco dell’Ariston a distanza di cinque anni dalla sua ultima volta, in coppia con Loredana Bertè, in cui è giunto al quarto posto finale nonostante l’eliminazione nella prima serata a causa della giuria demoscopica. Per l’artista napoletano si tratta della quinta partecipazione alla kermesse musicale.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “La prima stella”, composto interamente dal cantautore napoletano, e che accompagna l’uscita del suo ventiduesimo album di inediti “24 febbraio 1967”, previsto proprio per il giorno del suo cinquantesimo compleanno.

“Durante la lavorazione del mio prossimo album, la cui uscita è prevista il 24 febbraio, giorno del mio compleanno, ho scritto “La prima stella”, una canzone che merita il palco più importante della musica italiana. Non ho avuto alcuna esitazione ad accettare l’invito di Carlo Conti perché quando scrivi una brano che tocca qualcosa, che appartiene a tutti, non c’è che un palco per rappresentarla. È la mia quinta partecipazione in gara al Festival di Sanremo, oltre ad una in veste di super ospite, ed è così che ho deciso di festeggiare i miei 50 anni ed i miei 25 anni di carriera.”, ha affermato il cantante. 

Nato a Napoli, sin da bambino Gigi comincia a scrivere e comporre musica, studiando il pianoforte da autodidatta. Si iscrive al conservatorio, conseguendo a 21 anni il diploma, che gli consentirà di diventare pianista di Mario Merola, con il quale incide una delle sue prime canzoni, intitolata “Cent’anni”. Pubblica una serie di album in lingua napoletana, che lo portano ad essere conosciuto ed amato nella sua terra. La svolta ed il successo nazionale, arrivano nel 1999 con il debutto al Festival con “Non dirgli mai”, uno dei suoi cavalli di battaglia.

Nella sua carriera, Gigi D’Alessio ha venduto oltre 20 milioni di dischi e pubblicato sedici album in studio, realizzando diversi celebri singoli, tra cui: “Annarè”, “Come in un film”, “Quel che resta del mio amore”, “Como suena il corazon”, “Una notte al telefono”, “Il cammino dell’età”, “Mon amour”, “Miele”, “Un bacio nuovo” con Anna Tatangelo, “Liberi da noi”, “Quanti amori” ed “Ora”. 

Tante le apparizioni televisive di Gigi D’Alessio. Il cantautore napoletano nel 2005 ha presentato una puntata di Striscia la notizia su Canale 5, nel 2010 è stato al timone dello show Questo sono io, in onda su Rai1. Nel 2011 è tornato sulla rete ammiraglia della tv pubblica con Gigi, tu vuò fà l’americano. Nel 2013 insieme alla compagna Anna Tatangelo ha condotto Questi siamo noi su Canale 5.

Dal 2014 è al timone del Concerto di Capodanno trasmesso la notte del 31 dicembre in diretta da Canale 5.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Gigi d’Alessio interpreterà “L’immensità” di Don Backy.

Per ascoltare “La prima stella” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Gigi D’Alessio.

16265866_10155380080380730_8008745417060282547_n.jpgAlbum: ‘24 febbraio 1967′ (24 febbraio, Sony Music Italia). Inediti. Tracklist:
Primo album: Lasciatemi cantare (1992)
Ultimo album: Malaterra (2015)
Presenze al Festival: 4
2000 Non dirgli mai (10° posto)
2001 Tu che ne sai (8° posto)
2005 L’Amore che non c’è (finalista)
2012 Respirare con Loredana Berté (4° posto)

– Raige e Giulia Luzi (Alex Andrea Vella e Giulia Luzi) – “Togliamoci la voglia” (Alex Vella ‘Raige’, Sergio Vallarino ‘Zibba’, Antonio Iammarino, Luca Chiaravalli).

Raige e Giulia Luzi.jpgDoppio debutto al Festival di Sanremo per l’inedita coppia composta da Giulia Luzi e Raige, che porterà sul palco del Teatro Ariston un giusto mix tra rap e pop.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Togliamoci la voglia” ed è stato composto dallo stesso rapper piemontese con Zibba, Antonio Iammarino e Luca Chiaravalli. Ed è stato proprio nello studio di Chiaravalli che Raige e Giulia si sono conosciuti e hanno dato vita a questo brano, dimostrando subito una grande complicità musicale.

Giulia Luzi è nata a Roma il 3 gennaio del 1994, coltiva la propria passione per il canto sin da bambina, all’età di 10 anni, lavorando al doppiaggio di diverse produzioni Disney. Debutta in tv recitando ne “I Cesaroni” ed in “Un medico in famiglia”, cantando la popolare sigla-tormentone “Je t’aime”. Negli ultimi anni ha partecipato come concorrente di “Tale e Quale show” ed interpretato il ruolo di protagonista femminile dello spettacolo teatrale “Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo”. Ha partecipato a “Tale e Quale Show” a cui partecipa anche l’anno successivo e nel giugno 2016 pubblica, come autrice e interprete, “Un abbraccio al sole”, un brano dalle sonorità elettro-pop e il secondo singolo “Viversi in un attimo”.

Esordio anche per Alex Andrea Vella, in arte Raige, rapper che ha iniziato la sua carriera all’inizio degli anni duemila, fondando assieme al fratello Ensi e all’amico Rayden il gruppo musicale degli OneMic. Nel 2006 esce il suo primo album da solista “Tora-Ki”. Diversi i singoli di successo pubblicati da solista, tra cui: “Addio”, “Mille volte ancora”, “Ulisse”, “Fuori dal paradiso”, “Dimenticare (mai)” con Annalisa Scarrone, “Whisky”, “Domani”, “Dove finisce il cielo” ed “Il rumore che fa” in duetto con Marco Masini. 

Raige ha pubblicato nel settembre 2016 il suo album ‘ALEX’ (che debutta ai vertici della classifica di vendita), il nuovo album di inediti di Raige anticipato dai singoli “Il rumore che fa” feat. Marco Masini e da “Domani”, di cui verrà proposta una nuova versione con il brano presentato al Festival e alcuni inediti, che ha debuttato ai vertici della classifica di vendita e ha recentemente mostrato anche le sue dote di autore di talento firmando con Tiziano Ferro il brano “Il Mestiere della vita”, title track del nuovo album del cantautore romano.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Raige e Giulia Luzi interpreteranno “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones2 di Gianni Morandi.

Per ascoltare “Togliamoci la voglia” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Raige e Giulia Luzi.

16266337_1514978291865629_4730589435182260119_nAlbum: Raige: Alex Sanremo Edition (10 febbraio, Warner Music Italia). Repackaging + 5 inediti. Tracklist: 1. Togliamoci la voglia (feat Giulia Luzi), 2. Il Primo passo di Armstrong, 3. La Formula perfetta, 4. Dimenticare (mai) (feat Annalisa), 5. Tempesta, 6. Domani, 7. Il Rumore che fa (feat Marco Masini), 8. Non c’è niente da ridere, 9. Quando sorridi per me, 10. Nemmeno il buio, 11. Capolavoro, 12. Dove finisce il cielo, 13. Perfetto, 14. La Vita che va, 15. Mi sembra il minimo, 16. C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e Rolling Stones.
Primo album: Raige: Tora-ki (2006)
Ultimo album: Raige: Alex (2016)
Presenze al Festival: Raige: Nessuna

giulia-luziAlbum: Giulia Luzi: Togliamoci la voglia (10 febbraio, Believe Digital). Inediti con 3 duetti + Cover “Non, je ne regrette rien). Tracklist: 1. Togliamoci la voglia (feat Raige), 2. Un abbraccio al sole, 3. Paracadute, 4. N.d.m. non disseti mai (feat Clementino), 5. Viversi in un attimo, 6. Chi c’è, 7. Mi perdo spesso, 8. Come la neve, 9. C’era un ragazzo che come me amava i beatles e i rolling stones (feat Raige), 10. La notte stimola i sensi, 11. Cullami, 12. Non, je ne regrette rien. 
Primo album:  Giulia Luzi: Amica nemica (2011)
Ultimo album:  Giulia Luzi: Amica nemica (2011)
Presenze al Festival:  Giulia Luzi: Nessuna

– Ron (Rosalino Cellamare) – “L’ottava meraviglia” (Mattia Del Forno, Rosalino Cellamare ‘Ron’, Francesco Caprara, Emiliano Mangia).

Ron.jpgAttesissimo ritorno al Festival di Sanremo per un altro dei decani del Festival di Sanremo, Rosalino Cellamare, in arte Ron, a tre di distanza dalla sua ultima partecipazione, quando ha proposto “Sing in the rain” e “Un abbraccio unico”, poi giunta al 13° posto. Per il cantante lombardo si tratta della settima volta in gara alla popolare kermesse canora, vinta nel 1996 in coppia con Tosca con “Vorrei incontrarti fra cent’anni”.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “L’ottava meraviglia” e porta la firma di Mattia Del Forno, Francesco Caprara, Emiliano Mangia e dello stesso Ron. Il pezzo accompagnerà l’uscita del nuovo album di inediti dell’artista, la cui pubblicazione è prevista nei prossimi mesi.

Nato a Dorno, in provincia di Pavia, il 13 agosto del 1953, cresce a Garlasco da una famiglia di emigrati pugliesi. Si avvicina alla musica grazie al fratello pianista, inizia a partecipare a varie manifestazioni locali. Il debutto al grande pubblico avviene al Festival di Sanremo del ’70, quando a soli 16 anni canta “Pà diglielo a mà” in coppia con Nada. Seguono grandi successi, come: “Il Gigante e la bambina”, “Piazza grande”, “Una città per cantare”, “Io ti cercherò” (scritte assieme a Lucio Dalla), “Al centro della musica”, “Joe temerario”, “Non abbiam bisogno di parole”, “Le foglie e il vento” e “Sei volata via”. 

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Ron interpreterà “Insieme a te non ci sto più” di Caterina Caselli insieme con Annalisa.

Per ascoltare “L’ottava meraviglia” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Ron.

ron-la-forza-di-dire-si-sanremo-copertinaAlbum: La Forza di dire sì Sanremo Edition (10 febbraio, Universal Music Italia). Repackaging dell’album di duetti su cover + 2 inediti solista – A sostegno dell’Aisla. Tracklist: 1. L’Ottava Meraviglia, 2. Ai Confini Del Mondo, 3. Al Centro Della Musica (feat. Marco Mengoni), 4. Io Ti Cercherò (feat. Lorenzo Fragola), 5. Un Momento Anche Per Te (feat. Francesco Renga), 6. Aquilone (feat. La Scelta), 7. Anima (feat. Malika Ayane), 8. Il Sole E La Luna (feat. Kekko Silvestre), 9. Il Gigante e La Bambina (feat. Jovanotti), 10. L’Amore Guarisce Il Dolore (feat. Giusy Ferreri), 11. Non Abbiam Bisogno Di Parole (feat. Pino Daniele), 12. Prigioniera A Distanza (feat. Emma Marrone), 13. Attenti Al Lupo (feat. Elio E Le Storie Tese), 14. Malala (feat. Loredana Bertè), 15. Nuvole (feat. Biagio Antonacci).
Primo album: Il Bosco dei diamanti (1973)
Ultimo album: La Forza di dire si (2016)
Presenze al Festival: 6
1970 Pà diglielo a ma con Nada (7° posto)
1988 Il Mondo avrà una grande anima (21° posto)
1996 Vorrei incontrarti tra cent’anni con Tosca (1° posto)
1998 Un porto nel vento (8° posto)
2006 L’uomo delle stelle (non finalista)
2014 Sing in the rain (13° posto)

– Ermal Meta – “Vietato morire” (Ermal Meta).

Ermal Meta.jpgAttesissimo ritorno al Festival di Sanremo per Ermal Meta, dopo l’esperienza dello scorso anno tra le Nuove Proposte col brano “Odio le favole”, secondo posto. Per il cantante lombardo si tratta della quarta presenza in gara alla popolare kermesse canora, la seconda da solista dopo aver militato nei gruppi La Fame di Camilla e Ameba 4.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Vietato morire” e porta la firma dello stesso interprete di origini albanesi. Nato a Fier il 20 aprile del 1981, si trasferisce a Bari con la famiglia all’età di 13 anni, cominciando a coltivare da subito la passione per la musica. Entra a far parte come chitarrista degli Ameba 4, con il quale partecipa tra i giovani al Festival del 2006 nella sezione Giovani con il brano “Rido… forse mi sbaglio”, così come nel 2010 torna come frontman de La Fame di Camilla con la canzone “Buio e luce”. Due anni più tardi intraprende la carriera da solista, diventando un affermato autore. Inoltre, nel 2015 ha raggiunto il quinto posto come autore di “Straordinario”, portato in gara da Chiara Galiazzo.

Tra gli artisti di successo per il quale ha scritto, troviamo: Marco Mengoni, Emma Marrone, Annalisa Scarrone, Francesco Renga, Patty Pravo, Lorenzo Fragola, Francesca Michielin, Chiara Galiazzo, Fiorella Mannoia, Giusy Ferreri, Sergio Sylvestre, Elodie Di Patrizi ed Alice Paba.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Ermal Meta interpreterà “Amara terra mia” di Domenico Modugno.

Per ascoltare “Vietato morire” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Ermal Meta.

16142516_1073954622715356_9051784871104360920_nAlbum: Vietato morire (10 febbraio, Mescal). Doppio album al prezzo di uno: Disco 1 inediti, Disco 2 il precedente album “Umano”. Tracklist: 1. Vietato morire, 2. Ragazzo paradiso, 3. Piccola anima feat Elisa, 4. Bob Marley, 5. La Vita migliore feat Vicio, 6. New york, 7. Vodoo Love, 8. Rien ne va plus, 9. Voce del verbo.
Primo album: da solista: Umano (2016) con La Fame di Camilla (2009)
Ultimo album: Umano (2016)
Presenze al Festival: 2
2010 Buio e luce (con La Fame di Camilla Non finalista Giovani)
2016 Odio le favole (3° Nuove proposte)

– Michele Zarrillo – “Mani nelle mani” (Michele Zarillo, Giampiero Artegiani).

michele-zarrilloAttesissimo ritorno al Festival di Sanremo per Michele Zarrillo, a nove anni di distanza dalla sua ultima volta. Per l’artista romano si tratta della sua dodicesima partecipazione alla kermesse musicale (per numero di presenze è secondo solo ad Al Bano), vinta nelle Nuove Proposte del 1987 con “La notte dei pensieri”.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Mani nelle mani” e porta la firma dello stesso interprete, anticipando il suo nuovo album di inediti, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. Nato a Roma il 13 giugno del 1957, cresce nel popolare quartiere di Centocelle, appassionandosi sin da giovane al mondo della musica. Negli anni ’70 milita in diverti gruppi, come i Semiramis ed i Rovescio della Medaglia. Nel 1979 vince da solista il Festival di Castrocaro, competizione che gli consente di partecipare di lì a poco al suo primo Sanremo nel 1981, con il brano “Su quel pianeta libero”.

Tantissimi i brani di successo che compongono la sua discografia: da “Una rosa blu” a “Strade di Roma”, passando per “Innamorando”, “Soltanto amici”, “Cinque giorni”, “Il sopravvento”, “L’elefante e la farfalla”, “Non arriveranno i nostri”, “L’amore vuole amore”, “Ragazza d’argento” e “L’alfabeto degli amanti”.

Assente dalle scene musicali da qualche tempo, dopo problemi di salute a causa di un infarto che lo ha colpito nel 2013, il suo è uno dei ritorni già attesi in gara.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Michele Zarrillo interpreterà “Se tu non torni” di Miguel Bosè.

Per ascoltare “Mani nelle mani” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Michele Zarrillo.

michele-zarillo-vivere-e-rinascereAlbum: Vivere e rinascere (10 febbraio, Universal Music Italia). Inediti. Tracklist: 1. L’amore ancora esiste, 2. Mani nelle mani, 3. Vivo nel mondo, 4. Come ho fatto a perderti, 5. Vivere e rinascere, 6. Per chi sa scegliere, 7. La ragazza corre, 8. Se tu non torni, 9. E poi riapparve il mondo, 10. Amore imperfetto, 11. Mille latitudini.
Primo album: Sarabanda (1982)
Ultimo album: Unici al mondo (2011)
Presenze al Festival: 11
1981 Sul quel pianeta libero (8° posto)
1982 Una Rosa blu (non finalista)
1987 La Notte dei pensieri (1° posto Nuove proposte)
1988 Come un giorno di sole (15° posto)
1992 Strade di Roma (11° posto)
1994 5 giorni (5° posto)
1996 L’Elefante e la farfalla (11° posto)
2001 L’Acrobata (4° posto)
2002 Gli Angeli (11° posto)
2006 L’Alfabeto degli amanti (finalista)
2008 L’Ultimo film insieme (15° posto)

– Lodovica Comello – “Il cielo non mi basta” (Federica Abbate, Antonino Di Martino, Dario Faini, Fabrizio Ferraguzzo)

Lodovica Comello.jpgAttesissimo debutto al Festival di Sanremo per Lodovica Comello, al suo esordio sul palco del Teatro Ariston. Per l’artista friulana si tratta di un’importante occasione, una vetrina nazionale dopo il successo riscosso in giro per il mondo.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Il cielo non mi basta” e porta la firma di Federica Abbate, Antonino Di Martino, Dario Faini e Fabrizio Ferraguzzo, ed anticipa l’uscita del suo terzo album di inediti, di prossima pubblicazione.

Nata a San Daniele del Friuli 13 aprile del 1990, sviluppa sin da piccola la passione per la danza e per la musica, iscrivendosi ad un corso di chitarra. Ad undici anni comincia a studiare canto, partecipando a diverse manifestazioni canore locali. Frequenta e si diploma al MAS di Milano, per poi entrare a far parte del corpo di ballo nel musical “Il mondo di Patty”. Nel 2011 supera i casting per la teen serie argentina “Violetta”, ricoprendo il ruolo di Francesca, e si trasferisce per le riprese a Buenos Aires.

Sulla scia del successo internazionale, due anni più tardi, pubblica il primo album da solista intitolato “Universo”. Nel 2015 lancia il suo secondo disco “Mariposa”, partendo in giro per il mondo con il Lodovica World Tour. Diverse le sue apparizioni televisive, conduce vari programmi su Disney Channel ed “Italia’s Got Talent” su Sky, recentemente recita anche in “Poveri ma ricchi”, l’ultimo film di Fausto Brizzi. La scorsa estate ha pubblicato il singolo “Non cadiamo mai”, che ha raggiunto il milione di visualizzazioni su YouTube.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Lodovica Comello interpreterà “Le mille bolle blu” di Mina.

Per ascoltare “Il cielo non mi basta” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Lodovica Comello.

Album: ‘-‘ (Primavera, Sony Music Italia). Inediti. Tracklist: 
Primo album: Universo (2013)
Ultimo album: Mariposa (2015)
Presenze al Festival: Nessuna

– Sergio Sylvestre – “Con Te” (Giorgia Todrani ‘Giorgia’, Stefano Maiuolo, Sergio Sylvestre)

Sergio Sylvestre.jpgAtteso debutto al Festival di Sanremo per Sergio Sylvestre, al suo esordio sul palco del Teatro Ariston. Per l’artista vincitore dell’ultima edizione del talent show “Amici” di Maria De Filippi, si tratta del passo che potrebbe consacrarlo come big (boy) della musica.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Con te” e porta la firma dello stesso interprete, di Stefano Maiuolo e di Giorgia, ed anticipa il suo secondo album di inediti, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. 

Nato a Los Angeles il 5 dicembre del 1990, da madre messicano e padre haitiano, sin da giovanissimo pratica il football americano, data la sua stazza di oltre due metri. In seguito ad un infortunio che lo ha obbligato a rinunciare alla carriera sportiva, si dedica anima e corpo al canto. Arriva in Italia quattro anni fa, per una in vacanza in Puglia, terra che lo colpisce al punto da decidere di trasferirsi.

Lo scorso anno prende parte ai casting di “Amici”, fino ad entrare a far parte della scuola ed a conquistare il pubblico con la sua incredibile voce. Arriva alla vittoria finale anche grazie suo inedito “Big Boy”, composto da Ermal Metal che ritroverà in gara proprio a Sanremo, che ha raggiunto il disco d’oro con oltre 50.000 copie vendute.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Sergio Sylvestre interpreterà “La pelle nera” di Nino Ferrer coi Soul System.

Per ascoltare “Con te” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Sergio Sylvestre.

sergio-sylvestre-copertina-768x768Album: ‘Sergio Sylvestre’ (10 febbraio, Sony Music Italia). Inediti in gran parte in inglese. Tracklist: 1.  Con te, 2. The Last kiss goodbye, 3. Running, 4. Planes, 5. Lucky ones, 6. Point of you, 7. Running up the hill, 8. Come il sole ad ottobre, 9. The Way you are, 10. Down we go (Holstein), 11. Lie to me, 12. Honesty.
Primo album:  Big boy (2016)
Ultimo album: Big boy (2016)
Presenze al Festival: Nessuna

– Clementino (Clemente Maccaro ‘Iena White’) – “Ragazzi Fuori” (Clemente Maccaro ‘Clementino’, Fabio Bartolo Rizzo ‘Marracash’, Pablo Miguel Lombroni Capalbo, Stefano Tognini).

Clementino.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Clemente Maccaro, in arte Clementino, al suo secondo anno consecutivo sul palco del Teatro Ariston, dopo il settimo posto ottenuto nel 2016 con “Quando sono lontano”, brano molto distante dal suo stile e più vicino al più classico r’n’b. Il singolo è stato anche uno tra i successi, in termini di vendite, della scorsa edizione, certificato disco d’oro per le 25.000 copie vendute.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Ragazzi fuori” e porta la firma dello stesso rapper campano, di Marracash, Shablo e Stefano Tognini, ed anticipa il suo sesto album di inediti, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. Nato ad Avellino il 21 dicembre del 1982, muove i primi passi nell’hip hop proprio a Napoli, specializzandosi nel freestyle. Nel 2006 pubblica il suo primo disco “Napolimanicomio”, ottenendo un discreto successo anche a livello nazionale. La consacrazione arriva con il Coca Cola Summer Festival del 2013, che vince nella categoria giovani con la canzone “O vient”.

Tra le collaborazioni più importanti realizzate in carriera, troviamo artisti del calibro di: Jovanotti, Pino Daniele, Rocco Hunt, Sud Sound System, Fabri Fibra, Meg, Negrita, Il Cile, Giuliano Palma, Gigi Finizio, Roy Paci, James Senese, Guè Pequeno, Salmo, Gemitaiz, Luchè, Ntò, Ensi e Coez.

Tra i diversi brani di successo che ha realizzato in oltre venticinque anni di carriera, troviamo: “Ci vorrebbe il mare”, “Vai con lui”, “Perché lo dai”, “Le ragazze serie”, “Cenerentola innamorata”, “Ti vorrei”, “Vaffanculo”, “T’innamorerai”, “Bella stronza”, “Principessa”, “Lasciaminonmilasciare”, “L’uomo volante” e “Che giorno è”. Per ascoltare “Spostato di un secondo” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Clementino interpreterà “Svalutation” di Adriano Celentano.

Per ascoltare “Ragazzi fuori” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Clementino.

Album: ‘Vulcano’ (Marzo, Sony Music Italia). Inediti. Tracklist:
Primo album: Napolimanicomio (2006)
Ultimo album: Miracolo! (2015)
Presenze al Festival: 1
2016 Quando sono lontano (7° posto)

– Alessio Bernabei – “Nel mezzo di un applauso” (Roberto Casalino, Dario Faini, Vanni Casagrande).

Alessio Bernabei.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Alessio Bernabei, al suo terzo anno consecutivo sul palco del Teatro Ariston, dopo aver preso parte nel 2015 insiemea  i Dear Jack con “Il mondo esplode (Tranne noi)”, giunto al settimo posto, e nel 2016, da solista, con “Noi siamo infinito”, era arrivato soltanto 14° con Noi siamo infinito che, nonostante il brutto piazzamento in classifica finale, è stato poi certificato disco di platino. Una situazione che al Festival si è verificata l’ultima volta tra il 2000 e il 2002 con i Matia Bazar. 

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Nel mezzo di un applauso” e porta la firma di Roberto Casalino, Dario Faini e Vanni Casagrande, ed anticipa il suo nuovo album di inediti, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. Nato a Tarquinia in provincia di Viterbo il 4 settembre del 1992, Alessio si avvicina sin da bambino alla musica, studiando chitarra, basso, clarinetto e pianoforte. Partecipa a vari concorsi canori, arrivando ai bootcamp di X Factor nel 2011, dove viene scartato. L’anno successivo insieme a Francesco Pierozzi, Lorenzo Cantarini, Alessandro Presti e Riccardo Ruiu fonda i Dear Jack, gruppo che si prende parte alla 13esima edizione del talent show “Amici” di Maria De Filippi, arrivando al secondo posto alle spalle di Deborah Iurato.

Complice il successo dei singoli “Domani è un altro film” e “La pioggia è uno stato d’animo”, debuttano al Festival del 2015 con “Il mondo esplode tranne noi”, canzone che si classifica settima. A settembre dello stesso anno, Bernabei abbandona il gruppo di comune, siglando un contratto discografico da solista con la Warner Music Italia. Ritorna a Sanremo con il brano “Noi siamo infinito”, con il quale si classifica al quattordicesimo posto.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Alessio Bernabei interpreterà “Un giorno credi” di Edoardo Bennato.

Per ascoltare “Nel mezzo di un applauso” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista ad Alessio Bernabei.

Schermata-2017-01-27-alle-19.45.13.pngAlbum: ‘-‘ (album di inediti in uscita fra fine marzo e inizio aprile, Universal Music Italia). Inediti. Tracklist:
Primo album: Noi siamo infinito (2016)
Ultimo album: Noi siamo infinito (2016)
Presenze al Festival: 2 (una con i dear Jack)
2015 Il Mondo esplode tranne noi con i Dear Jack (7° posto)
2016 Noi siamo infinito (14° posto)

– hiara (Chiara Galiazzo) – “Nessun posto è casa mia” (Niccolò Verrienti, Carlo Verrienti).

Chiara.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Chiara Galiazzo, al suo terzo anno sul palco del Teatro Ariston, dopo aver preso parte nel 2013 con “Il futuro che sarà” e nel 2015 con “Straordinario”.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Nessun posto è casa mia” e porta la firma di Niccolò e Carlo Verrienti, ed anticipa il nuovo omonimo album di inediti, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. Nata a Padova il 12 agosto del 1986, Chiara coltiva da sempre la passione per il canto, ma si laurea in Economia all’Università Cattolica di Milano. Partecipa due volte alle selezioni di “Amici” di Maria De Filippi, nel 2008 e nel 2011, ma viene scartata. Il successo arriva con la vittoria di un altro talent show, X Factor che vince nel 2012 per la categoria “Over 25”, capitanata da Morgan, anche grazie all’inedito “Due respiri” composto da Eros Ramazzotti.

Seguono singoli di successo, come: “L’esperienza dell’amore”, “Mille passi” con Fiorella Mannoia, “Vieni con me”, “Stardust” con Mika, “Un giorno di sole”, “Siamo adesso” e “Il rimedio la vita e la cura”.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Chiara interpreterà “Diamante” di Zucchero con Mauro Pagani al violino.

Per ascoltare “Nessun posto è casa mia” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Chiara.

16298813_1416105368402227_1684944935508352666_n.jpgAlbum: ‘Nessun posto è casa mia’ (24 febbraio, Sony Music Italia). Inediti. Tracklist: 1. Il Cielo, 2. Buio e luce, 3. Nessun posto è casa mia, 4. Grazie di tutto, 5. I Giorni più belli, 6. Fermo immagine, 7. Chiaroscuro, 8. Sentirò respirare, 9. Le Leggi di altri universi, 10. Quel bacio, 11. Le Ali che non ho.
Primo album: Due respiri (2012)
Ultimo album: Un Giorno di sole (2014)
Presenze al Festival: 2
2013 Il Futuro che sarà (8° posto)
2015 Straordinario (5° posto)

– Francesco Gabbani – “Occidentali’s Karma” (Francesco Gabbani ‘Kekko‘, Fabio Ilacqua, Luca Chiaravalli, Filippi Gabbani).

Francesco Gabbani.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Francesco Gabbani, al suo secondo anno consecutivo sul palco del Teatro Ariston, dopo la vittoria tra le nuove proposte dello scorso anno con “Amen”.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Occidentali’s Karma” e porta la firma dello stesso artista toscano con Filippo Gabbani, Fabio Ilacqua e Luca Chiaravalli, ed anticipa il suo nuovo album di inediti, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. Nato a Carrara il 9 settembre del 1982, Francesco muove i primi passi sin da giovanissimo, complice l’attività dei suoi genitori che gestiscono l’unico storico negozio di strumenti musicali della città. All’età di 18 anni firma il suo primo contratto discografico con la sua band chiamata Trikobalto, che si esibisce sui più prestigiosi palchi italiani, dall’Heineken Jammin Festival al BluNote di Milano.

Nella 2010 decide di lasciare il gruppo e firma un nuovo contratto discografico per la realizzazione del suo primo progetto da solista, che chiama ironicamente “Greitist iz”. L’anno passato approda a Sanremo dopo anni di gavetta, trionfa tra le Nuove Proposte all’età di 33 anni con il brano “Amen”.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Francesco Gabbani interpreterà “Susanna” di Adriano Celentano.

Per ascoltare “Occidentali’s Karma” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Francesco Gabbani.

16387026_1400890266618655_3794063880251756770_n.jpgAlbum: ‘Occidentali’s Karma’ (fine Aprile, Sony BMG). Inediti. Tracklist:
Primo album: Greitisti iz
Ultimo album: Eternamente ora (2016)
Presenze al Festival: 1
2016 Amen (1° posto giovani e Premio della critica)

– Bianca Atzei (Veronica Atzei) – “Ora esisti solo tu” (Francesco “Kekko” Silvestre).

Bianca Atzei.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Bianca Atzei, alla sua seconda presenza sul palco del Teatro Ariston, dopo l’esordio avvenuto due anni fa con “Il solo al mondo”.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Ora esisti solo tu” e porta la firma, così come il precedente, di Kekko Silvestre dei Modà, ed anticipa il nuovo album di inediti della giovane artista, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. Nata a Milano l’8 marzo del 1987, Veronica Atzei, in arte Bianca, comincia a studiare canto sin da giovanissima. A diciassette anni si iscrive al MAS di Milano, cominciando ad incidere sigle televisive e jingle pubblicitari. Nel 2012 si presenta alle selezioni di Sanremo Giovani, con il suo primo singolo “La gelosia”, che viene scartato così come l’anno successivo con il brano “Arido”.

Le prime soddisfazioni professionali arrivano con “La paura che ho di perderti” singolo estivo presentato al Coca Cola Summer Festival del 2013. L’anno successivo ritenta l’Ariston in coppia con Alex Britti, ma viene nuovamente esclusa. Nel 2015 viene finalmente selezionata con “Il solo al mondo” e lancia il suo primo disco “Bianco e nero”.

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Bianca Atzei interpreterà “Con il nastro rosa” di Lucio Battisti.

Per ascoltare “Ora esisti solo tu” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Bianca Atzei.

Album: ‘-‘
Primo album: Bianco e nero (2015)
Ultimo album: Bianco e nero (2015)
Presenze al Festival: 1
2015 Il solo al mondo (14° posto)

– Marco Masini – “Spostato di un secondo”  (Marco Masini, Diego Calvetti, Sergio Vallarino ‘Zibba’).

Marco Masini.jpgAtteso ritorno al Festival di Sanremo per Marco Masini, alla sua ottava presenza sul palco del Teatro Ariston, a distanza di due anni dalla sua ultima volta con “Che giorno è”. L’artista toscano è uno dei pochi ad essere riuscito a trionfare sia nei Big (con “L’uomo volante” del 2004) che nelle Nuove Proposte (con “Disperato” nel 1990).

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti, si intitola “Spostato di un secondo” e porta la firma dello stesso interprete con Zibba e Diego Calvetti, ed anticipa il suo nuovo album di inediti, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. Nato a Firenze il 18 settembre del 1964, si avvicina alla musica sin dai tempi del liceo. A metà anni ’80 incontra il noto produttore Giancarlo Bigazzi, cominciando a collaborare come corista di Raf ed Umberto Tozzi. Nel 1990 partecipa per la prima volta a Sanremo, aggiudicandosi il Festival nella categoria Giovani, con “Disperato”.

Tra i diversi brani di successo che ha realizzato in oltre venticinque anni di carriera, troviamo: “Ci vorrebbe il mare”, “Vai con lui”, “Perché lo dai”, “Le ragazze serie”, “Cenerentola innamorata”, “Ti vorrei”, “Vaffanculo”, “T’innamorerai”, “Bella stronza”, “Principessa”, “Lasciaminonmilasciare”, “L’uomo volante” e “Che giorno è”. 

Nella serata delle cover di giovedì 9 febbraio, Marco Masini interpreterà “Signor Tenente” di Giorgio Faletti.

Per ascoltare “Spostato di un secondo” non ci resta che aspettare il prossimo Festival della canzone italiana, in programma dal 7 all’11 febbraio 2017. Intervista a Marco Masini.

marco-masini-spostato-di-un-secondo-e1485213731982.jpgAlbum: Spostato di un secondo (10 febbraio, Sony Music Italia). Inediti. Tracklist: 1. Ma Quale Felicità, 2. Nel Tempo In Cui Sono Tenuto A Restare, 3. Spostato Di Un Secondo, 4. Tu Non Esisti, 5. Invece Di Scriverti Una Canzone, 6. La Massima Espressione D’Amore, 7. Guardiamoci Negli Occhi, 8. All’ Altro Capo Di Un Filo, 9. Qualcosa Che Cercavi Altrove, 10. La Vita Comincia, 11. Una Lettera A Chi Sarò, 12. Signor Tenente.
Primo album: Marco Masini (1990)
Ultimo album: Cronologia (2015)
Presenze al Festival:  7
1990 Disperato (1° Giovani)
1991 Perché lo fai (3° posto)
2000 Raccontami di te (15° posto)
2004 L’Uomo volante (1° posto)
2005 Nel mondo dei sogni (finalista)
2009 L’Italia (finalista)
2015 Che giorno é (6°)

•Tutti gli album in uscita – Nuove Proposte:

1484061466472_giasti.png– Francesco Guasti – Universo “Universo” (Francesco Guasti, Maurizio Musumeci, Francesco Ciccotti).

Atteso debutto al Festival di Sanremo per Francesco Guasti, che calcherà il palco del Teatro Ariston contendendosi la vittoria della categoria Nuove Proposte. Ecco il video con il testo della sua canzone.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti si intitola “Universo”, composto dallo stesso artista assieme a Maurizio Musumeci e Francesco Ciccotti, un pezzo che metterà in mostra la voce roca e graffiata del suo interprete. Dopo essere emerso durante la prima edizione italiana di The Voice, il cantautore toscano ha provato per ben tre anni di seguito ad accedere alla kermesse canora, ottenendo il rifiuto con i brani: “Scintilla contro scintilla” nel 2014, “Piovono rose” nel 2015 ed “Io e te” nel 2016.

“Racconto una generazione, quella dei trentenni – ha dichiarato Francesco Guasti – quelli che ci provano sempre nonostante le porte in faccia. Non è così semplice per noi trentenni, vedo ragazzi laureati che fanno gran fatica. Lo scorso anno ero fra i dodici finalisti e ho avuto una porta in faccia: è come arrivare a Roma e non vedere il Papa. Così è nato questo brano”.

Si avvicina alla musica da piccolo iniziando a studiare batteria, ma è il suo talento naturale, una voce graffiante e roca, ad accompagnarlo su quel cammino con decisione.

Nell’adolescenza le prime esperienze con le rock band, dove si conferma front-man straordinario e compositore dei pezzi che porta in giro per club e palchi…

Nel 2013 la partecipazione a “The Voice” su Rai2, nel team di Piero Pelù. Nello stesso anno esce il singolo “Un solo giorno in più” su etichetta Universal. Nella stessa estate partecipa alla prestigiosa rassegna musicale di Marbella “Starlight Festival” al fianco di Bryan Adams e Enrique Iglesias.

Nel 2014 è fra i 60 finalisti di Sanremo Giovani nelle Nuove Proposte, con il brano “Scintilla contro Scintilla”, scritto con Marco Carnesecchi e Federico Sagona. Il brano rimane primo per 4 settimane nella classifica di airplay.

Il 21 marzo 2014 esce il videoclip di “Scintilla contro scintilla”, girato in gran parte, nel carcere fiorentino di Sollicciano (Fi).

Nell’estate 2014 partecipa, con “Scintilla Contro Scintilla”, al Festival del Volontariato alla presenza del ministro delle politiche sociali.

Nel 2014 entra a far parte della Nazionale Italiana Cantanti e partecipa alla “Partita del Cuore” allo stadio Artemio Franchi di Firenze, dove si esibisce davanti a 40.000 persone.

Ospite dell’ Identikit Tour di Piero Pelù, inizia con lui una collaborazione, da cui nasce il brano “Piovono rose”, entrato nelle selezioni finali delle Nuove Proposte per Sanremo 2015.

Nell’aprile 2015 esce il singolo “Piovono Rose”, un mese dopo viene pubblicato l’ Ep “Parallele” prodotto da Piero Pelù.

Nel Giugno 2015 è ospite del “World Refugee Day Festival” a Firenze, con artisti del calibro di Elisa, Enrico Ruggeri, Piero Pelù, Bandabardò, Brunori sas e tanti altri.

Il 10 Luglio esce il singolo “Parallele” il cui videoclip è realizzato in collaborazione con Oipa (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) a favore della campagna contro l’abbandono.

Nel Novembre 2015 entra tra i 12 Finalisti di Sanremo Giovani con il Brano “IO e TE”.

Attualmente finalista di Sanremo Giovani con il brano “UNIVERSO”.

0602557444315_0_0_300_80Titolo: ‘Universo’. Inediti. 
Data di uscita: 10 febbraio
Etichetta discografica: Universal Music Italia 
Tracklist: 
1. Universo, 
2. Ti prometto, 3. Resto o croce, 4. Il Gioco è semplice, 5. L’Amore ad ogni costo, 6. Io e te, 7. Abbracciamoci, 8. Cercami adesso, 9. Senza età.

1484061430965_lele.png

– Lele (Lele Esposito) – Ora mai  “Ora mai” (Raffaele Esposito, Rory Di Benedetto, Rosario Canale).

19 anni, nato a Pollena Trocchia (provincia di Napoli) dove vive con i genitori e il fratello. Fin da piccolo ha la passione del canto e studia pianoforte e chitarra.

Ma Lele, prima ancora di essere un cantante, è un autore, una passione che coltiva da sempre e, già a 12 anni, scrive i testi delle sue canzoni in italiano e in inglese.

Tra le sue passioni, oltre alla musica, ci sono il basket, i viaggi, ed in particolare le moto e Valentino Rossi.

Quando canta, Lele Esposito si ispira a Chris Martin, frontman dei Coldplay, ma spesso è facile paragonarlo per la sua voce, indole e talento anche nella danza a Bruno Mars.

A metà marzo 2016, Lele Esposito accede al serale della trasmissione “Amici di Maria De Filippi” e sceglie di concorrere per la squadra Bianca accanto a Emma ed Elisa, perché “più vicina al suo mondo inglese”. In Autunno aprirà i loro concerti.

Con il suo il suo primo album “Costruire”, uscito lo scorso 27 maggio, Lele inizia il suo percorso di musicista, sostenuto anche dall’affetto dei suoi fan che contano su facebook più di 83.000 followers e su Instagram 414.000 seguaci.

Lele sarà l’artista più giovane in gara alla 67ª edizione del Festival di Sanremo nella Sezione Nuove Proposte con il brano “Ora mai”, che anticipa l’uscita nei negozi e in digitale, venerdì 10 febbraio, di “Costruire 2.0” (Sony Music Italy), nuova versione dell’album d’esordio del giovane cantautore napoletano finalista di Amici 2016.

«L’emozione di portare una mia canzone a Sanremo è sicuramente enorme e, da musicista, il privilegio di proporla con quell’orchestra è motivo di orgoglio – racconta Lele –  “Ora Mai” parla del momento in cui in una relazione si arriva al silenzio, che sa far male molto più delle parole dette. È la consapevolezza che qualcosa sta per finire».

“Ora Mai” (testo e musica di Raffaele Esposito, Rory Di Benedetto e Rosario Canale), brano caratterizzato da sonorità pop accattivanti e un ritornello che rimane subito impresso, è uno dei cinque nuovi brani inediti contenuti in “Costruire 2.0”.

Tutti i brani di “Costruire 2.0” sono scritti o co-scritti da Lele. Questa la tracklist del disco:

“La Nostra Distanza”, “Senza Paura Di Sorridere”, “Ora Mai, “Cosi Com’è”, “Adesso E Sempre”, “L’Ho Voluto Io (alternative version)”, “La Strada Verso Casa”, “Screamin’ It Loud”, “Through This Noise”, “Love Me Now”, “Christmas Night With You”, “We Will Carry On”.

Lele (nome d’arte di Raffaele Esposito) ha 20 anni ed è nato a Pollena Trocchia (provincia di Napoli), dove vive con i genitori e il fratello. Fin da piccolo ha la passione per la musica e per il canto: a 6 anni si avvicina al pianoforte, strumento che continuerà a studiare entrando a 12 anni al conservatorio di Napoli San Pietro a Majella.  Suona inoltre la chitarra da autodidatta. Lele, prima ancora di essere un cantante, è un autore e compositore: scrivere è una passione che coltiva da sempre, e già a 12 anni inizia a creare testi e musiche delle sue canzoni in italiano e in inglese.

Tra le sue passioni, oltre alla musica, ci sono il basket, i viaggi, le moto ed in particolare Valentino Rossi. A metà marzo 2016 Lele accede al serale di Amici e sceglie di concorrere per la squadra Bianca accanto a Emma e Elisa, reputando quest’ultima “più vicina al suo mondo inglese”. Il 27 maggio 2016 è uscito il suo primo album, “Costruire”, che ha dato inizio al suo percorso di musicista, sostenuto anche dall’affetto dei suoi fan (più di 137.000 su Facebook e 425.000 su Instagram). Lele è stato scelto da Elisa e da Emma come opening-act di alcune date dei rispettivi tour nei palasport, esibendosi in un set voce, chitarra e loop station.

schermata-2017-01-15-alle-16-05-02Titolo: ‘Costruire 2.0′. Repackaging + 5 inediti.
Data di uscita: 10 febbraio
Etichetta discografica: Sony Music Italia
Tracklist: 
1. La Nostra distanza, 2. Senza paura di sorridere, 3. Ora mai, 4.Così com’è, 5. Adesso e sempre, 6. L’Ho voluto io (alternative versione), 7. La Strada verso casa, 8. Screaming’ it loud, 9. Through this noise, 10. Love me now, 11. Christmas Night with you, 12. We will carry on.

1484060739211_leonardo.png

– Leonardo Lamacchia (Leo Stain) – Ciò che resta Ciò che resta” (Mauro Lusini, Giovanni Pollex).

Cantare a sei anni in un coro di voci bianche era per Leonardo un modo per sentire la propria voce ampliata, più forte, sorprendentemente bella e maestosa.

Poi la voce è diventata baritonale senza perdere la lucentezza iniziale ed ancora dodicenne, Leonardo Lamacchia sognava di calcare i palchi da solista, da crooner, come un piccolo Sinatra o un giovanissimo Bublé. Così ha iniziato a studiare pianoforte, ad avvicinarsi – curioso e impaziente di crescere – a tantissimi generi musicali diversi: la musica classica e lirica, il rock e l’indie-rock, la musica d’autore italiana e francese. Adolescente è salito sul palcoscenico del Teatro Petruzzelli di Bari ed ha capito che nutrire quel sogno, custodire quella bolla magica nella quale era appena entrato, sarebbe stato l’obiettivo della sua vita.

Ora è autore ed interprete: scrive partendo dal pianoforte, per poter esprimere, narrare il suo vissuto, i suoi sentimenti in modo autonomo ed assolutamente personale. “Ciò che resta”, brano del quale è co-compositore insieme a Mauro Lusini (autore, tra l’altro, di “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones” e, più di recente, “AAA cercasi” di Carmen Consoli) e Gianni Pollex (autore di “Straordinario”), è la canzone con la quale si affaccia alla soglia del grande panorama musicale italiano.

0602557413298_0_0_300_80 (1).jpgTitolo: ‘Ciò che resta’. Inediti.
Data di uscita: 10 febbraio
Etichetta discografica: On the road music
Tracklist: 
1. Ciò che resta, 2. È soltanto pioggia, 3. Le Chiavi del mio mondo, 4. Uomo a metà, 5. Un Brutto sogno, 6. Giulia dorme.

1484061543186_maldestro.png– Maldestro  Maldestro (Antonio Prestieri) – “Canzone per Federica” (Antonio Prestieri).

Atteso debutto al Festival di Sanremo per Antonio Prestieri, in arte Maldestro, che gareggerà sul palco del Teatro Ariston per aggiudicarsi la vittoria finale della sezione Nuove Proposte. Vi proponiamo il video e il testo della canzone che proporrà sul palco dell’Ariston.

Il brano selezionato dal direttore artistico Carlo Conti si intitola “Canzone per Federica”, composto dallo stesso cantautore napoletano, figlio del boss pentito Tommaso Prestieri, e vincitore del Premio Luigi Tenco nel 2013. “Maldestro lo sono realmente. Inciampo nelle cose, nei bicchieri, nei piatti. So’ proprio così, non è un nome per fare il personaggio. Canto le cose che scrivo, non so dove collocarla ma è una musica che mi viene da dentro e mi libera”.

“Credo che ‘Canzone per Federica’ sia un inno alla vita – racconta l’artista campano – un inno al non fermarsi mai, nonostante le avversioni. Un inno a credere nel futuro, nonostante questo futuro appaia stanco”.

Nome d’arte di Antonio Prestieri (nato a napoli l’11 marzo 1985) scrive, canta e suona le sue canzoni. Nato nel quartiere popolare di Scampia, all’età di nove anni si trasferisce nel centro di Napoli e comincia a studiare pianoforte.

A sedici anni incontra il teatro, abbandona così lo studio del pianoforte per dedicarsi completamente alla recitazione, alla regia e alla drammaturgia. Scrive oltre quindici opere tra drammaturgie e commedie e vince giovanissimo il premio Sipario (2 volte per miglior testo) e il premio Schegge di Teatro per la migliore regia e il miglior testo.

Durante tutta la sua crescita, personale ed artistica, partecipa a numerose iniziative in favore della legalità nelle carceri minorili, nelle scuole medie, superiori e nelle università, spesso affiancato da nomi importanti della lotta contro le mafie: da Rosaria Capacchione a Don Luigi Merola.

Durante tutto il suo cammino la musica non lo ha mai abbandonato (scrive infatti contestualmente a opere per il teatro anche numerose canzoni senza però nessuna velleità di pubblicarle). A ventotto anni avverte l’esigenza e la voglia di pubblicare alcune canzoni tra le quali “Sopra al tetto del comune” e “Dimmi come ti posso amare”, brani che gli faranno vincere tra il 2013 e il 2014 numerosi premi quali: Premio Ciampi, Premio De André, SIAE, AFI, Palco Libero e Musicultura.

Brani poi contenuti nel suo primo album “Non trovo le parole”, pubblicato il 14 aprile 2015 e con il quale è arrivato secondo al Premio Tenco come miglior album d’esordio. Maldestro è stato inoltre inserito nell’album del Club Tenco dedicato a De André di prossima uscita.

Dal suo debutto nel 2013 ad oggi, ha tenuto oltre cento concerti partecipando tra l’altro a numerosi importanti festival e rassegne e esibendosi in numerosi teatri importanti, dall’Auditorium Parco della Musica al Teatro Bellini, dal Ravello Festival al concertone del Primo Maggio in Piazza San Giovanni nel 2016 dove si è distinto con il brano inedito “Facciamoci un selfie”. Ha inoltre avuto più volte l’occasione di suonare con importanti artisti del calibro di Vecchioni, James Senese e molti altri.

Autore raffinato dalla voce graffiante, racconta nelle sue canzoni e nei suoi spettacoli l’amore, la rabbia, la speranza, il disagio e la disperata voglia di vivere di un giovane poeta dei nostri tempi senza rinunciare a un’ironia piena di vita, che è il cuore della sua musica.

Maldestro incarna uno degli esempi più fulgidi di come, pur nascendo in contesti sociali estremamente difficili, la cultura, la musica ed il teatro siano le vere armi da brandire per affermare una civiltà della legalità.

Titolo: I muri di Berlino’. Inediti compreso “Abbi cura di te” che sarà nella colonna sonora del nuovo film di Massimiliano Bruno Beata ignoranza, con Alessando Gassmann e Marco Giallini in uscita nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 23 febbraio.
Data di uscita: 24 Marzo.
Etichetta discografica: AreaLive/Warner Music Italia
Tracklist: 

1484061292520_miriage.png– Marianne Mirage  (Giovanna Gardelli) – “Le canzoni fanno male” (Kaballà, Francesco Bianconi).

Nome d’arte di Giovanna Gardelli – è un’artista poliedrica: cantante, musicista, attrice e designer. Giovanissima si avvicina al mondo dell’arte, sin dall’età di sette anni, grazie al padre pittore. Poi scopre un’intensa passione per la musica, in particolare…

Giovanissima si avvicina al mondo dell’arte, sin dall’età di sette anni, grazie al padre pittore. Poi scopre un’intensa passione per la musica, in particolare per le atmosfere black, soul e per le grandi voci del jazz internazionale.

Durante gli studi in letteratura, arte, musica e recitazione, Marianne viaggia molto e si esibisce con musicisti internazionali nei teatri e nei locali delle città nelle quali si ferma come Londra, Parigi, Berlino e Istanbul.

Consegue la laurea in Lettere e Filosofia e il diploma in recitazione presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano, dopo un percorso di studi presso il teatro “Il Piccolo” di Forlì con “L’Accademia Perduta” e la scuola di danza di Giorgia Madamma e Roberto di Camillo, allievo di Pina Bausch.

Nella primavera del 2016 viene pubblicato “Quelli Come Me”, l’album di debutto su etichetta Sugar. Prodotto da Max Elli e Jack Jaselli e mixato da Enrico La Falce, “Quelli Come Me” è una dedica con cui l’artista omaggia tutti quelli che vedono e vivono la vita come lei. “Questo disco sono io, è una fotografia della mia essenza, delle mie idee e delle mie speranze”. In parte autobiografico, “Quelli Come Me” è un inno alle battaglie quotidiane e alla lotta per un’idea. “Ho imparato che se non lotti non ottieni nulla e questo ha forgiato il mio carattere e i miei intenti artistici”. Partendo da una chitarra classica le parole sono uscite spontanee come un flusso, a cui si sono aggiunte una batteria soul e un basso dai suoni groove. Sonorità che Marianne Mirage ripropone anche dal vivo in un intenso tour che l’ha vista protagonista anche come opening act di importanti artisti quali Kiesza, Patty Pravo, Tiromancino, Raphael Gualazzi.

Il brano che presenta a Sanremo Giovani si intitola “Le Canzoni Fanno Male”, scritta e composta da Kaballà e Francesco Bianconi (Baustelle), prodotta da Tommaso Colliva (Muse, Franz Ferdinand, Mauro Pagani, Tiromancino) e Riccardo Damian (Adele, Lady Gaga, MUSE, Mark Ronson, Nile Rodgers, Duran Duran).

http-%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fle-canzoni-fanno-male-marianne-mirage-cover-ts1486724962.jpegTitolo: ‘Le canzoni fanno male’ (Sugar S.r.l., ). 
Data di uscita: In attesa di maggiori informazioni. Tracklist: 01. Un’altra estate, 02. Le canzoni fanno male, 03. L’ultima notte, 04. In tutte le cose, 05. Corri (from “Il fulgore di Dony”)
Etichetta discografica: Sugar Music
Tracklist: 

1484060999114_pini.png– Tommaso Pini – “Cose che danno ansia” (Andrea Amati, Tommaso Pini, Andrea Francesca Dall’Ora).

: Nasce a Bagno a Ripoli, Firenze il 10 Marzo 1989. Sin da piccolo ascolta moltissima musica, visto che i suoi genitori sono appassionatissimi. Cresce quindi con la musica degli anni 80/90 che lo influenzerà moltissimo nel suo percorso…

Frequenta l’Accademia di Musica di Firenze e nel frattempo inizia anche a studiare privatamente con Gianni Mini, corista di Gianna Nannini.

Vince una borsa di studio che gli permette di seguire uno stage di Performing Arts presso il Wes Finland College, in Finlandia.

Nel 2011 Partecipa ai casting di X FACTOR 5 arrivando sino alla fase delle esibizioni dei Boot Camp.

Nel 2012 è il 1° classificato al concorso Danza in Fiera. Con il suo gruppo Crystal Crash vince i concorsi Suoni nella Notte, Gallo Nero Contest e ottiene il premio della critica al Music Town Contest.

Nel 2013 come corista si esibisce con Gianna Nannini al Music Summer Festival.

Nel 2014 partecipa a The Voice Of Italy 2 dove si classifica al terzo posto (Finalista del Team Carrà). È stato forse la rivelazione canora più interessante di The Voice 2. Scelto subito da Raffaella Carrà, che resta colpita dalla sua bravura sin dalle Blind Auditions, dove si presenta con una sua rielaborazione di Summertime Sadness, si batte fino all’ultimo per contendersi la vittoria finale del Talent con la canzone inedita “La Perfezione non c’è”. Un mix di voce e teatralità, un timbro vocale magnetico e fuori dagli schemi sono i suoi punti di forza che hanno incantato i Coach e il pubblico. È stato uno degli artisti più seguiti sul web, con oltre 3.000.000 di visualizzazioni. Proprio a The Voice, Tommaso incontra Sergio Dall’Ora, che lo segue durante il programma come Vocal Coach e che poi, intuendone le potenzialità, diventa il suo produttore discografico. Finito il programma Tommaso registra il remake di “Sweet Dreams” che si piazza ai primi posti nelle classifiche di iTunes vicino a nomi come Saint Motel, Coldplay e Imagine Dragons e ottiene oltre 40.000 visualizzazioni su YouTube.

Alle selezioni per il Festival di Sanremo 2015 viene scelto dalla Commissione Artistica per partecipare alle fasi finali delle Nuove Proposte con il brano “Passatempo”, che si piazza al primo posto nella graduatoria di preferenze web sul sito di Sanremo. Con quasi 80.000 visualizzazioni, 6000 mi piace e più di 1600 Tweets Tommaso Pini è la Nuova Proposta con il più alto numero di visualizzazioni, preferenze e commenti su Internet. Il pubblico in rete lo segue moltissimo e anche in questo caso dal web arrivano riscontri molto interessanti.

Tommaso conquista fans anche all’estero: in Messico, Svezia, Brasile, Nuova Zelanda, ma soprattutto in Russia, dove viene creato anche un Fan Club che lo sta sostenendo.

Nel 2015 Tommaso comincia la preparazione del suo primo Album ed è impegnato nelle registrazioni di alcuni pezzi anche all’estero (Londra e Stoccolma).

Il 10 luglio 2015 pubblica il suo nuovo singolo “Summertime Sadness” che farà anche parte dell’album in lavorazione. Il brano si piazza subito alla posizione 8 di iTunes nella musica Alternative.

TV Sorrisi e Canzoni inserisce Tommaso Pini e il suo brano nella classifica dei Top 10 brani da ascoltare pubblicata sul giornale e online. Il video del brano viene realizzato in Svezia, dove Tommaso incontra anche l’Hit Maker Svedese Jocke Bjorklund (K.Minogue, John Martin, Ace of Bass), che già aveva collaborato in passato col suo produttore Sergio Dall’Ora e che rimanendo colpito dalla sua voce accetta di collaborare alla stesura di alcuni inediti.

Nell’Estate 2015 partecipa numerosi eventi Live sia in Italia che all’estero ed è ospite a Uno Mattina Estate su Rai Uno. Viene scelto ancora una volta per le audizioni delle 60 Nuove Proposte per il Festival di Sanremo 2016 con il brano “Veleno ed Antidoto” , scritto insieme ad Andrea Amati e Sergio Dall’Ora.

Il 2016 è un anno di grossi cambiamenti ed esperienze internazionali per Tommaso Pini. Per fare nuove esperienze si trasferisce a Londra dove la vita artistica, le collaborazioni e le contaminazioni musicali sono in fermento. Lavora in un Pub frequentato da molti artisti continuando a scrivere brani e alternando anche esibizioni in piccoli club sia da solo che come vocalist di un gruppo.

Viene anche contattato ed invitato a partecipare al Contest Internazionale “Youthvision” che si svolge a Baku, in Azerbaijan in rappresentanza dell’Italia. Arrivano anche i primi risultati discografici e così a Londra registra un brano in inglese per la Francia e Uk con la distribuzione di Universal France. Il brano dal titolo “Without Your Love” è attualmente in fase di mixaggio.

Dopo l’Estate rientra in Italia con la voglia di mettere in musica tutte le esperienze fatte negli ultimi mesi. Nascono così nuovi spunti artistici e in particolare nasce un brano, in cui Tommaso vuole scrivere e cantare di uno dei mali quotidiani che ci affliggono, ma del quale si fatica spesso a parlare: l’Ansia! È una scommessa, ma alla fine con l’aiuto di altri due autori ansiosi (Dall’Ora e Amati) Tommaso mette in musica il brano giusto per esorcizzarla.

“Cose Che Danno Ansia” è il titolo del brano che viene inviato alle selezioni di Sanremo Giovani e viene prima prescelto nei 60, per poi passare, dopo l’audizione di Roma, tra i 12 semifinalisti che si contenderanno i 6 posti per Sanremo 2017.

Tommaso Pini è anche molto attento al sociale e si è reso disponibile a partecipare ad iniziative ed eventi a supporto della sensibilizzazione e informazione sulle malattie e i problemi che affliggono i meno fortunati. Tra le sue partecipazioni, “Il Nicco Day” alla Obi Hall a Firenze e una grande serata a Roma, all’Auditorium, per la Andrea Tudisco Onlus, dove ha condiviso il palco assieme grandi nomi come Fiorello e Fabrizio Frizzi.

cosechedannoansia-tommaso-pini-copertina.jpgTitolo: ‘Cose che danno ansia’. Inediti.
Data di uscita: 10 febbraio
Etichetta discografica: Believe Digital
Tracklist: 
1. Cose che danno ansia, 
2. Francesca e dicembre, 3. La mia testa, 4. La disco mi rilassa, 5. Summertime sadness, 6. Veleno ed antidoto, 7. Passatempo, 8. Non ho bisogno di te, 9. Mancanza di alternativa, 10. Sweet dreams.

1484322829360_valeria-corretto5.png– Valeria Farinacci – “Insieme” (Giuseppe Anastasi).

Valeria Farinacci è uno dei due nomi scelti per il Festival di Sanremo 2017, direttamente da Area Sanremo. Insieme al suo brano Insieme, la cantante si esibirà al Teatro Ariston il prossimo febbraio. Il suo nome è stato fatto da Carlo Conti durante la diretta della serata speciale, Sarà Sanremo.

Nata a Terni il 24/09/1993. Laureanda in “Mediazione Linguistico-Culturale” presso l’Università degli Studi Roma Tre.

Nel 1999 partecipa alla fase finale del concorso nazionale “Zecchino d’Oro” presso gli studi del teatro Antoniano di Bologna.

Nel 2008 interpreta “Ariel” nel musical “La sirenetta” presso l’anfiteatro Fausto di Terni (2008).

Nel 2012 partecipa come sfidante ad “Amici”.

Nel 2014 vince il concorso “Glamorize Music Award” e il concorso “Avis emo…zioni l’arte di donare”; nello stesso anno inoltre si aggiudica la borsa di studio Centro Europeo Toscolano (CET) con conseguimento di diploma nella categoria “Interpreti” ed è semifinalista al concorso “Tour Music Fest”.

valeria-farinacci-insieme-copertinaTitolo: ‘Insieme’ (EP). 4 inediti + 2 versioni alternative del brano di Sanremo di cui una in duetto.
Data di uscita: 10 febbraio
Etichetta discografica: Believe Digital
Tracklist: 
1. Insieme, 2. Dopo cena, 3. Cuore rotto, 4. Per tutta la notte, 5. Insieme acustica, 6. Insieme strumentale.

1484061681061_braschi.png Braschi (Federico Braschi) – “Nel mare ci sono i coccodrilli” (Federico Braschi, Massimo Marches).

Insieme a Valeria Farinacci, Braschi è il secondo nome del cantante selezionato per il Festival di Sanremo 2017 nella categoria Giovani. 

Da Santarcangelo di Romagna a Cesena, passando per gli Stati Uniti d’America. Si tratta di Braschi, un tipo che scrive le canzoni che canta.

Registra a Richmond in Virginia con i Calexico e Jd Foster (produttore e musicista di Marc Ribot e Vinicio Capossela, solo per citarne alcuni) un EP di 4 canzoni poi portato in tour, prima in molte città degli Stati Uniti: tra New York, Washington Dc, Philadelphia e Richmond, poi in tutta Italia.

L’EP, intitolato “Richmond”, è uscito il 20 maggio 2014 per Brutture Moderne/Audioglobe.

Nel 2014 e nel 2015 Braschi è stato in tour con Dan Stuart (leader dei Green on Red), coi Nobraino e con la sua band.

Da settembre 2015 è in studio per preparare il nuovo disco.

A giugno 2016 è finalista a Musicultura.

Braschi.jpgTitolo: ‘Trasparente’. Inediti.
Data di uscita: 10 febbraio
Etichetta discografica: iMean Music
Tracklist: 
01. TRASPARENTE, 02. TERRA DEL FUOCO, 03. OCCHIALI A SPECCHIO, 04. NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI, 05. LA SEDIA CON LE ALI , 06. OGNI CATTIVO GIORNO, 07. ACQUA E NEVE, 08. PER EFFE, 09. NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI (WITH ORCHESTRA), 10. SANTA MONICA (feat. Calexico, 2013).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...