ESC 2017 – Italia: “Occidentali’s karma” di Francesco Gabbani in italiano a Kiev


francesco-gabbani-standong-ovation

Ospite di Antonella Clerici e del suo show su Rai1 ‘Standing Ovation (programma in cui ragazzi dagli 8 ai 17 anni si sfidano a suon di cover in coppia insieme ai loro genitori di fronte ai tre giurati Loredana Bertè, Nek e Romina Power e ad un pubblico di 300 persone chiamate ad esprimere le proprie preferenze con una standing ovation, che gli permetta di acquistare punti e rimanere in gara), Francesco Gabbani ha praticamente confermato che “Occidentali’s Karma” sarà presentata in italiano all’Eurovision Song Contest 2017.

Per tanto, non ci saranno inserimenti in lingua inglese nella versione eurovisiva di “Occidentali’s Karma”. 

Resta che attendere di scoprire in che modo la canzone sarà tagliata (di circa 38 secondi) per raggiungere i 3 minuti, durata massima consentita e se sarà cambiato il verso che comprende il marchio commerciale Chanel, in teoria vietato dal regolamento (l’anno scorso  facetime restò nel pezzo australiano).

Qualche giorno fa Luca Chiaravalli, il direttore d’orchestra che ha accompagnato Gabbani al Festival di Sanremo 2017, aveva dichiarato che avrebbero fatto alcune modifiche al brano, inserendo delle parti in inglese per rendere più comprensibile il testo zeppo di citazioni.

Alcuni giorni dopo, Gabbani, in un’intervista a Radio Nostalgia, aveva affermato che ci stavano ancora ragionando, ma che l’intenzione era di mantenerla in italiano, anche a causa delle richieste dei fan che andavano in quella direzione.

La Clerici ha chiesto a Gabbani come si sentisse ad avere vinto per due anni di fila Sanremo nella sezione Giovani e poi nella categoria Big. La conduttrice ha ricordato che 🐒 “Occidentali’s Karma” è stata scritta dal cantautore stesso, insieme ai suoi fratelli artistici, tra cui c’è anche il suo vero fratello Filippo Gabbani. I due nella chiacchierata si sono soffermati sull’elemento della scimmia, che voleva essere non solo una citazione di Morris e quindi profondo, ma al tempo stesso un elemento sdrammatizzante: l’obiettivo era quello di unire l’alto e il basso a livello culturale, per spingere a fare riflettere, senza togliere la componente del divertimento.

Antonella Clerici ha voluto ricordare che Gabbani è un musicista e un artista a 360°, cresciuto da due genitori che avevano un negozio di musica, ha coltivato la sua passione fino ad arrivare oltre che sul palco dell’Ariston a comporre diversi brani per grandi artisti, tra cui proprio Adriano Celentano, omaggiato con la cover di inizio puntata, per cui ha scritto “Il bambino col fucile”.

Francesco Gabbani è riuscito a mettere d’accordo sia il pubblico che la critica, ottenendo, come ricordato anche questa sera, il pass per l’Eurovision Song Contest, dove sembra uno dei favoriti. L’ultima domanda di Antonella Clerici ha trattato proprio questo imminente appuntamento, portando il cantante a confermare che porterà “Occidentali’s Karma” nella versione originale, e quindi in italiano, nonostante molti ritengano che questa scelta potrebbe penalizzarla.

“Occidentali’s Karma” sta diventando un vero tormentone, dando vita a moltissime parodie e reinterpretazioni della coreografia con la scimmia. Proprio in occasione di Standing Ovation la Rai ha postato un tweet in cui invita a condividere la propria performance per essere ripostati sul social della rete.

Francesco Gabbani è attualmente impegnato nella produzione della colonna sonora del nuovo film di Fausto Brizzi, ‘Poveri ma ricchi’, pertanto il nuovo disco del cantante è previsto per questa primavera.

Il suo ultimo album ‘Eternamente Ora’ è disponibile da oggi in edicola con Tv Sorrisi e Canzoni.

16603016_10155776744383502_156712498524622243_n.jpg

Inoltre, Desmond Morris, zoologo ed etologo inglese ottantanovenne, autore del del saggio ‘La Scimmia Nuda’, che ha ispirato “Occidentali’s Karma” di Francesco Gabbani, si è complimentato con il cantautore, vincitore del Festival di Sanremo 2017 e prossimo rappresentante italiano alla 62ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017, che si terrà per la seconda volta in Ucraina, presso l’IEC – Kiev International Exhibition Centre (МВЦ – Міжнародний Виставковий Центр Київ) di Kiev ‬ il 9, 11 e 13 maggio 2017.

Intervistato da La Repubblica, Morris si è detto felicissimo della trovata di Gabbani, che ha sta aggiornando la prefazione della sua pubblicazione, edita per la prima volta nel 1967: “Non ho dovuto cambiare niente della vecchia versione, solo aggiornare qualche dato. Perché, come dice Francesco, la scimmia nuda non ha mai smesso di ballare”.

Morris ha affermato “Ho ascoltato la sua canzone, che meraviglia. Poi sono andato a vedere anche il video con i costumi giapponesi. Occidentali’s karma è bellissima, orecchiabile, all’Eurovision il prossimo maggio mi piazzo davanti alla tv e tifo per lui”.

Rispetto ad un eventuale incontro con Francesco Gabbani, lo scienziato sarebbe felice di incontrarlo, ma purtroppo non ha più modo di spostarsi a causa dell’età avanzata e delle precarie condizioni della moglie, con cui ricorda essere sposato da ben 65 anni: “Io purtroppo, dopo una vita in giro, non posso viaggiare più. È una cosa che mi addolora profondamente, ma devo accudire mia moglie Ramona che non sta bene. Sa, ci siamo sposati nel 1952… magari se viene Gabbani in Inghilterra, chissà”.

Nel corso dell’intervista, Morris ha dichiarato ha scoperto la canzone di Gabbani grazie ad un giornalista inglese che gli ha chiesto se si sentisse offeso: “Quale onore, invece! Ho studiato per anni il linguaggio gestuale nel mondo, e quello di Gabbani sul palco e nel video è straordinario per come combina e armonizza culture e citazioni differenti. Poi sono andato a leggermi il testo della canzone e sono rimasto affascinato dalla sua bellezza, dalla sua cultura, dalla ricchezza delle citazioni. Mai sentito nulla di simile, forse solo in Bob Dylan e John Lennon”.

Dylan e Lennon possono sembrare paragoni forti, ma lo scrittore, di fronte allo stupore dell’intervistatore continua: “Sì, intendo come precisione e raffinatezza dei testi. Ne so qualcosa perché conoscevo John Lennon e parlavamo spesso di quest’arte”.

In chiusura, Guerrera informa Morris che il paroliere della canzone di Gabbani, Fabio Ilacqua, suo grande ammiratore, l’ha citato al Corriere della sera, dicendo che noi umani “crediamo di aver sconfitto la Natura. In realtà siamo nelle caverne perché gli istinti della competizione sono rimasti gli stessi ”.

Questa la risposta dello scrittore: “Sono assolutamente d’accordo. Ma, anche se condividiamo emozioni e passioni, c’è una cosa che ci distingue ancora oggi dalle altre bestie: la creatività. Solo noi ce l’abbiamo. Per questo sono ottimista sul futuro: abbiamo tanti problemi, primo tra tutti il sovrappopolamento del mondo. Ma con la nostra creatività, e con essa la tecnologia, ce la faremo. Il karma dell’Occidente, e del mondo tutto, non è così male, credetemi”.

Da notare che, grazie alla vittoria di Francesco Gabbani al Festival di Sanremo, ‘La scimmia nuda’, scritto nel 1967 (a cinquant’anni dalla pubblicazione), è di nuovo bestseller in Italia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...