ESC CANNES 1959


  • Periodo: Mercoledì, 11 marzo 1959
  • Presentatore (i): Jacqueline Joubert
  • Trasmesso da: Radiodiffusion-Télévision Française (RTF) /  Office de Radiodiffusion Télévision Française (ORTF)
  • Sede: Palais des Festivals et des Congrès (Cannes, Francia)
  • Vincitore: PremioEen Beetje” – Teddy Scholten (Paesi Bassi) (2°)
  • Partecipanti: 11 Nazioni
  • Debuttanti: Monaco
  • Ritorni: Regno Unito
  • Ritiri: Lussemburgo
  • Nil Points: Nessuno
  • Struttura di voto: Dieci membri della giuria per ogni paese partecipante che danno un punto alla canzone preferita.
  • Orchestra: Diretta dai maestri: Francis Bay, William Galassini, Kai Mortensen, Franck Pourcel, Eric Robinson e Dolf Van Der Linden.
  • Intervallo: Nessuno

Il quarto gran premio dell’eurovisione si tenne a Cannes (Francia) il 11 Marzo 1959.

ordine  paese  interprete(I) CANZONE- Traduzione PUNTeggio  POSIZIONE
01 Flag of FranceRTF Jean Philippe Oui, oui, oui, oui (Yes, yes, yes, yes) 015 03
02 Flag of DenmarkDSR Birthe Wilke Uh, jeg ville ønske jeg var dig (Oh, I wish I were you) 012 05
03 Flag of ItalyRAI Domenico Modugno Piove (Ciao, ciao bambina) [It’s raining (Bye, bye baby)] 009 06
04 Flag of MonacoTMC Jacques Pills Mon ami pierrot (My friend Pierrot) 001 11
05 Flag of The NetherlandsNTS Teddy Scholten Een beetje (A little bit) 021 01
06 Flag of GermanyARD Alice and Ellen Kessler Heute abend woll’n wir tanzen geh’n (Tonight we want to go dancing) 005 08
07 Flag of SwedenSR Brita Borg Augustin 004 09
08 Flag of SwitzerlandSSR SRG Christa Williams Irgendwoher (From somewhere) 014 04
09 Flag of AustriaÖRF Ferry Graf Der K. und K. kalypso aus Wien (The K and K calypso from Vienna) 004 09
10 Flag of United KingdomBBC Pearl Carr & Teddy Johnson Sing, little birdie 016 02
11 Flag of BelgiumNIR Bob Benny Hou toch van mij (Please love me) 009 06

Paesi partecipanti

Transmitirá a 2º semifinal noutro horário. Paesi partecipanti

Nel 1959, il Lussemburgo si ritirò dal concorso, il Regno Unito ritornò e Monaco fece il suo debutto, portando così il numero dei paesi partecipanti ad undici.

Soltanto una regola fu cambiata quell’anno, che vietava a compositori o editori professionisti di far parte dei giurati.

Due sono i duetti in gara. Il primo è quello del Regno Unito, che porta Pearl Carr e Teddy Johnson, e per poco non vince (secondo posto, con 16 punti).

Il secondo, che avrà tantissima fama in Italia, è quello delle gemelle Alice ed Ellen Kessler, per la Germania. Arriveranno quinte, con Heute Abend wollen wir tanzen geh’n, ma si guadagneranno parecchia notorietà tanto in patria quanto da noi, in particolare lungo tutti gli Anni ’60.

I Paesi Bassi vinsero il “Gran Premio” per la seconda volta con la canzone “Een beetje”, eseguita da Teddy Scholten. 

Ancora una volta, a rappresentare l’Italia fu chiamato Domenico Modugno con il brano “Piove”, che si classificò solo al nono posto, ma ancora una volta il brano divenne un successo internazionale.

Tabellone dei risultati:

Scoreboard - Eurovision Song Contest 1959

Un anno dopo aver portato il mondo a “Volare” più in alto del sole ed ancora più su, Domenico Modugno si ripresenta in Europa forte della seconda vittoria consecutiva a Sanremo, ottenuta ancora assieme a Johnny Dorelli, con “Piove (Ciao ciao bambina)”.

È un’altra canzone che otterrà un successo planetario, dagli Stati Uniti fino alla Russia, con Modugno che rappresenterà sempre più un simbolo dell’Italia nel mondo. La differenza con Nel blu dipinto di blu è che questa volta il testo non è scritto da Franco Migliacci, bensì da Dino Verde, visto il disinteresse del primo.

Dopo aver trionfato a Sanremo, molti accreditano a Modugno una grande quantità di possibilità all’allora conosciuto come Eurofestival. Tuttavia, l’esito non è quello sperato. Il cantante pugliese si lascia prendere dalle paure e dalle ansie, Piove viene eseguita più lentamente di quel che dovrebbe e il risultato è un sesto posto con 5 punti.

Tuttavia, non sarà questa l’ultima volta di Modugno in Europa. Ci tornerà nel 1966, ma, come vedremo, sarà pesantissima burrasca per lui…

Fra il 1959 e il 1966, intanto, Modugno ha modo di tornare ripetutamente a Sanremo, ma anche al Festival di Napoli e a Canzonissima. In questo periodo, vince ancora in Liguria nel 1962, e nel 1964, assieme a Ornella Vanoni, porta in scena a Napoli quello che ormai è un classico della canzone napoletana: Tu si ‘na cosa grande. Al Festival di Napoli, trionfa. Partecipa anche a Un disco per l’estate nel 1965, ma sbaglia la canzone e resta ben lontano dalla vittoria.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...