ESC 2017 – Spagna: Manel Navarro con “Do it for your lover” per la Spagna a Kiev


thumbnail_ManelNavarro.jpg

Si è appena conclusa la Finale di Ojetivo Eurovisión 2017, selezione nazionale spagnola che determina la canzone e il concorrente della Spagna alla 62ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017, che si terrà per la seconda volta in Ucraina, presso l’IEC – Kiev International Exhibition Centre (МВЦ – Міжнародний Виставковий Центр Київ) di Kiev ‬ il 9, 11 e 13 maggio 2017. 

Sarà Manel Navarro con il brano pop-reggae “Do It For Your Lover”, undecima canzone che viene svelata nel novero di quelle che parteciperanno all’Eurovision Song Contest 2017, a rappresentare la Spagna all’Eurovison Song Contest di Kiev, cercando di risollevare il paese iberico dopo un paio di partecipazioni poco soddisfacenti.

ManelNavarro.jpg

Manel Navarro è il diciannovesimo concorrente in gara all’edizione 2017 dell’Eurovision Song Contest, dopo il cipriota Hovig con il brano “Gravity”, le olandese O’G3NE, la macedone  Jana Burčeska (Јана Бурческа), la belga Blanche (Ellie Delavaux), l’azeri DiHaj (Diana Hajiyeva, Diana Hacıyeva), l’irlandese Brendan Murray, l’austriaco Nathan Trent, l’albanese Lindita Halimi con il brano “Botë” (World, Il mondo), l’armena Artsvik (Արծվիկ), il montenegrino Slavko Kalezić (Славко Калезић) con il brano “Space”, la greca DEMY (Δήμητρα Παπαδέα, Dimitra Papadea) e la georgiana  Tamar “Tako” Gachechiladze (თამარ “თაკო” გაჩეჩილაძე) con la canzone “Keep the Faith”, i bielorussi NAVIBAND con il brano “Historyja Majho Žyccia” (Гісторыя майго жыцця, Story of my life), i finlandesi Norma John con la canzone “Blackbird”, l’inglesa Lucie Jones con il brano “Never Give Up on You”, gli svizzeri Timebelle con  “Apollo”, la francese Alma con “Requiem” e la tedesca Isabella “LEVINA” Lueen con “Perfect life”.

Il risultato di Ojetivo Eurovisión 2017 è stato definito al 50% dal televoto del pubblico e al 50% dalla giuria degli esperti, composta da Xavi Martínez, presentatore radiofonico dell’emittente Los40; da Javier Càrdenas, presentatore televisivo e cantante; e da Virginia Díaz, presentatrice radiofonica di Radio3. Al termine delle votazioni della giuria, era in testa Manel Navarro con 34 punti.

In seguito al voto del pubblico, si è creata una situazione di parità: l’assegnazione di 36 punti alla favoritissima Mirela e di 24 punti a Manel ha comportato un pareggio al primo posto con 58 punti. A questo punto, la palla è stata passata ai giudici, che sono rimasti coerenti con la loro decisione iniziale, favorendo Manel Navarro in qualità di rappresentante della Spagna all’Eurovision Song Contest 2017 di Kiev.

Una scelta che ha scatenato l’ira del pubblico in sala, chiaramente schierato – fin dall’inizio dello show – dalla parte di Mirela. Verdetto che sarà destinato a far parlare di sé, in quanto è stata preferita l’opinione dei giudici piuttosto che quella del pubblico sovrano, che non ha nascosto la propria contrarietà: gli scatenatissimi eurofans in studio non hanno usato mezze misure per mostrare il loro disappunto verso la decisione. Sicuramente delusa anche Mirela che, al suo terzo tentativo di rappresentare la Spagna in Europa, non è riuscita nell’impresa per un soffio.

A seguire, in classifica, LeKlein, acclamatissima dal pubblico con il suo brano rock elettronico Ouch!, Maika, dalla grande voce rock in Momento Critico, e Mario Jefferson, che ha interpretato il brano Spin My Head. Chiude in coda la dolcezza del country pop di Paula Rojo.

Una trasmissione seguitissima anche dal lato social: l’hashtag ufficiale #ObjectivoEurovision è stato il primo trending topic mondiale fin dai primi minuti della diretta, ottenendo tweet da tutta Europa e da tutti i paesi latino-americani.

Ospiti della serata Karina, che ha cantato “En Un Mundo Nuevo”, canzone con la quale ha raggiunto il secondo posto per la Spagna all’Eurovision Song Contest 1971; David Civera, rappresentante della Spagna all’edizione 2001 dell’Eurovision Song Contest, il quale ha presentato una nuova versione del suo successo “Dile Que La Quiero” e Barei, che lo scorso anno ha portato “Say Yay!” sul palco dell’Eurovision Song Contest di Stoccolma. In scena anche un medley delle principali canzoni eurovisive spagnole, interpretato da Roko ed Edu Soto.

Manel Navarro è un cantante, chitarrista e compositore spagnolo. Grazie a suo padre, ha cominciato ad amare la musica ascoltando da bambino Bob Dylan e nel corso degli anni i suoi miti sono diventati Ed Sheeran, i Rolling Stones, DJ Kygo tra gli altri. Ha iniziato a studiare chitarra a 14 anni. Come generi musicali ama il Pop e il Tropical House e si ispira alla musica di James Bay, Ben Howard, Hozier e dei Passenger. Ha iniziato la sua carriera da solista pubblicando diverse cover sui social.

Nel 2014 ha partecipato al concorso regionale per giovani talenti musicali “Teen Star” che ha vinto con la cover “Hold on, we’re going home” della canadese Drake.

Nel 2016 firma con la Sony Music Entertainment e pubblica il suo primo singolo “Candle”. Nel gennaio 2017 ha pubblicato il suo secondo singolo “Do it for your lover” col quale andrà a Kiev.

Ecco i 6 finalisti che si sono sfidati per l’unico posto disponibile nell’Objetivo Eurovisión 2017 per rappresentare la Spagna a Kiev (in ordine di esibizione, Risultato = Giuria (Xavi Martínez, Javier Càrdenas, Virginia Díaz) – Televoto):

Manel Navarro – “Do it for your lover” (Antonio Rayo ‘Rayito’, Manel Navarro), 34 (12+10+12) + 24 = 58

LeKlein (Vanesa Cortés Klein) – “Ouch!!!” (David Ascanio, Vanesa Cortés, Albert Neve, Abel Ramos), 22 (7+7+8) + 30 = 52

Paula Rojo (Paula Fernández Vázquez) – “Lo que nunca fue” (What it never was) (What it never was) (Álvaro Bárcena Suárez e Paula Rojo), 21 (8+6+7) + 18 = 39

Mario Jefferson (Mario Gómez Jefferson “Jefferson”) – “Spin my head / Pierdo el control” (Chris Wahle, Mario Jefferson, Mandy Díaz), 25 (10+5+10) + 15 = 40

Maika Barbero – “Momento crítico” (Critical moment) (Rafael Artesero e J.J. Santana (José Juan Santana)), 20 (6+8+6) + 21 = 41

Mirela Cabero García (Mirela Cgarcia) – “Contigo” (With you) (Ander Pérez, Isaac Luque, Tony Sánchez-Ohlsson), 22 (5+12+5) + 36 = 58

Caos in Spagna, polemiche per la vittoria di Manel Navarro a Objetivo Eurovision, lo show televisivo trasmesso sabato scorso per selezionare il rappresentante spagnolo per l’Eurovision Song Contest, ha davvero sollevato un gran polverone.

Dopo le critiche dello scorso anno, TVE aveva in animo di migliorare il format Objetivo Eurovision, introducendo uno studio televisivo più grande e dotazioni tecnologiche migliori. Speranze disattese: solo per fare alcuni esempi della disorganizzazione, diverse inquadrature si sovrapponevano con quelle di altre telecamere, e alla fine dello show non si riusciva più a trovare la chitarra del vincitore Manel per l’esibizione finale.

Ma ad essere tragicomica è la situazione che si è creata durante e dopo lo show. Gli animi si sono scaldati sin dal principio delle votazioni della giuria, quando Xavi Martinez e Virginia Díaz hanno attribuito solo 5 punti alla favorita del pubblico, Mirela.

A rendere incandescente la circostanza ci ha pensato il risultato del televoto, che ha attribuito 36 punti (il massimo) proprio a Mirela, e soli 24 punti a Manel Navarro, generando una situazione di parità al primo posto.

E mentre il pubblico esclamava a gran voce “Mirela a Eurovisión“, un imbarazzatissimo Jaime Cantizano cercava di spiegare che, come da regolamento, la decisione finale sarebbe spettata agli esperti. Non l’avesse mai detto: coerente con le votazioni iniziali, la giuria ha preferito Manel a Mirela, ed è scoppiata la rivolta.

Un cambio di regolamento rispetto al 2014, quando Ruth Lorenzo volò a Copenaghen perché favorita dal pubblico, nonostante il pareggio con la sfidante Brequette, preferita dalla giuria.

“Tongo!” (inganno) ha subito gridato il pubblico in sala, che ha ricoperto di fischi la giuria. Manel, sotto una pioggia di coriandoli, è stato letteralmente ricoperto dal dissenso popolare e, sotto pressione per le circostanze, ha accennato il gestodell’ombrello verso la platea. Il vincitore si è prontamente scusato nel corso della conferenza stampa di oggi.

Un risultato che ha fatto subito discutere. Prima, la presunta pubblicazione sul sito della maggiore emittente radiofonica spagnola Los40 – con un’ora di anticipo sull’inizio della trasmissione televisiva – della notizia che Manel Navarro avrebbe rappresentato la Spagna all’Eurovision Song Contest. Poi, il rapporto tra il vincitore e il giurato Xavi Martínez che, alcune settimane fa, si sono scambiati tweet giudicati troppo amichevoli, dopo che il cantante è stato proprio ospite della trasmissione di Xavi Martínez a Los40.

promise.jpg

A peggiorare la situazione, la vociferata aggressione dello speaker di Los40, uscito dallo studio subito dopo la proclamazione del vincitore, sotto una pioggia di insulti: pare che David Ascanio, compositore della canzone in gara per LeKlein, abbia affrontato fisicamente Xavi Martínez. Tanti i messaggi di solidarietà da colleghi e spettatori.

Alla conferenza stampa tenutasi oggi ha colpito per l’assenza assoluta dei rappresentanti della televisione TVE: mancavano all’appello sia il capodelegazione spagnolo Federico Llano, sia la direttrice della divisione intrattenimento dell’emittente spagnola, Toñi Prieto.

Presente solo, in qualità di moderatore dell’incontro, Carlos Garrido, direttore delle relazioni con i media per TVE che, alle domande sulla qualità e la realizzazione del programma, ha sempre risposto che tutto si è svolto per il meglio e che per ogni dettaglio sarebbe stato opportuno contattare l’ufficio stampa TVE, ricordando come la conferenza fosse dedicata solo a Manel.

E mentre Virginia Díaz, membro della giuria, smentisce ogni complotto o decisione premeditata, la Real Academia Española ha ribadito la necessità di scegliere solamente canzoni in lingua spagnola per l’Eurovision Song Contest, puntando il dito contro il ritornello in inglese di “Do It For Your Lover”, polemica già sollevata lo scorso anno contro Barei e il suo brano scritto nella stessa lingua.

La questione sta diventando un caso discusso anche dalla politica: il PSOE spagnolo ha presentato al Congreso de los Diputados una serie di interrogazioni dirette al presidente di TVE, per conoscere il suo parere sugli eventi, i criteri per la redazione del regolamento e la scelta dei giurati, chiedendo inoltre se sia stata considerata l’opportunità di annullare il risultato.

16722728_10154432530277831_8593346956477284293_o.jpg

Ancora polemiche su TVE e i presunti brogli nella selezione. Il mistero attorno ai presunti brogli nella scelta del rappresentante della Spagna all’Eurovision Song Contest – mediante la trasmissione Objetivo Eurovisión – continua ad infittirsi. I sostenitori della teoria secondo cui la designazione di Manel Navarro sarebbe stata pilotata hanno scoperto l’esistenza di un collegamento tra TVE e la casa discografica del giovane cantante.

La direttrice della divisione intrattenimento dell’emittente spagnola, Toñi Prieto, sarebbe infatti in conflitto di interessi in quanto la figlia lavorerebbe proprio per la Sony Music, etichetta di Manel. La Prieto, inoltre, avrebbe dato precisi ordini per favorire una corretta realizzazione tecnica dell’esibizione di Navarro, in barba al risultato finale che ha mostrato diverse imprecisioni fortemente criticate.

La funzionaria TVE ha smentito a più riprese ogni accusa su trattamenti preferenziali verso l’uno o l’altro artista. Interrogata sul conflitto di interessi, ai microfoni di Bluper la Prieto ha affermato: “Non ho nulla da nascondere. Mia figlia lavora da 10 anni con Sony Music España. Prima ha lavorato 3 anni con la Universal, e prima ancora con Globomedia e Videomedia. Purtroppo o per fortuna si sta muovendo nello stesso campo in cui mi muovo io. Capita una infinità di volte tra genitori e figli.”

E ancora, ha chiarito come non vi siano coincidenze: “L’anno corso, a Objetivo Eurovision 2016, avevamo un candidato di Sony, Salvador Beltrán, e due di Universal, Maverick e Barei. E anche se in giuria c’era Edurne, di Sony, non ha vinto Salvador.”

Tuttavia, diversi media hanno riportato come la figlia della Prieto lavori per la Sony da soli 2 anni! Il rapporto lavorativo sarebbe dunque iniziato nel 2015, quando Edurne venne scelta internamente dalla Spagna per rappresentare il paese all’Eurovision. Una partecipazione che fu molto discussa, in quanto TVE si rifiutò di rendere pubblici i resoconti delle spese sostenute per la spedizione a Vienna.

Colpisce inoltre che, proprio dal 2015, l’etichetta Sony sia sempre stata presente nel processo di selezione spagnolo, nonostante prima di quell’anno la casa discografica non avesse mai manifestato interesse verso la possibilità di candidare un proprio artista alla kermesse europea.

Trait d’union di tutta questa faccenda è il giudice Xavi Martinez, che da diverse settimane a questa parte, nella propria trasmissione sulla maggiore radio spagnola, Los40, ha sempre sostenuto Manel e la sua candidatura all’Eurovision Song Contest.

xavi-martinez-manel-navarro.jpg

A rafforzare il rapporto più che professionale tra lo speaker radiofonico e il team di Manel c’è la cesta natalizia regalata dalla Must! Producciones – che gestisce il management per Navarro – a Xavi, il quale ha ringraziato con un messaggio criptico: El 2017 es nuestro (Il 2017 è nostro).

Anche se non possiamo sapere a cosa si riferisse Martinez, alcuni hanno segnalato come, nel corso di una trasmissione radiofonica, il conduttore di Los40 abbia addirittura raccontato un aneddoto divertente accaduto ad una cena che tra gli ospiti aveva anche Navarro.

javier-maroto-melodifestivalen-spagna.jpg

Al di là dei pettegolezzi, il caso è ancora ampiamente discusso dalla politica. Dopo l’interrogazione delPSOE al Congreso de los Diputados, Javier Maroto, vicesegretario del Partido Popular del País Vasco, nonché eurofan dichiarato, come soluzione definitiva ai problemi che da anni circolano attorno alla selezione spagnola ha consigliato il modello svedese: “Non capisco come non si possa seguire il modello del Melodifestivalen della SVT. Si tratta di una trasmissione di successo e di qualità.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...