ESC 2017: Continua la sessione di prove – Giorno 10 (Aggiornato)


PROVE

3ª Prova Generale della Prima Semi-finale dell’Eurovision Song Contest 2017 e Live Show.

Oggi decima giornata di prove si terrà il terzo Dress Rehearsal della Prima Semi-finale e lo show TV della Prima Semi-finale (in diretta su Rai4, SMtv San Marino e un’altra quarantina di TV europee e non alle ore 21:00).

Giorno 10.jpg

Le prove di oggi sono aperte alla stampa e ai fan e avranno la durata di venti minuti per ogni Paese e, al termine dello show, verrà effettuata una Press Conference con la stampa, durante il quale si estrarrà a sorte l’ordine di esibizione dei 10 qualificati alla Finale. Gli unici video disponibili (brevi spezzoni) saranno quelli del sito ufficiale www.eurovision.tv che, durante la giornata, verrà aggiornato man mano che i video verranno pubblicati.

Photo galleries: This is what you can expect from tonight’s first Semi-Final!

09.05.2017.jpg

Ecco i paesi in gara nella Prima Semi-finale:

  1. Svezia (SVT): Robin Bengtsson – “I Can’t Go On”
  2. Georgia (GPB): Tamara Gachechiladze – “Keep the Faith”
  3. Australia (SBS): Isaiah – “Don’t Come Easy”
  4. Albania (RTSH): Lindita – “World”
  5. Belgio (RTBF): Blanche – “City Lights”
  6. Montenegro (RTCG): Slavko Kalezić – “Space”
  7. Finlandia (YLE): Norma John – “Blackbird”
  8. Azerbaigian (İTV): DiHaj – “Skeletons”
  9. Portogallo (RTP): Salvador Sobral – “Amar Pelos Dois” (For The Both Of Us) 
  10. Grecia (ERT): Demy – “This Is Love”
  11. Polonia (TVP): Kasia Moś – “Flashlight”
  12. Moldavia (TRM): SunStroke Project – “Hey, Mamma!”
  13. Islanda (RÚV): Svala – “Paper”
  14. Repubblica Ceca (ČT): Martina Bárta – “My Turn”
  15. Cipro (CyBC): Hovig – “Gravity”
  16. Armenia (AMPTV): Artsvik – “Fly with Me”
  17. Slovenia (RTV SLO): Omar Naber – “On My Way”
  18. Lettonia (LTV): Triana Park – “Line”

17799955_1142498612528977_4570954466326334841_n

A decidere quali, tra i concorrenti/brani delle semifinali, accederanno alla finale di sabato 13 maggio saranno chiamati sia i telespettatori (attraverso il televoto) che le giurie rappresentative di ogni paese. Quest’anno, per la seconda volta, il voto della giuria e il televoto non formeranno un’unica classifica – come invece avveniva gli scorsi anni: l’edizione 2017 vedrà i voti delle giurie nazionali, espresse nella classica scala da 1 a 12, venire annunciati prima di quelli del televoto. Solo in un secondo momento verrà comunicato il televoto espresso dalle 42 nazioni in gara, non suddiviso paese per paese ma aggregato in un unico dato. In questo modo, nella serata finale, il vincitore della competizione sarà reso noto solamente alla fine della serata. Ad ogni modo, le due votazioni avranno lo stesso peso nel determinare il risultato finale, 50% la votazione della giuria nazionale e 50% il televoto. I telespettatori di tutti i paesi in gara saranno chiamati ad esprimere la propria preferenza attraverso il televoto insieme alla giuria rappresentativa del proprio Paese, ma la votazione non potrà riguardare la proposta del proprio Paese.

Per la seconda volta dal 1975 è stato cambiato il sistema di votazione dell’Eurovision Song Contest: l’edizione 2017 del concorso canoro – in programma a Kyiv, in Ucraina, tra i prossimi 09 e 13 maggio – vedrà i voti delle giurie nazionali, espresse nella classica scala da 1 a 12, venire annunciati prima di quelli del televoto. Successivamente verrà comunicato il televoto espresso nelle 42 nazioni in gara non suddiviso paese per paese ma aggregato in un unico dato.

Lo scopo, hanno spiegato gli organizzatori, è quello di velocizzare l’andamento dello show, che si vorrebbe contenere entro le tre ore e mezza di durata.

Uno spettacolo curato nei più minimi dettagli. Niente viene lasciato al caso all’Eurovision Song Contest: non potrebbe essere altrimenti, in una macchina che viene messa in moto ogni anno da migliaia di persone e che culmina in uno show visto da oltre 200 milioni di telespettatori in tutto il mondo.

Lo spettacolo viene provato più e più volte. Certo, non c’è l’orchestra come a Sanremo e questo rappresenta una difficoltà (e forse un piacere) in meno, ma il lavoro da fare è comunque tantissimo. Anzi, la precisione è indispensabile con esigenze di messa in scena diverse da Paese a Paese e con un apparato tecnologico impressionante. Ci sono 180 chilometri di cavi, 258 casse, 212 microfoni, 30 telecamere (19 per la diretta, con due registi).

Quest’anno tutto è iniziato dieci giorni prima del debutto tv. Dal 30 aprile al 4 maggio i cantanti impegnati nelle due semifinali hanno provato la loro esibizione per intero due volte. Non si mette a punto solo la parte vocale e quella dei movimenti, ma si controllano anche i movimenti delle camere, gli stacchi della regia e gli eventuali effetti speciali, comprese le proiezioni sullo schermo Led da mille metri quadrati: tutto è controllato in Arena e sui monitor dalle delegazioni nazionali che accompagnano l’artista, perché qualche particolare può essere ancora modificato per la resa televisiva. Le due semifinali, poi, vengono riprovate per intero, conduzione compresa, altre tre volte. Una delle tre prove viene trasmessa in via riservata alle giurie sparse per tutta Europa che votano in totale segretezza. Se capitasse un grave problema tecnico in diretta, nessun problema: c’è almeno una prova filmata con tutti i cantanti vestiti esattamente come per la diretta (si chiama “dress rehearsal”) e può essere mandata in onda come “salvagente”.

Lo stesso accade per la finale: tre prove intere prima dello show trasmesso in tv. Probabilmente non accade con la stessa precisione per nessun altro spettacolo al mondo. A differenza di quanto accade a Sanremo, di spazio per l’improvvisazione non ce n’è. Insomma, nessun “bello della diretta”.

I Big 5 e l’Ucraina, i Paesi europei di diritto in finale, Italia compresa, sono arrivate il 5 maggio. Francesco Gabbani ha assaggiato il grande palco di Kiev nel primo pomeriggio. C’era, ad esempio, da prendere le misure di un palco tanto più grande rispetto all’Ariston (gli artisti hanno a disposizione 350 metri quadri, mentre all’Ariston in 384 ci devono stare anche orchestra e scenografia!) e da sperimentare l’effetto dell’inserimento dei quattro coristi perché tutto funzionasse alla perfezione.

Vengono provati anche i voti e la proclamazione dei vincitori. Ovviamente i voti sono inventati e vincono Paesi a caso. A gioire non sono gli artisti veri, ma tecnici e collaboratori che fingono per una volta di essere le star.

C’è grande attesa per Francesco Gabbani all’Eurovision Song Contest. Il vincitore del Festival di Sanremo 2017, con la fidata scimmia di Occidentali’s Karma potrebbe riportare l’Italia all’agognato trionfo e la stampa internazionale sembra essere dalla sua parte.

Da mesi ormai si parla della possibilità che a vincere il contest europeo sia proprio la scimmia e una canzone esplosiva che in estate potrebbe spopolare in Spagna, in Germania, nel Regno Unito e in molti altri Paesi europei.

Il giornale francese Le Figaro, parlava dell’Italia come della “grande favorita dai bookmaker” già a fine marzo, così come il quotidiano spagnolo El Mundo che titolava con “L’anno della scimmia all’Eurovision”. Se a vincere sono le idee innovative e stravaganti, c’è la seria possibilità che l’Italia quest’anno la spunti e che il miglior piazzamento sul podio degli ultimi anni possa essere proprio quello di Francesco Gabbani.

La scimmia di Gabbani è stata apprezzata anche dalla Germania: TZ parla di Occidentali’s Karma come della canzone vincitrice dell’ESC 2017 e anche Der Standard (austriaco) apprezza la ballabilità del pezzo che, unito ai passi che in Italia vediamo ormai da febbraio, potrebbe sbancare ovunque.

Carisma, presenza scenica, senso dell’umorismo e fascino italiano potrebbe comporre il mix giusto per la vittoria dell’Italia all’Eurovision Song Contest, convivendo in Francesco Gabbani e nella sua hit invernale che anche in estate sembra poter reggere in confronto con i tormentoni rilasciati appositamente per la nuova stagione.

Il testo intelligente ma facilmente memorizzabile, unitamente alla carica di Francesco Gabbani potrebbero portare l’Italia ad una performance contagiosa che a suon di 12 punti per volta porterebbe Gabbani sicuramente sul podio.

I pronostici dei bookmakers, ovvero le agenzie autorizzate alla riscossione di scommesse che si occupano di stilare classifiche e quote di chi secondo loro ha più possibilità di aggiudicarsi una competizione, che sia sportiva, artistica, ecc.. 

È ormai chiaro a tutti che il super-favorito di Kiev è in tutti i sensi Francesco Gabbani che in Finale rappresenterà l’Italia con la sua hit “Occidentali’s Karma”.

EurovisionWorld.com, sito da sempre aggiornato con ogni novità riguardante l’ESC, dopo le prime prove effettuate in questi giorni dai cantanti in gara ha raccolto le nuove quote delle agenzie europee, per le quali sembra esserci una sola certezza: Gabbani alzerà il trofeo.

A differenza di mesi scorsi, però, cambiano i cantanti che potrebbero mettere il bastone tra le ruote al vincitore di Sanremo. In base ai pronostici di questa chart se la giocano con lui il Portogallo e la Bulgaria, mentre la Svezia, che non manca mai di finire tra i primi vista la lunga tradizione vittoriosa, ha una quota scommesse che la fa classificare quarta papabile vincitrice.

Curioso invece come il Belgio, che un mese fa era considerato addirittura il primo concorrente di Gabbani, ora invece non sia neanche in top10.

ESC.png

Speriamo che tutte queste aspettative non portino sfortuna al cantautore, che nel caso in cui dovesse realmente vincere sarà esclusivamente per merito suo, del suo carisma e della freschezza del brano che andrà a presentare, non certo dei pronostici favorevoli o quant’altro che poco c’entra con la musica.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...