Eurovision: Il sabato 22 luglio a Riga debutta l’Eurovision Choir of the year – Aggiornato


Eurovision Choir of the Year

Il prossimo sabato 22 luglio 2017 si terrà in Lettonia presso l’Arēna Rīga la prima edizione dell’Eurovision Choir of the Year, il concorso che vedrà le corali professionali di nove paesi sfidarsi per vedere chi sarà la meglio di tutta Europa.

La grande famiglia dei concorsi eurovisivi si arricchisce di un nuovo evento, l’Eurovision Choir of the year (Festival delle corali), il concorso fra le corali europee, organizzato sempre dall’EBU/UER insieme con la Fondazione Intercultura / INTERKULTUR, la Onlus che promuove e finanzia programmi scolastici internazionali con l’obiettivo di promuovere il dialogo interculturale e contribuire alla costruzione di una nuova educazione alla pace e LIVE RIGA (Rīgas Tūrisma Attīstības Birojs / Riga Tourism Development Bureau).

All’Arēna Rīga, in Lettonia, l’evento andrà in scena sabato alle 21:00 EEST / Riga (20:00 CEST), con la conduzione del direttore d’orchestra e compositore Eric Whitacre, vincitore di un Grammy Award e la presentatrice Eva Johansone.

Si sfideranno nove corali nazionali, o meglio, otto corali nazionali e una corale del Galles: si tratta infatti della prima volta dal 1994 che il Regno Unito non prende parte come paese unitario ad un evento organizzato dall’EBU-UER, allora si trattava di Giochi Senza Frontiere e anche allora in gara c’era il Galles con S4C, la televisione pubblica nazionale interamente in lingua gallese.

A giudicare i cori non sarà il pubblico ma un panel di tre giurati internazionali: la mezzosoprano  lettone Elīna Garanča, il compositore britannico John Rutter e il direttore d’orchestra svizzero Nicholas Fink. Le corali canteranno con una orchestra, ciascuna con un proprio direttore, come agli albori eurovisivi. 

Il coro vincitore riceverà anche un premio in denaro dalla città di Riga di 10.000 euro. 

The official trophy of Eurovision Choir of the Year is a glass sculpture and was made by Vineta Groza, Associate Professor of the Art Academy of Latvia and Head of the Department of Glas

Il trofeo ufficiale dell’Eurovision Choir of the Year è una scultura in vetro, realizzata da Vineta Groza, professoressa associata dell’Accademia d’Arte Lettonia e direttrice del Dipartimento di Arte del Vetro. 

Nel corso dello show, Eric Whitacre si esibirà in “Fly to Paradise” e condurrà la performance di Ēriks Ešenvalds ‘My Song’, unendo oltre 500 esecutori sul palco, il pubblico nell’Arena Riga e il pubblico da casa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si sfideranno gruppi corali con all’attivo centinaia di concerti in giro per il mondo, su canzoni tradizionali, composte per cori o a genere libero, per un massimo di 6 minuti complessivi che, in parte, riflette il proprio carattere nazionale.

L’Eurovision Choir of the Year ha una durata di 100 minuti (diretta dalle 20 alle 21:40) e vedrà in gara, davanti alla platea tv di 11 Paesi e agli 8.000 presenti all’interno della Riga Arena, 9 Paesi:

  1. Estonia (EER): Estonian Television Girls’ Choir / ETV Tütarlastekoor  – Coro femminile della televisione estone (WebsiteFacebookInstagram) – “Absolute Tormis” (a collage of six pieces by Veljo Tormis (musica: Veljo Tormis / testo: Viivi Luik)), diretto da Aarne Saluveer
  2. Danimarca (DR): Academic Choir of Aahrus / Akademisk Kor Århus) (WebsiteFacebooke, YouTube) – “I Seraillets Have” (In the Seraglio Garden) (musica: Wilhelm Stenhammar / testo: J.P. Jacobsen) / “Wiigen-Lied” (Like a Child: I. Lullaby) (musica: Per Nørgård / testo: Adolph Wölfli), diretto da Ole Faurschou
  3. Belgio (RTBTF): Les Pastoureaux Boys’ Choir (Website, FacebookYouTubeVimeo), coro composto di bambini (maschi) dai 7 ai 14 anni – “Dans la troupe” (In the Troop) (musica e testo: Raphaël Passaquet) / “Ensemble” (Together) (musica e testo: Pierre Rapsat, arr.: Philippe Favette), diretto da Philippe Favette
  4. Germania (WDR/SWR): Jazzchor Freiburg (Website, YouTube) – “African call” (musica e testo: Klaus Frech e Bertrand Gröger) / “Palettes” (musica e testo: Roger Treece), diretto da Bertrand Gröger
  5. Slovenia (RTV SLO): Carmen Manet (YouTube, Facebook), coro femminile da camera – “Ta na Solbici” / “Adrca” (Scarf) (musica: Katarina Pustinek Rakar / testo: tradizionale)) / “Aj, zelena je vsa gora” (And So We Dance in Resia) (musica: Samo Vovk / testo: Samo Vovk, Ljoba Jenče, Matej Šekli, Barbara Grahor, Silvana Paletti), diretto da Primož Kerštanj
  6. Ungheria (MTVA): Béla Bartók Male Choir / Bartók Béla Férfikar (Facebook) – “Karádi nóták” (Songs from Karad)  (musica: Zoltán Kodály / testo: tradizionale), diretto da Tamás Lakner
  7. Galles (S4C): Côr Merched Sir Gâr (Website, Facebook), composto da ragazze della scuola secondaria – “O, Mountain, O”  (musica: Otmar Mácha / testo: tradizionale)/ “Mil harddach” (Traditional Welsh Lullaby) (musica e testo tradizionale / arr.: Islwyn Evans) / “Wade in the Water” (Arr.: Norman Luboff, adattazione: Islwyn Evans), diretto da Islwyn Evans
  8. Austria (ÖRF): Hard-Chor (Facebook, YouTube, Website) – “Ave Maria” (musica: Anton Bruckner) / “I tua wos i wü” (I Do What I Want) (musica e testo tradizionale) / “Vegetables, No. 3 Rah!” (musica: John Muehleisen / testo: Joanne Gunnerson), diretto da Alexander Koller
  9. Lettonia (LTV): Spīgo /  Girls Choir SPĪGO – coro femminile Spigo (TwitterFacebook) – “Grezna saule debesīs” (Luxiourious Sun in the Sky / A Resplendent Sun in the Sky (musica: Raimonds Pauls / testo: Inese Zandere) / “Es čigāna meita biju” (I’m a Daughter of a Gypsy) (musica e testo tradizionale, arr.: Līga Celma-Kursiete), diretto da Līga Celma-Kursiete

Eurovision Family of Events.png

L’evento sarà visibile sulle tv nazionali dei paesi in gara (in diretta: Albania (RTSH Muzike) 21:00 ora locale, Belgio (La Trois) 20:00 ora locale, Danimarca (DRK) 20:00 ora locale, Estonia (ETV 2) 21:00 ora locale, Francia (Arte Culture) 20:00 ora locale, Ungheria (M5) 20:00 ora locale, Lettonia (LTV 1) 21:00 ora locale, Slovenia (RTV 1) 20:00 ora locale, Serbia (RTS 2) 21:00 ora locale, Gales (S4C) 19:00 ora locale; in differita: Albania (RTSH 1) 22 luglio, 21:40 ora locale, Austria (ÖRF 2) 22 luglio, 22:50 ora locale, Germania (WDR) 30 luglio, 07:40 ora locale, Germania (SWR) 5 agosto, 21:20 ora locale) e per tutti, sul canale youtube dell’evento, a questo link. Il festival europeo delle corali (Choir of The Year) si aggiunge agli altri eventi eurovisivi: Eurovision Song Contest (la prossima edizione sarà a maggio 2018 a Portogallo), Junior Eurovision Song Contest (la prossima edizione sarà a novembre 2017 a Tbilisi), Eurovision Young Musicians (biennale) e Eurovision Young Dancers (biennale, la prossima edizione sarà a dicembre 2017 a Praga).

Watch Eurovision Choir of the Year live tonight!Meet the presenters of Eurovision Choir of the Year 2017Participating choirs prepare for Eurovision Choir of the Year 2017;Introducing Spīgo from Latvia – Eurovision Choir of the Year 2017;  Introducing Hard-Chor from Austria – Eurovision Choir of the Year 2017Introducing Côr Merched Sir Gâr from Wales – Eurovision Choir of the Year 2017Introducing Les Pastoureaux Boys’ Choir from BelgiumWatch Eurovision Choir of the Year 2017 Live!Introducing the Béla Bartók Male Choir from Hungary – 2017 Eurovision Choir of the YearIntroducing Jazzchor Freiburg from GermanyIntroducing the Carmen Manet choir from Slovenia – Eurovision Choir of the Year 2017Introducing the Estonian Television Girls’ Choir from Estonia – Eurovision Choir Of The Year 2017Breathing Together: Upload a video of yourself breathing!Introducing the Academic Choir Aarhus from Denmark – Eurovision Choir Of The Year 2017Eurovision Choir Of The Year – Official TrailerEurovision Choir of the Year – Trailer

ECY2017_WINNER-8586-1024x683.jpg

Aggiornamento: Si è conclusa questa sera la prima edizione dell’Eurovision Choir of the Year, il concorso biennale fra le corali europee che ha visto in gara 9 diversi Paesi (Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Galles, Germania, Lettonia, Slovenia e Ungheria) e la trasmissione in diretta in 10 Paesi.

Ad aggiudicarsi la vittoria dell’edizione 2017 dell’Eurovision Choir of the Year è la Slovenia con il coro Carmen Manet (qui di seguito il video dell’esibizione).

Ogni coro ha eseguito un set di sei minuti senza musica e sono stati giudicati (per la sua personalità artistica del Coro, la fedeltà al brano musicale, la qualità del suono e dell’intonazione e il talento musicale generale) da una giuria di alto profilo, tra cui il compositore britannico John Rutter e il mezzosoprano lettone Elīna Garanča.

Questo il podio della serata (Paese e coro):

  1. Slovenia: Carmen Manet – Ta na solbici/Adrca/Aj, zelena je vsa gora
  2. Gales: Côr Merched Sir Gâr – O, mountain, o/Mil harddach/Wade in the water
  3. Lettonia: Spīgo – Grezna saule debesīs/Es čigāna meita biju

Tutte le esibizioni possono essere riviste a questo link. Per chi si aspettava qualcosa di lontanamente paragonabile all’Eurovision Song Contest sarà probabilmente rimasto deluso. fotogalleria

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...