ESC BAKU 2012


File:Pht-Vugar Ibadov eurovision (18).jpg

• Periodo: Sabato, 26 Maggio 2012
Presentatore (i): Leyla Aliyeva (Leyla Əliyeva), Eldar ‘Ell’ Qasımov (Eldar Qasımov) e Nargiz Birk-Peterson (Nərgiz Birk-Petersen / Nargiz Abbaszadeh, Nərgiz Abbaszadə)
Trasmesso da: İctimai Televiziya və Radio Yayımları Şirkəti (İTV)
Sede: Baku Crystal Hall, National Flag Square / Bakı Kristal Zalı, Dövlət Bayrağı Meydanı (Baku, Azerbaigian)
Slogan: Light your fire! (Öz məşəlini alovlandır!, Accendi il tuo fuoco!)
Brano vincitore: Premio “Euphoria” – Loreen (Svezia) (5°)
Participanti: 42 paesi  (26 Paesi accedono di diritto alla Serata Finale: i cosiddetti Big Five – Italia, Spagna, Germania, Francia e Regno Unito – per il loro maggiore contributo finanziario; il paese ospitante – Azerbaigian – e i 10 paesi con i punteggi più alti in ogni Semi-Finale (dove si esibibiscono 18 paesi nella Prima Semi-Finale e 18 paesi nella Seconda Semi-Finale) selezionati dalla combinazione del 50% dei voti delle giurie nazionali ed il 50% del televoto aperto già dal momento delle esibizioni. Tutti i paesi utlizzano il televoto e le giurie. Ogni nazione, da regolamento, non può votare il proprio artista.
Debuttanti: Nessuno
Ritorni: Montenegro
Ritiri: Armenia, Polonia
Nil Points: Nessuno
Struttura di voto: Ognuno dei paesi in gara assegna 12, 10, 8 e dal 7 all’1, punti per le proprie dieci canzoni preferite.
Orchestra: Gli artisti cantano su basi musicali.
Opening Act: Ell & Nikki, “Running Scared”
Intervallo: Emin Agalarov (Emin Araz oglu Agalarov, Emin Araz oğlu AğalarovperformedNever Enough“, a track taken from the album ‘After the Thunder’.

Eurovision Song Contest 2012.svg

La cinquantasettesima edizione dell’Eurovision Song Contest si è svolta il 22, 24 e il 26 maggio 2012 a Baku, in Azerbaigian, paese vincitore dell’edizione 2011, tenutasi a Düsseldorf. Anche in questa edizione, si sono avute due semifinali e una finale. Lo slogan di quest’edizione è stato ”Accendi il tuo fuoco“, con chiaro riferimento al soprannome dell’Azerbaigian, Terra del fuoco.

Finale: La finale si è tenuta il 26 maggio 2012. Sono stati 26 i paesi che hanno partecipato alla finale, 10 dalla prima semifinale, 10 dalla seconda semifinale e 6 qualificati automaticamente alla finale (Azerbaigian in qualità di paese ospitante e Francia, Germania, Spagna, Regno Unito e Italia in qualità di maggiori contributori EBU-UER).

Finale

ORDINE  PAESE INTERPRETE(i) canzone – traduzione  PUNTEGGIO  POSIZIONE
01   Flag of United KingdomBBC Engelbert Humperdinck Love will set you free 012 25
02   Flag of HungaryMTV Compact Disco Sound of Our Hearts (Szíveink dallama, Szívünk hangjai) 019 24
03   Flag of AlbaniaRTSH Rona Nishliu Suus (Personale, për veten, Personal) 146 05
04   Flag of LithuaniaLRT Donny Montell (Donatas Montvydas) Love is blind (Meilė akla) 070 14
05   Flag of Bosnia & HerzegovinaBHRT Maya Sar (Маја Сар, Maja Sarihodžić, Maja Hodžić) Korake ti znam (Кораке ти знам, I know your steps) 055 18
06   Flag of RussiaRTR Buranovskiye Babushki (Бурановские Бабушки,  Брангуртысь песянайёслэн, Брангуртысь песянайёс, Brangurtısь Pesjanajos, Buranovo Grannies) Party for Everybody (Вечеринка для всех) 259 02
07   Flag of IcelandRÚV Gréta Salóme and Jónsi (Greta Salóme Stefánsdóttir & Jón Jósep Snæbjörnsson) Never forget (Gleymdu aldrei, Mundu eftir mér, Remember me) 046 20
08   Flag of CyprusCyBC Ivi Adamou (Ήβη Αδάμου) La la love (Λα Λα Αγάπη) 065 16
09   Flag of FranceFrance 3 Anggun Echo (You and I) [Écho (Toi et moi)] 021 22
10   Flag of ItalyRAI Nina Zilli L’amore è femmina (Out of love) [Love Is Female (Out of love)] 101 09
11   Flag of EstoniaERR Ott Lepland Kuula (Listen) 120 06
12   Flag of NorwayNRK Tooji (Tooji Keshtkar, تورج کشتکار) Stay (Bli) 007 26
13   Flag of Azerbaijanİctimai Sabina Babayeva (Səbinə Babayeva) When the music dies (Musiqi öləndə) 150 04
14   Flag of RomaniaTVR Mandinga Zaleilah 071 12
15   Flag of DenmarkDR Soluna Samay Should’ve known better (Burde have vidst bedre, Debería haberlo sabido) 021 23
16   Flag of GreeceERT Eleftheria Eleftheriou (Ελευθερία Ελευθερίου) Aphrodisiac (Αφροδισιακό) 064 17
17   Flag of SwedenSVT Loreen Euphoria 372 01
18   Flag of TurkeyTRT Can Bonomo Love me back (Sen de beni sev / Beni yeniden sev) 112 07
19   Flag of SpainTVE Pastora Soler Quédate conmigo (stay with me) 097 10
20   Flag of GermanyNDR Roman Lob Standing still (Stillstehen) 110 08
21   Flag of MaltaPBS Kurt Calleja This is the night (Dan huwa l-Lejl) 041 21
22   Flag of F.Y.R. MacedoniaMKRTV Kaliopi (Калиопи, Kaliopi Bukle, Caliopi Bucle, Калиопи Букле) Crno i belo (Црно и бело, Black and white) 071 13
23   Flag of IrelandRTÉ Jedward Waterline 046 19
24   Flag of SerbiaRTS Željko Joksimović (Жељко Јоксимовић) Nije ljubav stvar (Није љубав ствар, Love is not an object) 214 03
25   Flag of UkraineNTU Gaitana (Гайтана) Be my guest (Будь моїм гостем) 065 15
26   Flag of MoldovaTRM Pasha Parfeny (Pavel Parfeny) Lăutar (Traditional musician) 081 11

• Periodo: Martedì, 22 Maggio 2012
Presentatore (i): Leyla Aliyeva (Leyla Əliyeva), Eldar ‘Ell’ Qasımov (Eldar Qasımov) e Nargiz Birk-Peterson (Nərgiz Birk-Petersen / Nargiz Abbaszadeh, Nərgiz Abbaszadə)
Trasmesso da: İctimai Televiziya və Radio Yayımları Şirkəti (İTV)
Sede: Baku Crystal Hall, National Flag Square / Bakı Kristal Zalı, Dövlət Bayrağı Meydanı (Baku, Azerbaigian)
Slogan: Light your fire! (Öz məşəlini alovlandır!, Accendi il tuo fuoco!)
Brano Vincitore: “Party for everybody” – Buranovskiye Babushki (Russia) (1°)
Participanti: 42 paesi  (26 Paesi accedono di diritto alla Serata Finale: i cosiddetti Big Five – Italia, Spagna, Germania, Francia e Regno Unito – per il loro maggiore contributo finanziario; il paese ospitante – Azerbaigian – e i 10 paesi con i punteggi più alti in ogni Semi-Finale (dove si esibibiscono 18 paesi nella Prima Semi-Finale e 18 paesi nella Seconda Semi-Finale) selezionati dalla combinazione del 50% dei voti delle giurie nazionali ed il 50% del televoto aperto già dal momento delle esibizioni. Tutti i paesi utlizzano il televoto e le giurie. Ogni nazione, da regolamento, non può votare il proprio artista.
Debuttanti: Nessuno
Ritorni: Montenegro
Ritiri: Armenia, Polonia
Nil Points: Nessuno
Struttura di voto: Ognuno dei paesi in gara assegna 12, 10, 8 e dal 7 all’1, punti per le proprie dieci canzoni preferite.
Orchestra: Gli artisti cantano su basi musicali.
Opening Act: 
Intervallo: Natig Rhythm Group

Prima Semi-Finale: La prima semifinale si è svolta il 22 maggio 2012 e in essa avevano diritto al voto anche Italia, Azerbaigian e Spagna. Si sono qualificati per la finale: Islanda, Grecia, Albania, Romania, Cipro, Danimarca, Russia, Ungheria, Moldavia, Irlanda.

Prima Semi-Finale

ORDINE  PAESE INTERPRETE(i) canzone – traduzione  PUNTEGGIO  POSIZIONE
01 Flag of MontenegroRTCG   Rambo Amadeus (Рамбо Амадеус) Euro neuro (Еуро Неуро) 020 15
02 Flag of IcelandRÚV   Gréta Salóme and Jónsi (Greta Salóme Stefánsdóttir & Jón Jósep Snæbjörnsson) Never forget (Gleymdu aldrei, Mundu eftir mér, Remember me) 075 08
03 Flag of GreeceERT   Eleftheria Eleftheriou (Ελευθερία Ελευθερίου) Aphrodisiac (Αφροδισιακό) 116 04
04 Flag of LatviaLTV   Anmary Beautiful song (Skaista dziesma) 017 16
05 Flag of AlbaniaRTSH   Rona Nishliu Suus (Personale, për veten, Personal) 146 02
06 Flag of RomaniaTVR   Mandinga Zaleilah 120 03
07 Flag of SwitzerlandSRG SSR idée suisse   Sinplus Unbreakable (Infrangibile, Unzerstörbar, Incassable) 045 11
08 Flag of BelgiumVRT   Iris (Airis) Would you? (Voudrais-tu?) 016 17
09 Flag of FinlandYLE   Pernilla Karlsson När jag blundar (Kun suljen silmäni, When I close my eyes) 041 12
10 Flag of IsraelIBA   Izabo (איזבו) Time (זמן) 033 13
11 Flag of San MarinoSMRTV   Valentina Monetta The social network song (Oh Oh – Uh – Oh Oh) [Facebook Uh, Oh, Oh (A Satirical Song)] 031 14
12 Flag of CyprusCyBC   Ivi Adamou (Ήβη Αδάμου) La la love (Λα Λα Αγάπη) 091 07
13 Flag of DenmarkDR   Soluna Samay Should’ve known better (Burde have vidst bedre, Debería haberlo sabido) 063 09
14 Flag of RussiaRTR   Buranovskiye Babushki (Бурановские Бабушки,  Брангуртысь песянайёслэн, Брангуртысь песянайёс, Brangurtısь Pesjanajos, Buranovo Grannies) Party for Everybody (Вечеринка для всех) 152 01
15 Flag of HungaryMTV   Compact Disco Sound of Our Hearts (Szíveink dallama, Szívünk hangjai) 052 10
16 Flag of AustriaÖRF   Trackshittaz Woki mit deim Popo (Waggle your ass, Wackel mit deinem Popo, Shake your booty) 008 18
17 Flag of MoldovaTRM   Pasha Parfeny (Pavel Parfeny) Lăutar (Traditional musician) 100 05
18 Flag of IrelandRTÉ   Jedward Waterline 092 06

• Periodo: Giovedì, 24 Maggio 2012
Presentatore (i): Leyla Aliyeva (Leyla Əliyeva), Eldar ‘Ell’ Qasımov (Eldar Qasımov) e Nargiz Birk-Peterson (Nərgiz Birk-Petersen / Nargiz Abbaszadeh, Nərgiz Abbaszadə)
Trasmesso da: İctimai Televiziya və Radio Yayımları Şirkəti (İTV)
Sede: Baku Crystal Hall, National Flag Square / Bakı Kristal Zalı, Dövlət Bayrağı Meydanı (Baku, Azerbaigian)
Slogan: Light your fire! (Öz məşəlini alovlandır!, Accendi il tuo fuoco!)
Brano Vincitore: “Euphoria” – Loreen (Svezia) (2°)
Participanti: 42 paesi  (26 Paesi accedono di diritto alla Serata Finale: i cosiddetti Big Five – Italia, Spagna, Germania, Francia e Regno Unito – per il loro maggiore contributo finanziario; il paese ospitante – Azerbaigian – e i 10 paesi con i punteggi più alti in ogni Semi-Finale (dove si esibibiscono 18 paesi nella Prima Semi-Finale e 18 paesi nella Seconda Semi-Finale) selezionati dalla combinazione del 50% dei voti delle giurie nazionali ed il 50% del televoto aperto già dal momento delle esibizioni. Tutti i paesi utlizzano il televoto e le giurie. Ogni nazione, da regolamento, non può votare il proprio artista.
Debuttanti: Nessuno
Ritorni: Montenegro
Ritiri: Armenia, Polonia
Nil Points: Nessuno
Struttura di voto: Ognuno dei paesi in gara assegna 12, 10, 8 e dal 7 all’1, punti per le proprie dieci canzoni preferite.
Orchestra: Gli artisti cantano su basi musicali.
Opening Act: 
Intervallo: Marija Šerifović, Dima Bilan, Alexander Rybak, Lena, Ell & Nikki

Seconda Semi-Finale: La seconda semifinale si è svolta il 24 maggio 2012. Hanno avuto diritto a votare per questa serata anche Francia, Germania e Regno Unito. Si sono qualificati per la finale: Serbia, Macedonia, Malta, Ucraina, Svezia, Turchia, Estonia, Norvegia, Bosnia ed Erzegovina, Lituania.

La canzone della Bulgaria, pur essendo principalmente cantata in bulgaro, contiene versi con parole in arabo, serbo-croato, greco, spagnolo, italiano, francese, russo, turco, inglese ed azero.

 Seconda Semi-Finale

ORDINE  PAESE INTERPRETE(i) canzone – traduzione  PUNTEGGIO  POSIZIONE
01   Flag of SerbiaRTS Željko Joksimović (Жељко Јоксимовић) Nije ljubav stvar (Није љубав ствар, Love is not an object) 159 02
02   Flag of F.Y.R. MacedoniaMKRTV Kaliopi (Калиопи, Kaliopi Bukle, Caliopi Bucle, Калиопи Букле) Crno i belo (Црно и бело, Black and white) 053 09
03   Flag of The NetherlandsTROS Joan Franka You and me 035 15
04   Flag of MaltaPBS Kurt Calleja This is the night (Dan huwa l-Lejl) 070 07
05   Flag of BelarusBTRC Litesound We Are The Heroes (Мы — героі, Мы героі) 035 016
06   Flag of PortugalRTP Filipa Sousa Vida Minha (life of mine) 039 13
07   Flag of UkraineNTU Gaitana (Гайтана) Be my guest (Будь моїм гостем) 064 08
08   Flag of BulgariaBNT Sofi Marinova (Софи Маринова) Love unlimited (Любов без граници) 045 11
09   Flag of SloveniaRTVSLO Eva Boto (Ева Бото) Verjamem (Верујем, I believe) 031 17
10   Flag of CroatiaHRT Nina Badrić (Нина Бадрић) Nebo (Небо, Heaven / Sky) 042 12
11   Flag of SwedenSVT Loreen Euphoria 181 01
12   Flag of GeorgiaGPB Anri Jokhadze (ანრი ჯოხაძე) I’m a joker (მე ვარ ჯოკერი) 036 14
13   Flag of TurkeyTRT Can Bonomo Love me back (Sen de beni sev / Beni yeniden sev) 080 05
14   Flag of EstoniaERR Ott Lepland Kuula (Listen) 100 04
15   Flag of SlovakiaSTV Max Jason Mai (Miroslav “Miro” Šmajda) Don’t close your eyes (Nezatváraj oči) 022 18
16   Flag of NorwayNRK Tooji (Tooji Keshtkar, تورج کشتکار) Stay (Bli) 045 10
17   Flag of Bosnia & HerzegovinaBHRT Maya Sar (Маја Сар, Maja Sarihodžić, Maja Hodžić) Korake ti znam (Кораке ти знам, I know your steps) 077 06
18   Flag of LithuaniaLRT Donny Montell (Donatas Montvydas) Love is blind (Meilė akla) 104 03
 Partecipazione mancate

• Bielorussia: “All My Life” (English) – Alyona Lanskaya (Алёна Ланская).  Alyona Lanskaya participated in Eurofest 2012 singing the song “All My Life” in a bid to represent Belarus in the Eurovision Song Contest 2012 held in Baku, Azerbaijan. However she was later disqualified following an investigation about rigged televoting which made her song the winning entry. After advancing to the semi-finals that was held on December 21, 2011, she qualified for the Eurofest 2012 finals as one of the five chosen from the 15 entries. The finals was held on 14 February 2012 where the song came first and won by 12 points from televotes making the song Belarus’ entry for Eurovision Song Contest 2012. However on February 24, 2012 it was announced that Lanskaya was disqualified after the Belorussian President conducted an investigation leading to her “unfair” win in Eurofest 10 days earlier. There were rumours circulating that the producers had rigged the televoting giving her 12 points making her the winner. In response to the allegations, the president ordered an immediate investigation and it was later confirmed to be true. This was the first time that an act who won a national selection was disqualified since Ukraine’s original artist was disqualified in 2010. She was replaced by Litesound instead, who got second place in Eurofest finals, and were internally chosen as the new representatives of Belarus in the Eurovision Song Contest 2012 in Baku.

Italia: “Per Sempre” (Forever) (Italian) – Nina Zilli. Nina Zilli competed in the “Big Artists” section of the Festival di Sanremo 2012, placing seventh in a field of fourteen entries. During the contest, Zilli was also chosen by a specific jury to represent Italy in the Eurovision Song Contest 2012 (was announced by the ESC 2011 winners Ell & Nikki), but it was announced that it would not be with her festival song.  After being confirmed as the Italian entry to the contest, one week later RAI and Universal Music Italy announced that the song was replaced by “L’amore è femmina (Out of Love)”, also performed by Nina Zilli in English-Italian language.

San Marino: “Facebook Uh, Oh, Oh (A Satirical Song)” (Italian) – Valentina Monetta. “Facebook Uh, Oh, Oh (A Satirical Song)” was chosen internally by the San Marino broadcaster SMRTV to represent San Marino at the Eurovision Song Contest 2012. On 18 March 2012, a few days after the song was announced, the EBU-UER deemed that the song contained an unreasonable commercial message for Facebook, which resulted in the lyrics’ disqualification; according to the Eurovision Rule 1.2.2.g, commercial messages within songs are not allowed. San Marino was given the option of submitting a new song, or revising the lyrics to remove any references to Facebook, no later than 12:00 CET on 23 March 2012. On 22 March 2012, SMRTV announced that the song and its lyrics has been revised with a new title, “The Social Network Song (OH OH – Uh – OH OH)”, with mostly the same lyrics, except without directly mentioning Facebook.

Paesi partecipanti

A coloured map of the countries of Europe

Transmitirá a 2º semifinal noutro horário. Paesi partecipanti Transmitirá a 1º semifinal em direto. Paesi che hanno partecipato in passato, ma non nel 2012  
Transmitirá a Final em direto. Paesi che non si sono qualificati alla finale

Dopo la sua prima vittoria nel 2011, l’Azerbaigian si ritrova col problema di dove organizzare l’Eurovision 2012. Si decide per la costruzione ex novo, a Baku, della Crystal Hall, un’arena che può contenere fino a 25mila posti nella configurazione normale, ma intorno ai 16mila nella configurazione eurovisiva. 

Quest’edizione è contrassegnata dal ritiro della Polonia (i soldi della TVP vengono spesi per gli Europei di calcio organizzati in casa) e dell’Armenia. Quest’ultima esce di scena a inizio marzo, dopo che non ci sono state assicurazioni sulla sicurezza della delegazione armena. Ricordiamo che tra Azerbaigian e Armenia c’è da oltre vent’anni un conflitto riguardante le montagne della regione del Nagorno-Karabakh.

Torna in gara invece il Montenegro.

Cambia per l’ultima volta (ad oggi) il modo di televotare: viene ripristinata la finestra di televoto di 15 minuti che parte appena dopo l’ultima canzone e termina quando i presentatori dicono “Europe, stop voting now”.

Ci sono tre artisti di ritorno: Jónsi (Jón Jósep Snæbjörnsson), già Islanda 2004; i Jedward, già Irlanda 2011 e Željko Joksimović (Жељко Јоксимовић), già Serbia e Montenegro 2004, qui in quota Serbia. Ci sarebbe poi, ufficialmente, un quarto ritorno, quello di Kaliopi (Калиопи) per l’ERI di Macedonia, anche se non si può parlare di vero e proprio ritorno: nel ’96, sul palco di Oslo non ci era mai salita, perché era stata eliminata nel mai più ripetuto round di prequalificazione con le canzoni ascoltate in versione studio.

È l’anno in cui metà blocco balcanico presenta nomi pesanti: detto di Željko Joksimović (Жељко Јоксимовић) e di Kaliopi (Калиопи), entrambi famosi su tutta l’area balcanica, c’è anche Nina Badrić per la Croazia, che però, più che la canzone, sbaglia la tonalità da usare per cantarla e finisce fuori in semifinale. C’è anche Rambo Amadeus per il Montenegro, e la sua canzone è un “caso”, perché Euro Neuro è un rap assai critico verso l’Europa. Resta anche lui in semifinale.

La competizione è stata vinta dalla Svezia, rappresentata da Loreen con il brano “Euphoria”, che porta il quinto Eurovision alla Svezia. I 372 punti conquistati dalla cantante di Stoccolma, ma di origini marocchine, sono il secondo più alto punteggio della storia del concorso, dietro solo ai 387 di Alexander Rybak nel 2009. Loreen sfonda, comunque, il record dei 12 punti ricevuti: sono 18. L’unica nazione, a parte sé stessa, che non porta punti alla Svezia è l’Italia, per causa delle giurie (il televoto aveva posto la Svezia all’8° posto). Su questo fatto, gli svedesi insisteranno un po’ troppo per diverso tempo.

Euphoria ottiene, in Europa, un successo clamoroso. E’ prima nelle charts di quasi 17 Paesi (più la classifica Euro Digital Songs), in top 10 in altri 16, e in più ottiene 24 dischi di platino, uno d’argento e due d’oro. La canzone riesce a farsi notare anche in mercati tradizionalmente difficili per le canzoni dell’Eurovision, quelli di Francia e Italia, dove tocca la top 30. Il totale di copie vendute del singolo supera il milione.

Al secondo posto la Russia con 259 punti con una formazione molto particolare. Le Buranovskiye Babushki (nonne di Buranovo), complesso di donne anziane che canta in udmurto, conquistano sia la notorietà che i 259 punti della seconda posizione con la loro Party for everybody; e al terzo la Serbia conferma la forza di Zeljko Joksimovic, il re delle ballate balcaniche: Nije ljubav stvar si inserisce a quota 214 punti, per quello che risulta essere il ritorno sul podio del Paese a 5 anni di distanza dal trionfo di Marija Serifovic.

Chiude la classifica la Norvegia con 7 punti. Tra i membri dei ‘Big Five’ che sono rientrati nella Top ten ci sono la Germania che ha chiuso ottava con 110 punti, l’Italia che ha chiuso nona con 101 punti e la Spagna che ha chiuso decima con 97 punti. La Francia è arrivata ventiduesima mentre il Regno Unito ha concluso al venticinquesimo e penultimo posto. In questa edizione, l’Albania ha ottenuto il suo migliore risultato (quinta con 146 punti), mentre la Svezia, che ha vinto, ha accumulato il secondo più alto punteggio di sempre: 372 punti. Ha inoltre ricevuto per 18 volte i dodici punti, e tutti gli Stati partecipanti (tranne l’Italia) le hanno attribuito almeno un punto.

L’Azerbaigian, padrone di casa, si difende bene: quarto posto per Sabina Babayeva con When the music dies.

Al quinto posto, peraltro miglior risultato del Paese nella storia del concorso, c’è l’Albania con Rona Nishliu. Suus, data inizialmente per spacciata, va invece a conquistare tantissimi per le doti vocali di altissimo livello dell’interprete. Fra l’altro, la storia della partecipazione è toccante, perché proprio nel giorno della prima semifinale si verifica un terribile incidente di bus che causa la morte di 13 persone, di cui 11 studenti di un’università di Elbasan: Rona, toccata dalla tragedia, canta con tutto quello che ha in corpo per onorare i morti (e, per uno strano scherzo del destino, anche il testo di Suus è triste). I risultati sono stati messi agli atti.

Al sesto posto, arriva quasi a sorpresa Ott Lepland per l’Estonia: tutto il merito va all’eccellente interpretazione della sua Kuula, che in estone significa “ascolta”. Vale la pena far lo sforzo di cercare il testo tradotto di questa canzone, perché è particolarmente significativo.

All’8°, 9° e 10° posto c’è un tris di Big 5: Germania, Italia e Spagna. Quest’ultima, in particolare, porta Pastora Soler, famosissima in Spagna nell’ambito di pop e soprattutto flamenco. Il risultato è il ritorno in posizioni che contano, dopo una lunghissima serie di risultati disastrosi.

Kaliopi porta al 13° posto la Macedonia col rock di Crno i belo, confermando una volta di più di eccellere nella resa live delle sue canzoni.

Se Cipro non ride, col 16° posto della fan-favourite Ivi Adamou con La la love, la Grecia è ancora più scura: per la prima volta da diversi anni, esce dalla top 10 (17° posto con Aphrodisiac di Eleftheria Eleftheriou).

Irlanda e Islanda, due nomi simili con simile destino: i Jedward non ripetono l’exploit dell’anno prima e finiscono diciannovesimi con Waterline, mentre Greta Salomè e Jonsi non rispettano i pronostici della vigilia e chiudono al 20° posto con Never forget.

Francia e Regno Unito portano nomi pesanti, ma che non funzionano. I transalpini scelgono Anggun, nata a Singapore ma francese d’adozione: nonostante un lungo tour promozionale, Echo (You and I) è al 22° posto con 21 punti, ma solo perché la salvano le giurie, in quanto al televoto prende zero punti. Il Regno Unito porta Engelbert Humperdinck, gigante degli Anni ’60 e ’70, che però è sfortunato: pesca il numero 1 nell’ordine di esibizione, e in più nella serata in cui votano le giurie sbaglia l’acuto finale di Love will set you free. Risultato: 25° posto.

L’Italia chiude, come si è visto, al 9° posto.

San Marino porta colei che diventerà una sorta di suo stesso simbolo in giro per l’Europa: Valentina Monetta. In questa partecipazione, porta The Social Network Song (Oh Oh Uh Oh Oh), che ha anch’essa una storia da raccontare. Originariamente proposta come Facebook Uh Oh Oh, la canzone cambia titolo e parte del testo perché per regolamento non si possono citare marchi. L’argomento della canzone fa parlare di San Marino, ma il risultato è nuovamente un’eliminazione in semifinale.

Anche la Svizzera porta in Europa due artisti italofoni: si tratta dei Sinplus, cioè Ivan e Gabriel Broggini del Canton Ticino. Portano il brano rock Unbreakable, ma rimangono fuori dalla finale per soli sette punti (nella prima semifinale).

Infine, è italiano un componente dei bielorussi Litesound, e cioè Jacopo Massa. Questo ci porta al terzo problema consecutivo nella selezione nazionale bielorussa. Tale selezione è vinta da Alyona Lanskaya, ma sorgono sospetti di brogli, che diventano talmente pesanti da far intervenire il dittatore Lukashenko. Egli squalifica la Lanskaya e spedisce i Litesound a Baku con We are the heroes, che rimarrà terzultima in semifinale.

Rona Nishliu con la sua “Suus” si è aggiudicata il Barbara Dex Award, mentre i Marcel  Bezençon Awards se gli aggiudicano la svedese Loreen con “Euphoria” (Artists Award e Composer Award) e la azera Sabina Babayeva con “When the Music Dies”(Press Award).

Il 16 maggio 2011 è stata annunciato la costruzione di un complesso speciale per concerti da 20mila posti nei pressi della piazza della bandiera a Baku per ospitare l’Eurovision Song Contest. Il 19 maggio successivo gli organizzatori hanno annunciato che potrebbero utilizzare lo stadio ‘Tofiq Bahramov Stadium’ (Tofiq Bəhramov adına Respublika Stadionu) che può contenere 37.000 spettatori, oppure il complesso sportivo Heydar Aliyev (Heydar Aliyev Center / Heydar Alivey Arena, Heydər Əliyev Mərkəzi). Il governo azero è alla ricerca di una società che nel giro di 8 mesi riesca a costruire un impianto con capienza di circa 25.000 spettatori, ridotti a 16.000 per l’evento a causa del mastodontico palco e della green room (dove siedono gli artisti quando non si esibiscono) che non si trova più dietro il ledwall, bensì vicina al palco stesso. A collegarli c’è una lunga passerella.

Il 17 agosto 2011 l’EBU-UER ha ufficialmente annunciato il partner commerciale che presenta l’Eurovision Song Contest 2012: si è trattato di Azercell, compagnia telefonica azera che detiene il 55% del mercato di comunicazione mobile del Paese; si sono aggiunti anche Schwarzkopf, Socar ed un’agenzia che promuove il turismo azero.

Il design dell’edizione è ruotato tutto attorno al soprannome dell’Azerbaigian, ovvero “la terra del fuoco”; tutto quanto, quindi, ha richiamato il fuoco, dai colori caldi del palco e delle grafiche usate al logo stesso di quell’anno, un fiore composto da petali di fuoco, fino allo slogan, “Light your fire!”.

Il gruppo di riferimento dell’EBU-UER ha deciso, a partire da questa edizione, di ripristinare la cosiddetta “finestra-televoto”. Diversamente da ciò che è accaduto nelle scorse due edizioni, i paesi non potranno più votare sin da prima che comincino le esibizioni, ma, solo dopo che l’ultimo paese si sia esibito, per un lasso di tempo di 15 minuti. Questo sistema venne usato l’ultima volta all’Eurovision Song Contest 2009 edizione tenutasi a Mosca. La “finestra televoto” viene percepita più equa, nonostante le analisi del televoto non mostrino svantaggi competitivi per i paesi che si esibiscono per ultimi. Questa scelta fa seguito ad un’attenta analisi del televoto che indica come i telespettatori scelgano di televotare solo dopo aver visionato tutte le esibizioni. A sostegno della finestra-televoto c’è anche l’argomento “comparsa grafiche”, che per mostrare le informazioni relative al televoto, distrarrebbero l’apprezzamento delle esibizioni e occuperebbero più del 25% dello schermo.

Il 25 gennaio 2012 sono state sorteggiate le due Semifinali alle quali prendono parte 36 dei 42 paesi partecipanti, dato che Italia, Spagna, Germania, Francia e Regno Unito sono di diritto qualificati alla finale in qualità di membri del Big 5, e l’Azerbaigian è di diritto qualificato alla finale in quanto organizzatore della manifestazione. I paesi sono stati divisi in sei urne per evitare che troppi paesi della stessa area geografica rientrino nella stessa semifinale; nonostante ciò, nella seconda semifinale sono state sorteggiate insieme cinque repubbliche dell’ex Yugoslavia.

Il sorteggio ha determinato il posizionamento nelle Semifinali e, all’interno delle stesse, fra la prima metà e la seconda metà; il 20 marzo è stato stabilito l’ordine preciso all’interno delle Semifinali.

L’ordine di esibizione dei finalisti è stato deciso il 20 marzo 2012 per i Paesi che accedono di diritto in finale ed il 23 ed il 25 maggio per i Paesi semifinalisti qualificatisi in finale, durante le rispettive conferenze stampa dei vincitori.

Tra una canzone e l’altra, la televisione azera ha prodotto delle “cartoline” dedicate all’Azerbaigian. Andavano in onda a rotazione nelle tre puntate, video che mostravano una caratteristica del paese, come l’arte, la cultura, la gastronomia.

Gli ascolti totali dell’evento sono stati per questa edizione 102.900.000 telespettatori (Prima semifinale: 19.400.000 telespettatori. Seconda semifinale: 19.600.000. Gran finale: 63.9 milioni di telespettatori).

Hanno preso parte all’ESC 42 paesi, come nel 2008 e nel 2011, con altrettanti artisti, selezionati attraverso le manifestazioni musicali più importanti di ciascun paese. Originariamente era prevista anche la partecipazione dell’Armenia, che si è ritirata il 7 marzo 2012. Lo spettacolo è stato articolato in due Semifinali, il 22 e il 24 maggio e una Finale, il 26 maggio. Nelle due Semifinali si sono sfidati, in totale, 36 paesi, visto che Italia, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito erano qualificati automaticamente alla finale, in qualità di maggior contributori per l’EBU-UER (Big 5) e l’Azerbaigian è stato il paese ospitante.

I finalisti della Prima Semifinale sono stati: Romania, Moldavia, Islanda, Ungheria, Danimarca, Albania, Cipro, Grecia, Russia e Irlanda.

I finalisti della Seconda Semifinale sono stati:  Lituania, Bosnia e Erzegovina, Serbia, Ucraina, Svezia, ERI di Macedonia, Norvegia, Estonia, Malta e Turchia.

Nella seconda semifinale, accade che Stay di Tooji (Norvegia) e Love Unlimited di Sofi Marinova (Bulgaria) si trovino esattamente a pari punti (45) in decima posizione. Passa chi ha ricevuto più voti dai Paesi coinvolti nella semifinale, e cioè la Norvegia (11 contro 10).

L’Italia, dopo il secondo posto del 2011, partecipa nuovamente all’Eurovision Song Contest. Come per l’anno precedente, è stata un’apposita commissione RAI a scegliere l’artista partecipante tra quelli in concorso al Festival (è stato escluso a priori Alessandro Casillo, che non aveva ancora compiuto 16 anni il giorno della competizione). La scelta, annunciata dai vincitori dell’edizione 2011 Ell & Nikki, è caduta su Nina Zilli, che però all’ESC 2012 non ha portato la canzone presentata in gara all’Ariston e inizialmente prevista, “Per sempre”, ma una versione bilingue di “L’amore è femmina (Out of Love)”, con cui si è classificata al 9º posto finale.

Tra i paesi ritiratisi negli anni passati il Montenegro, assente dal 2009, è tornato nell’edizione 2012; mentre la Polonia e la sua televisione pubblica TVP, non ha partecipato a questa edizione dell’Eurovision Song Contest a causa dell’impegno negli Europei di Calcio 2012 (ospitati insieme all’Ucraina) e nella trasmissione delle Olimpiadi di Londra.

Inoltre il 7 marzo 2012 viene annunciato, abbondantemente oltre l’ultima data ammessa, il ritiro dell’Armenia dalla manifestazione per circostanze al di fuori del controllo degli organizzatori della manifestazione. Armenia ed Azerbaigian sono da tempo in conflitto fra loro per il controllo del territorio del Nagorno-Karabakh. In conseguenza di ciò, la Direttrice delle relazioni con i media dell’EBU-UER, Annika Nyberg Frankenhaeuser, ha annunciato all’agenzia di stampa ITAR-TASS, che il Paese caucasico dovrà pagare per intero la quota d’iscrizione aggravata di un ulteriore 50% e dovrà trasmettere le tre serate senza alcuna interruzione; in caso ciò non venisse fatto, l’Armenia potrebbe essere bandita dalla partecipazione alle future edizioni.

Le partecipazioni smentita sono state: 

  • Andorra – Dopo aver confermato l’impossibilità a partecipare, RTVA ha fatto sapere che il debito contratto con l’EBU-UER di 3.5 milioni di euro è di fatto insostenibile per la televisione, che dovrà uscire dall’unione, rendendo quindi impossibile un ritorno del paese nei prossimi anni, a meno di un rientro.
  • Liechtenstein – A causa di problemi gestionali, la partecipazione del piccolo principato sarà per il secondo anno di seguito rimandata. Secondo il rappresentante della tv 1 FL, nel 2013 un cambio di palinsesti riuscirebbe a garantire al paese l’adesione all’EBU-UER e nello stesso anno la partecipazione all’ESC.
  • Lussemburgo – Avendo partecipato per l’ultima volta all’ESC nel 1993, il Granducato è stato lontano dalla competizione per 18 anni. Il 31 dicembre, RTL, tv nazionale, ha confermato ad esctoday il suo disinteresse nei confronti della manifestazione.
  • Marocco – Il capo della delegazione francese per l’Eurovision, Bruno Berberes, ha rivelato in agosto l’intenzione di SNRT, tv nazionale iscritta all’EBU-UER, di rappresentare il paese magrebino all’ESC 2012. Tuttavia si sarebbe trattato esclusivamente di indiscrezioni, come ha più volte confermato Fatima El Moumen, direttrice per le collaborazioni internazionali presso SNRT.
  • Monaco – Nonostante alcuni voci iniziali secondo i quali TMC stesse trattando con l’EBU-UER per un ritorno già nel 2012, Phill Bosco, membro della televisione monegasca, ha comunicato che i costi di partecipazione sono insostenibili per il principato. La tv, per l’80% appartenente a TF1 e per il rimanente 20% al governo, non permette, per clausole di contratto, l’intervento di sponsor.
  • Repubblica Ceca – Con l’elezione del nuovo direttore generale di CT, Petr Dvorak, si è deciso di dare spazio a programmi di grande respiro internazionale. Tra questi, tuttavia, non è presente l’Eurovision, a proposito del quale però – ha assicurato il direttore – si dibatterà certamente nel 2013.

Gli altri Paesi non partecipanti sono stati: 

  • Libano – Dopo il tentativo di partecipazione del 2005, culminato con un ritiro a causa dell’impossibilità di trasmettere integralmente l’evento, non ve ne sono stati altri.
  • Kosovo – Il Paese ha più volte espresso il desiderio di poter partecipare all’Eurovision Song Contest tramite la rete televisiva nazionale RTK, però, a causa della travagliata situazione sul piano politico (il Kosovo non è pienamente riconosciuto come stato indipendente), l’emittente non può ancora entrare a far parte dell’EBU-UER come membro ordinario (ad oggi è un osservatore).
  • Kazakistan – Il Paese non è un membro dell’EBU-UER, anche se potrebbe entrare, essendo in piccola parte in territorio europeo.
  • Qatar – Nonostante sia un Paese fuori dall’area EBU-UER, ha richiesto nel 2009 l’ingresso nell’associazione principalmente per partecipare all’Eurovision Song Contest.

Altri Paesi potrebbero partecipare all’Eurovision Song Contest in quanto membri dell’EBU-UER e sono Città del Vaticano, Egitto, Giordania e Tunisia.

Le controversie:

  • San Marino – Il primo brano scelto “Facebook Uh, Oh, Oh (A Satirical Song)” è stato accusato di avere del contenuto pubblicitario, in quanto Facebook è un’azienda quotata all’interno dell’indice Nasdaq, oltre che marchio registrato, mettendo sotto esame degli organizzatori il brano stesso. Il comitato organizzatore ha confermato la natura pubblicitaria del brano, decretandone la non ammissibilità alla manifestazione, e dando tempo a SMtv San Marino fino al 22 marzo alle 12 CET per presentare un altro brano o una versione modificata dello stesso. La tv del Titano ha poi regolarmente ottemperato alla richiesta, presentando una versione modificata della canzone respinta.
  • Moldavia – Il video musicale del brano, presente sul canale YouTube ufficiale della manifestazione, è stato rimosso per alcune settimane dallo stesso a causa di una richiesta per violazione del diritto d’autore, rivelatasi poi infondata e che ha portato all’arresto dei segnalatori.

Lo spettacolo è stato trasmesso oltre ai 42 paesi partecipanti, anche in: Australia, Armenia, Cina, e Kirgizistan. In Albania la RTSH ha trasmesso la seconda semifinale e la finale in diretta, ma non la prima, nonostante ne avesse l’obbligo, dopo aver richiesto il differimento all’EBU-UER a causa di un incidente stradale di un autobus, avvenuto il 21 maggio 2012, che ha portato alla morte di 11 studentesse universitarie; mentre in Armenia, nonostante fosse stata obbligata dall’EBU-UER a trasmettere le 3 serate senza interruzioni, ha trasmesso solo la serata finale; ciò non avrebbe dovuto comportare ulteriori sanzioni al Paese, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa azera APA], fatto che è stato confermato dalla regolare partecipazione del Paese all’edizione successiva. La serata è stata trasmessa su A1.

Tabellone dei risultati:

Finale:

Scoreboard - Eurovision Song Contest 2012 Final

Prima Semi-Finale:

Scoreboard - Eurovision Song Contest 2012 Semi-Final (1)

Seconda Semi-Finale:

Scoreboard - Eurovision Song Contest 2012 Semi-Final (2)

Dopo il rientro col botto nel 2011, l’Italia conferma la partecipazione all’Eurovision Song Contest anche nel 2012. Il metodo di selezione è lo stesso dell’anno precedente: una commissione avrebbe scelto l’artista da mandare a Baku, tra tutti i partecipanti del Festival di Sanremo (tranne uno, Alessandro Casillo, che non avrebbe potuto concorrere in quanto ancora non 16enne il 26 maggio).

Per una serie di motivi, la scelta dell’artista eurovisivo italiano per il 2012 diventa più complessa rispetto all’anno precedente. La scelta finale ricade su Nina Zilli, che termina il Festival al 9° posto con una canzone di gran classe, che è Per sempre.

Nina Zilli, nata Maria Chiara Fraschetta il 2 febbraio 1980, è fin dai suoi inizi una cantante particolarmente legata al soul (non per caso, il suo punto di riferimento musicale è Nina Simone, anche se non disdegna Otis Redding ed Etta James).

La vita di Nina è legata a doppio filo sia al canto (inizia ad esibirsi già a 13 anni) che all’Irlanda, Paese in cui vive la sua seconda parte di infanzia: se la si sente parlare l’inglese in modo perfetto, questo è il motivo.

Terminate le superiori, spende due anni della propria vita negli Stati Uniti, come approfondimento musicale. Al ritorno, studia Relazioni Pubbliche alla Iulm di Milano, ma dire che fosse scontenta è, probabilmente, un eufemismo.

Dopo alcuni anni passati tra MTV e varie formazioni, nel 2009 intraprende la carriera da solista grazie a un contratto con la Universal. Il nome d’arte, Nina Zilli, nasce dalla combinazione di Nina Simone e del cognome della madre.

Nella seconda metà del 2009, pubblica 50mila in coppia con Giuliano Palma. Il singolo, anche per il fatto di trovarsi nella colonna sonora del film Mine vaganti di Fernan Ozpetek, riscuote un discreto successo, arrivando al disco d’oro.

Nel 2010, partecipa a Sanremo Nuove Proposte con L’uomo che amava le donne. Non vince per poco, ma canzone e album sono nettamente i più venduti della sezione Nuove Proposte, con disco d’oro per entrambi.

Due anni dopo, è la volta di Per sempre, che chiude settima a Sanremo. Assieme al buon piazzamento al Festival, giunge anche la chiamata per rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest a Baku: l’annuncio arriva nel finale di Festival per bocca di Ell e Nikki, invitati per l’occasione (senza farli cantare, scelta probabilmente dettata da alcune non felicissime esperienze live del duo in ospitate europee precedenti).

L’intenzione iniziale dell’artista è quella di portare proprio Per sempre, ma a inizio marzo c’è il cambio di direzione, particolarmente voluto dalla Universal: Nina Zilli porta L’amore è femmina. Viene lavorata una versione con tanto inglese e poco italiano.

La scelta frutta alla Zilli un buon 9° posto, anche se il suo destino è, in certa misura, lo stesso di Raphael Gualazzi: molto benvoluta dalle giurie, non altrettanto al televoto. Ci sono molti voti dagli 1 ai 5 punti, coi picchi di 7 punti da Albania, Estonia e San Marino e di 10 da Malta. I 7 punti di San Marino scatenano una mezza rivolta di chi segue l’evento sui social network, ma, come vedremo, sarà solo l’inizio.

Secondo molti fan dell’Eurovision, però, la situazione è stata peggiorata, sebbene non a livelli spaventosi, dalla Universal. L’impressione di questa particolare schiera di persone è che, con Per sempre (che raggiunge, peraltro, la certificazione platino), l’artista si sarebbe potuta piazzare nella top 5.

Accanto all’avventura della cantante, c’è una storia parallela, che è quella dell’avvicinamento della Rai. Con il ritorno al format normale, per la semifinale di competenza viene chiamata al commento Federica Gentile. Per la finale, invece, viene ingaggiata la Gialappa’s Band, che però pretende di parlare sopra le canzoni, il che è vietato dall’EBU. Risultato: la Gialappa’s se ne va ed entrano Filippo Solibello e Marco Ardemagni, già in quota Radio2 per Caterpillar AM. Non lo sanno ancora, ma diventeranno i due pretoriani della nuova vita dell’Italia all’Eurovision. Pur con tutti questi problemi, c’è un miglioramento degli ascolti (sopra il 7% di share e vicino al milione e mezzo, con punte di due milioni durante l’esibizione italiana).

Chiusa la parentesi eurovisiva, per Nina Zilli si riapre, tre anni dopo, quella di Sanremo. La canzone è Sola, la posizione è, ancora una volta, la nona. Su questo fatto, la Zilli ormai scherza spesso, giocando sulla somiglianza delle parole Nina e Nona.

Di Sola, fa parlare il video: in esso, infatti, si notano delle scene che rimandano in modo particolare alla masturbazione femminile. Rispetto alle tante accuse giunte contro la Zilli, la realtà è semplicemente un’altra: la masturbazione è stata solo fatta intuire, ma non mostrata. La differenza è sottile, ma sta proprio qui.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...