ESC LUSSEMBURGO 1966


Periodo: Sabato, 5 Marzo 1966
Presentatore (i): Josiane Shane 
Trasmasso da: Compagnie Luxembourgeoise de Télédiffusion (CLT)
Sede: Villa Louvigny / Grand Auditorium de RTL (Lussemburgo Città, Lussemburgo)
Brano Vincitore:  PremioMerci chérie” – Udo Jürgens (Austria) (1°)
Participanti: 18 paesi
Debuttanti: Nessuno
Ritorni: Nessuno
Ritiri: Nessuno
Nil Points: Italia, Monaco.
Struttura di voto: Ognuno dei dieci giurati per ogni paese assegna 5, 3 e 1 punto alle sue tre canzoni preferite.
Orchestra: Diretta dai maestri: Gert Ove Andersson, Øivind Bergh, Willy Berking, Jorge Costa Pinto, Angelo Giacomazzi, Alain Goraguer, Hans Hammerschmid, Noel Kelehan, Arne Lamberth, Franck Pourcel, Harry Rabinowitz, Jean Roderes, Ossi Runne, Mojmir Sepe, Rafael de Ibarbia Serra e Dolf van der Linden.
Intervallo Les Haricots Rouges 

Logo ESC1966

L’undicesimo Gran Premio Eurovisione della Canzone si tenne a Villa Louvigny (Lussemburgo) il 5 marzo 1966

ordine  paesE   interprete(I) CANZONE – traduzione  PUNTeggIo  Posizione
01 Flag of GermanyARD Margot Eskens Die zeiger der uhr (The hands of the clock) 007 10
02 Flag of DenmarkDR Ulla Pia Stop, mens legen er go (Stop while the going’s good) 004 14
03 Flag of BelgiumRTB Tonia Un peu de poivre, un peu de sel (A bit of pepper, a bit of salt) 014 04
04 Flag of LuxembourgCLT Michèle Torr Ce soir je t’attendais (Tonight, I waited for you) 007 10
05 Flag of YugoslaviaJRT Berta Ambrož  (Берта Амброж) Brez besed (Without words) 009 07
06 Flag of NorwayNRK Åse Kleveland Intet er nytt under solen (Nothing is new under the sun) 015 03
07 Flag of FinlandYLE Ann-Christine Nyström Playboy 007 10
08 Flag of PortugalRTP Madalena Iglésias Ele e ela (He and she) 006 13
09 Flag of AustriaÖRF Udo Jürgens Merci chérie (Thank you, darling) 031 01
10 Flag of SwedenSR Lill Lindfors & Svante Thuresson Nygammal vals (New, yet familiar, waltz) 016 02
11 Flag of SpainTVE Raphael Yo soy aquél (I’m that one) 009 07
12 Flag of SwitzerlandSSR SRG Madeleine Pascal Ne vois-tu pas? (Don’t you see?) 012 06
13 Flag of MonacoTMC Tereza Kesovija Bien plus fort (Much Stronger) 000 17
14 Flag of ItalyRAI Domenico Modugno Dio, come ti amo (God, how I love you) 000 17
15 Flag of FranceORTF Dominique Walter Chez nous (By us) 001 16
16 Flag of The NetherlandsNOS Milly Scott Fernando en Philippo (Fernando and Filippo) 000 15
17 Flag of Ireland Dickie Rock Come back to stay 014 04
18 Flag of United KingdomBBC Kenneth McKellar A man without love 008 09

Paesi partecipanti

A coloured map of the countries of Europe

Transmitirá a 2º semifinal noutro horário. Paesi partecipanti

Nel 1966, l’unico cambiamento rilevante fu l’introduzione di una nuova regola, riguardante la lingua del brano. La regola prevedeva che la canzone scelta da ogni partecipante fosse nella lingua (o in una delle lingue) del paese. Questa regola venne introdotta a causa del comportamento della Svezia dell’anno precedente, quando presentò una canzone in inglese.

Per quanto riguarda le giurie, l’unico cambiamento fu che di ogni giuria nazionale fecero parte dei membri rappresentativi del pubblico di ogni paese, fra i quali fu permesso includere degli esperti di musica leggera e pop, ma non compositori, editori o fornitori professionali di dischi. Monaco ed Italia rimasero a zero punti.

Le partecipanti sono le stesse del 1965, senza aggiunte né rinunce: 18 erano e 18 rimangono.

Il sistema di voto è ancora quello inaugurato nel 1964, con tre canzoni a ricevere punti: 5, 3, 1 (o due a riceverne 6 e 3, o una a riceverne 9).

Le future presentatrici Lill Lindfors (Svezia) e Åse Kleveland (Norvegia) parteciparono a questo concorso, classificandosi rispettivamente al secondo e al terzo posto.

Il Principato di Monaco, (anche) per intercessione di nientemeno che Grace Kelly, fa partecipare alla rassegna Tereza Kesovija. Allora è un’artista agli inizi, ma nel tempo la nativa di Dubrovnik si ritaglierà un grande spazio sia in Francia che nei suoi Balcani, con un’attività che continua ancora oggi che ha superato i 75 anni.

Degna di nota è anche la partecipazione dello spagnolo Raphael, che diventerà una stella mondiale dopo le partecipazioni eurovisive del 1966 e 1967.

Si segnala inoltre la presenza della prima cantante di colore della storia del concorso, Milly Scott, in gara per i Paesi Bassi con “Fernando en Filippo”. 

Il grande vincitore del “Gran Premio” fu l’Austria con il brano “Merci chérie” eseguito da Udo Jürgens, che partecipò al concorso per la terza volta. Con 31 punti, la canzone avrà poi una versione svedese, e arriverà nei piani alti delle charts olandesi e della parte fiamminga del Belgio. La famosa artista francese Michèle Torr si classificò all’ottavo posto col brano “Ce soir je t’attendais”, rappresentando il Lussemburgo. I “nul points” (zero punti) colpiscono Tereza Kesovija per Monaco e Domenico Modugno per Italia.

Il partecipante italiano, durante le prove, Domenico Modugno non fu soddisfatto dell’orchestra e abbandonò il palco, arrabbiato. La sua canzone, “Dio come ti amo”, che all’Eurovision Song Contest arrivò ultima, in seguito si trasformò in un successo enorme in Sud-America nella versione di Gigliola Cinquetti.

Tabellone dei risultati:

Scoreboard - Eurovision Song Contest 1966

Per due ragioni principali, quella di Domenico Modugno nel 1966 è la partecipazione forse più travagliata della storia italiana all’Eurovision.

La prima ragione è che l’Italia avrebbe preferito vedere Gigliola Cinquetti su quel palco: Mr Volare aveva vinto assieme a lei Sanremo, con Dio come ti amo, proprio la canzone portata nel Lussemburgo.

La seconda ragione risiede proprio negli avvenimenti del posto.

Succede infatti che Modugno, arrivato a Villa Louvigny, prende atto del fatto che molti cantanti hanno deciso di far arrivare dal loro paese propri musicisti, il che spinge il cantante pugliese a richiederne di propri.

Quando si tratta, però, di cantare nelle prove, ci si mette l’orchestra, col suo direttore che rifiuta di far cantare Modugno con i suoi musicisti, vedendosi opporre un netto rifiuto di cantare a quelle condizioni.

La scena sarà udita radiofonicamente dall’Europa, e porterà Modugno a essere punito in modo durissimo: quando si esibirà (con soli musicisti suoi), verrà ampiamente fischiato, e verrà lasciato al palo. Il suo “nul points” sarà l’unico della storia dell’Italia all’Eurovision.

Dopo il 1966, Modugno ritorna per altre 4 volte a Sanremo, classificandosi secondo nella sua ultima partecipazione, datata 1974 con Questa è la mia vita (nello stesso anno vince il Premio Tenco). È al Festival di Napoli nel 1967, con ‘O Vesuvio (secondo posto anche qui). È a Canzonissima per altre tre volte, e proprio in una di queste porterà Meraviglioso: la canzone, inizialmente incompresa dal pubblico, diventerà negli anni uno dei grandi classici dell’artista pugliese. È stata recentemente ripresa per una cover dai Negramaro.

Fino agli Anni ‘80, Modugno continua a cantare, ma anche a recitare come attore (non indifferente è infatti anche la sua produzione teatrale e cinematografica). Dalla metà degli ‘80, entra in politica nelle file del Partito Radicale, divenendo prima deputato e poi senatore, e intraprendendo alcune battaglie soprattutto riguardanti le sue terre, quelle di Agrigento.

È deceduto nel 1994, il 6 agosto, a Lampedusa.

I tributi, cominciati non più tardi di 20 giorni dopo con Claudio Baglioni intento a ricordarlo all’apertura dei Mondiali di nuoto a Roma (interpretando Nel blu dipinto di blu), continuano ancora oggi, che sono passati più di 20 anni dal suo decesso. Quand’era ancora in vita lo reinterpretavano personaggi del calibro di Shirley Bassey, Elvis Presley, Claudio Villa, Frank Sinatra. Dopo la morte, l’hanno ricordato, tra gli altri, Paul McCartney, Mina, Renzo Arbore, Renato Zero.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...