ESC 2018 – Lettonia: LTV conferma la partecipazione all’ESC 2018


ltv

L’emittente pubblica lettone LTV ha confermato oggi la propria partecipazione alla 63ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la prima volta in assoluto in Portogallo, grazie alla vittoria di Salvador Sobral con “Amar pelos dois” (Loving for both of us).

Il metodo e il meccanismo che verrà utilizzato per selezionare la canzone e il concorrente lettone per l’edizione 2018 dell’ESC non è ancora dato sapere. Nei prossimi mesi saranno rilasciati ulteriori dettagli, ma sarà molto probabilmente la selezione nazionale, Supernova 2018, 4ª edizione del format che è stato adottato nel 2015.

Lettonia  è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Kyiv, dai Triana Park (Triānas Parks) e il brano “Line” (scelti entrambi attraverso la selezione nazionale: Supernova 2016, proclamati vincitori in quanto hanno ottenuto  il 51,56% dei voti, arrivando primi negli ascolti su Spotify (36,07%), nel voto online (60,74%) e nel televoto (57,87%)), scritto e composto da Agnese Rakovska, Kristaps Ērglis e Kristians Rakovskis e pubblicato il 10 gennaio 2017 su etichetta discografica Krap Records. All’Eurovision  hanno ottenuto 21 punti, piazzandosi al 18º posto (l’ultimo) nella Prima Semi-Finale e non si sono qualificati alla finale.

Il paese ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 2000 (17 partecipazioni, 10 Finali). Nel giro di pochissimi anni è riuscita ad ottenere prima un terzo posto (nel suo debutto col brano “My Star” dei Brainstorm e poi nel 2002 con Marie N e il suo brano “I Wanna” il primo posto, dopo che era stata ripescata a causa dell’assenza del Portogallo.

La Lettonia ha riportato dopo 7 anni una canzone in Italiano nella finale dell’ESC. Nel 2007 e nel 2008 ha fatto parte dei gruppi vocali che hanno rappresentato il paese baltico anche un cantante italiano, il sardo Roberto Meloni, noto personaggio della televisione lettone. Tali occasioni sono state anche le ultime finali per il paese baltico. Infatti, dal 2009, la Lettonia non ha più centrato la finale; solo dal 2015 si è qualificato per la finale, occupando la 6ª posizione.

Lo scorso 15 maggio 2017 la RTP ha annunciato che il concorso si sarebbe svolto a Lisbona, una decisione che ha causato molte critiche per il suo carattere centralista, una volta che, negli anni anteriori, tutti i paesi che hanno organizzato l’evento hanno scelto la città ospitante attraverso un concorso pubblico. In reazione, il 16 maggio 2017, il direttore di programmi della RTP Nuno Artur Silva, ha dichiarato che la sede del concorso non è stata ancora scelta ufficialmente. Lo stesso giorno, i comuni di Lisbona (presso la MEO Arena), Guimarães (presso il Pavilhão Multiusos de Guimarães), Gondomar (presso il Multiusos Gondomar Coração de Ouro),  Faro (presso l’Estádio Algarve), Braga (presso il Parque de Exposições de Braga), Espinho  e Santa Maria da Feira (presso l’Europarque) hanno dichiarato di volere ospitare l’evento in 2018.

Anche se l’elenco definitivo dei paesi partecipanti all’edizione 2018 dell’ESC sarà possibilmente soggetta a cambiamenti fino al rilascio della lista ufficiale dei partecipanti da parte dell’EBU-UER in programma per fine 2017 o all’inizio dell’anno, al momento, 17 Paesi hanno manifestato l’intenzione di partecipare alla manifestazione  dopo il Portogallo – automaticamente in Finale in quanto paese organizzatore: Finlandia (selezione: Uuden Musiikin Kilpailu – UMK 2018), Norvegia (selezione: Norsk Melodi Grand Prix 2018), Lituania (selezione: “Eurovizijos” dainų konkurso nacionalinė atranka 2018), Polonia, Cipro, Estonia, Repubblica Ceca, Belgio, Spagna, Germania, Francia, Slovenia, Irlanda, Svezia (selezione: Melodifestivalen 2018), Lettonia e tra questi notiamo la Russia (selezione interna), che ritorna nel concorso dopo un anno d’assenza, dovuto al divieto di accesso sul territorio ucraino alla cantante russa Julija Samojlova, selezionata per rappresentare la Russia nella competizione con il brano “Flame is burning”, di una durata di tre anni per aver attraversato illegalmente il confine ucraino in occasione di un’esibizione in Crimea e al ritiro della Russia della competizione. Mentre hanno confermato l’assenza l’Andorra, per motivi economici a causa della mancanza di sponsor; Monaco e il Lussemburgo, che non hanno intenzione di rientrare nella competizione neanche quest’anno, portando così rispettivamente a 11 e 24 le edizioni consecutive di assenza.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...