ESC 2018 – Italia: RAI conferma la presenza a Lisbona


partecipazione italiana

L’emittente pubblica italiana RAI tramite la pagina Facebook della RAI dedicata all’Eurovision Song Contest ha comunicato poco fa che l’Italia parteciperà alla 63ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la prima volta in assoluto in Portogallo, presso la MEO Arena della città di Lisbona l’8, il 10 e il 12 maggio del prossimo anno, grazie alla vittoria di Salvador Sobral con “Amar pelos dois” (Loving for both of us).

Ecco come la pagina ufficiale RAI dediata all’Eurovision Song Contest ha comunicato che l’Italia parteciperà all’edizione 2018 del concorso europeo, per l’ottavo anno consecutivo: “Lisbon 2018, arriviamo! #Eurovision #ESC2018 #escITA  #Eurovision Rai1 Rai4 Radio2.

L’Italia è il 34 paese a prendere parte all’Eurovision Song Contest 2018. Nessun altra informazione, per il momento, rispetto alla modalità di scelta che verrà utilizzato per selezionare la canzone e il concorrente dell’Italia per la 63ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2018. Siamo in attesa che venga confermato dal Regolamento (se tutto resterà immutato rispetto agli ultimi anni) che dovrebbe uscire a giorni. 

Nei prossimi mesi saranno rilasciati ulteriori dettagli, ma probabilmente la RAI opterà per una scelta legata al Festival di Sanremo, come lo scorso anno, il vincitore del Festival di Sanremo avrà la facoltà di partecipare all’Eurovision Song Contest 2018, oppure opterà nuovamente per una decisione interna. Il sessantasettesimo Festival della Canzone Italiana, si svolge al Teatro Ariston di Sanremo da martedì 6 a sabato 10 febbraio 2018, con Claudio Baglioni come direttore artistico. Le cinque serate sono trasmesse da Rai 1 (in alta definizione su Rai HD) e da Rai Radio 1 e Rai Radio 2.

Rai-Eurovision.png

Come lo scorso anno, nel 2018, la Finale dell’Eurovision Song Contest verrà trasmessa ancora su Rai1, dopo il più che buon successo del 2017 e le due Semifinali resteranno su Rai4 visti gli ottimi ascolti del 2015, 2016 e 2017. Radio 2 Rai continuerà ad essere la radio partner dell’evento, anche se non è ancora chiaro se trasmetterà tutte e tre le serate in diretta.

#Eurovision #ESC2018#escITA Rai1 Rai4 Radio2

Dal suo ritorno all’Eurovision Song Contest nel 2011, l’Italia ha selezionato i suoi propri rappresentanti eurovisivi attraverso il Festival di Sanremo: Raphael Gualazzi (2011), Nina Zilli (2012), Marco Mengoni (2013), Il Volo (2015), Francesca Michielin (2016), Francesco Gabbani (2017). Nel 2014 la RAI ha optato per la selezione interna (prima volta dal suo ritorno), scegliendo Emma Marrone.

943752_1166558600055642_7101218888843350998_n

L’Italia è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Kyiv da Francesco Gabbani e il suo brano “Occidentali’s Karma”, il primo estratto dal terzo album in studio ‘Magellano’ e pubblicato il 9 febbraio 2017. Il brano è stato critto dallo stesso Gabbani insieme al fratello Filippo, Fabio Ilacqua e Luca Chiaravalli, il brano ha vinto il Festival di Sanremo 2017; ha quindi guadagnato il diritto a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest 2017 a Kiev, in Ucraina, dove viene premiato con il premio della sala stampa, mentre nella classifica generale si piazza al sesto posto.

Nella prima settimana di pubblicazione, il singolo è stato certificato disco d’oro dalla Federazione Industria Musicale Italiana per aver venduto più di 25 000 copie. Ottiene la certificazione platino a distanza di due settimane dalla sua pubblicazione. Ad un mese dalla sua pubblicazione, il brano arriva ad ottenere il doppio disco di platino.

Il videoclip, postato su YouTube il 9 febbraio 2017, ottiene il 12 febbraio successivo 4 353 802 visualizzazioni in un solo giorno, diventando così il video italiano più visto in un solo giorno su Vevo. Il 9 marzo, un mese dopo la pubblicazione, il video supera le cinquanta milioni di visualizzazioni e il 24 aprile raggiunge la soglia di cento milioni.

L’Italia ha debuttato all’ESC nel 1956 ed è tra i paesi fondatori della manifestazione, che si ispira al Festival di Sanremo.

Il paese ha vinto la competizione due volte: la prima volta nell’edizione 1964 svoltasi a Copenaghen con l’allora sedicenne Gigliola Cinquetti e la canzone “Non ho l’età (per amarti)“, la seconda nel 1990 a Zagabria con Toto Cutugno e la canzone “Insieme: 1992”. A seguito di queste vittorie l’Italia ha acquisito il diritto di organizzare l’edizione successiva della manifestazione, precisamente l’edizione 1965 a Napoli, e l’edizione 1991 a Roma.

A seguito di queste vittorie l’Italia ha acquisito il diritto di organizzare l’edizione successiva della manifestazione, precisamente l’edizione 1965 a Napoli, e l’edizione 1991 a Roma.

La RAI, dopo il 1997, ha interrotto la sua partecipazione all’Eurovision Song Contest e ne ha sospeso anche la trasmissione. Nel 2011 ritorna dopo 14 anni dall’ultima partecipazione.

L’Italia è tra i paesi fondatori dell’Eurovision Song Contest, che si ispira al Festival di Sanremo. Molti artisti italiani hanno partecipato all’Eurovision Song Contest nel corso degli anni come rappresentanti di altre nazioni. Inoltre, è il membro dei “Big Five” che conta all’attivo meno partecipazioni: solo 40 contro le oltre 50 degli altri quattro Paesi. 

Da quando è tornata, è arrivata per cinque volte nella Top 10 con due podi nel 2011 e 2015.

Al momento il numero di Paesi che hanno già confermato la loro presenza al concorso salirebbe a 34 dopo il Portogallo (automaticamente in Finale in quanto paese organizzatore), Armenia, Australia, Austria, Azerbaigian, Belgio, Bielorussia, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ucraina e tra questi notiamo notiamo la Russia, che ritorna nel concorso dopo un anno d’assenza e dopo che per l’edizione 2017 del concorso, la Russia aveva scelto Julia Samoylova / Юлия Самойлова, che avrebbe dovuto rappresentare il paese con la canzone “Flame Is Burning” (Горит пламя), però i servizi di sicurezza ucraini emisero un divieto di accesso per tre anni sul territorio ucraino nei confronti della cantante. La causa di ciò era un’esibizione del 2015 di Julia Samoylova / Юлия Самойлова in Crimea, la cui annessione alla Russia nel 2014 è contestata dall’Ucraina, senza aver ottenuto l’assenso delle autorità ucraine. Dopo le controversie dovute al bando e dopo alcuni infruttuosi tentativi di riparare la situazione il divieto venne reso definitivo, i canali televisivi russi Rossija 1 / Россия-1 e Primo canale (Pervyj kanal / Первым каналом) annunciarono ufficialmente la rinuncia a partecipare all’Eurovision Song Contest 2017, annunciando che Julia Samoylova / Юлия Самойлова avrebbe rappresentato la Russia all’edizione del 2018. Ancora nessun cantante è stato ufficialmente selezionato.

Inoltre hanno dimostrato interesse e voglia di partecipare alla prossima edizione senza nessuna conferma o smentita: Albania, che deciderà se partecipare o meno al concorso nelle prossime settimane e Bulgaria, che sta affrontando contemporaneamente il cambio ai vertici della BNT e una questione legata allo Junior Eurovision, una rinuncia che secondo i vertici della BNT non è veramente tale, ma va attribuita alla pubblicazione anticipata della lista partecipanti.

Dei Paesi non partecipanti, o di cui non si è ancora saputo niente, molti dovrebbero essere orientati, secondo voci, alla conferma. Resta l’incognita San Marino, che non ha confermato la partecipazione dopo la grande delusione dell’ultimo posto in semifinale della passata edizione, Ungheria, ERI di Macedonia, Moldavia e Bosnia ed Erzegovina, a causa della crisi interna che sta subendo l’emittente pubblica.

Mentre hanno confermato l’assenza l’Andorra, per motivi economici a causa della mancanza di sponsor; il Liechtenstein, che non debutterà in questa edizone; Monaco e il Lussemburgo, che non hanno intenzione di rientrare nella competizione neanche quest’anno, portando così rispettivamente a 12 e 25 le edizioni consecutive di assenza; Slovacchia, che ha annunciato di non voler tornare a partecipare alla manifestazione; Turchia, assente dal 2012 in disaccordo con il metodo di votazione e contro la qualificazione automatica alla Finale dei Big 5 (Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito).

Anche se l’elenco definitivo dei paesi partecipanti all’edizione 2018 dell’ESC sarà possibilmente soggetta a cambiamenti fino al rilascio della lista ufficiale dei partecipanti da parte dell’EBU-UER in programma nel mese di Gennaio 2018. Il termine per i paesi partecipanti per presentare le loro domande di partecipazione preliminare si concluderà entro il 15 settembre 2017. In seguito tutti i paesi partecipanti avranno un periodo di grazia entro il 10 ottobre 2017 per confermare ufficialmente la propria iscrizione o ritirarsi senza pagare la penale, novità introdotta dall’EBU-UER l’edizione 2015. Dopo quella data, non sarà più possibile il ritiro, o meglio, sarà possibile ma pagando una sanzione monetaria. Il sorteggio che determinerà la composizione delle Semifinali (in quale metà delle due Semifinali si esibiranno i Paesi sorteggiati) e la Semi-Finale in cui avrà diritto di voto i Paesi già qualificati alla Finale (Big Five + Portogallo), si svolgerà a fine gennaio

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...