ESC OSLO 2010


• Periodo: Sabato, 29 maggio 2010
Presentatore (i): Erik Solbakken Sammen, Haddy Jatou N’jie & Nadia Hasnaoui
Trasmesso da: Norsk rikskringkasting (NRK)
Sede: Telenor Arena / Fornebu Arena, Fornebu, Bærum , Akershus, Greater Oslo (Oslo, Norvegia)
Slogan: Share the moment! (Del øyeblikket!, Condividi il momento!)
Brano vincitore: Premio “Satellite” – Lena (Lena Meyer-Landrut) (Germania) (2°)
Participanti: 39 paesi  (25 Paesi accedono di diritto alla Serata Finale: i cosiddetti Big Four – Francia, Germania, Spagna e Regno Unito – per il loro maggiore contributo finanziario; il paese ospitante – Norvegia – e i 10 paesi con i punteggi più alti in ogni Semi-Finale (dove si esibibiscono 17 paesi nella Prima Semi-Finale e 17 paesi nella Seconda Semi-Finale) selezionati dalla combinazione del 50% dei voti delle giurie nazionali ed il 50% del televoto aperto già dal momento delle esibizioni. Tutti i paesi utlizzano il televoto e le giurie. Ogni nazione, da regolamento, non può votare il proprio artista.
Debuttanti: Nessuno
Ritorni: Georgia
Ritiri: Andorra, Montenegro, Repubblica Ceca, Ungheria
Nil Points: Nessuno
Struttura di voto: Ognuno dei paesi in gara assegna 12, 10, 8 e dal 7 all’1, punti per le proprie dieci canzoni preferite.
Orchestra: Gli artisti cantano su basi musicali.
Opening Act: Alexander Rybak performing “Fairytale”
Intervallo: A flashmob styled performance with Madcon performing “Glow”, alongside live and taped footage of audiences dancing around Europe

ESC 2010 logo.png

Il cinquantacinquesimo Eurovision Song Contest si è svolto il 25, 27 e 29 maggio 2010, in Norvegia, paese che aveva vinto l’edizione del 2009. Anche in quest’edizione, come le due precedenti, si hanno due Semifinali ed una Finale. Il tema di quest’anno fu “Condividi il momento.

Finale: La finale si è tenuta il 29 maggio 2010 alla Telenor Arena di Bærum ad Oslo in Norvegia. I Big4 ed il paese ospitante, la Norvegia, hanno avuto accesso direttamente in finale. 20 paesi si sono qualificati dalle due Semifinali del 25 e 27 maggio 2010. Un totale di 25 paesi hanno gareggiato in Finale. Il sistema di voto utilizzato è stato lo stesso del 2009, con una combinazione di televoto e voti delle giurie nazionali. Tutti i paesi hanno potuto votare, sia quelli che si sono qualificati dalle semifinali, sia quelli che non si sono qualificati. L’ordine di esibizione è stato definito il 23 marzo.

ordine  paese  INTERPRETe(i) canzone – traduzione  PUNteggio  posizione
01 Flag of Azerbaijanİctimai Safura (Safura Alizadeh, Səfurə Əlizadə) Drip drop (Damla damla, Damcı düşməsi) 145 05
02 Flag of SpainTVE Daniel Diges Algo pequeñito (Something tiny) 068 15
03 Flag of NorwayNRK Didrik Solli-Tangen My heart is yours (Mitt hjerte er ditt) 035 20
04 Flag of MoldovaTRM SunStroke Project & Olia Tira (Sun Stroke Project și Olia Țîra) Run away (Fugi departe) 027 22
05 Flag of CyprusCyBC Jon Lilygreen & The Islanders (Τζον Λίλιγκριν) Life looks better in spring (Η Ζωή είναι Καλύτερη την Άνοιξη) 027 21
06 Flag of Bosnia & HerzegovinaBHRT Vukašin Brajić (Вукашин Брајић) Lightning and thunder (Munja i grom, Муња и гром) 051 17
07 Flag of BelgiumVRT Tom Dice Me and my guitar (Ma guitare et moi) 143 06
08 Flag of SerbiaRTS Milan Stankovic (Милан Станковић) Ovo je Balkan (Ово je Балкaн, This is the Balkans) 072 13
09 Flag of BelarusBTRC Three Plus Two (3+2 feat Robert Wells, 3+2 ft. Роберт Уэллс) Butterflies (Матылькі, Матылі) 018 24
10 Flag of IrelandRTÉ Niamh Kavanagh It’s for you 025 23
11 Flag of GreeceERT Giorgos Alkaios & Friends (Γιώργος Αλκαίος & Friends) Opa! (Ώπα!, OPA!, ΩΠΑ!) 140 08
12 Flag of United KingdomBBC Josh Dubovie That sounds good to me 010 25
13 Flag of GeorgiaGPB Sopho Nizharadze (სოფო ნიჟარაძე) Shine (გაანათე) 136 09
14 Flag of TurkeyTRT maNga (Manga) We could be the same (Aynı Olabiliriz, Aynı olabilirdik) 170 02
15 Flag of AlbaniaRTSH Juliana Pasha It”s all about you (Gjithçka është rreth teje, Nuk mundem pa ty, I can’t live without you) 062 16
16 Flag of IcelandRÚV Hera Björk (Hera Björk Þórhallsdóttir) Je ne sais quoi (I don’t know what, I don’t know why) 041 19
17 Flag of UkraineNTU Alyosha (Aльоша) Sweet People (Милі люди, Дорогі люди) 108 10
18 Flag of FranceFrance 3 Jessy Matador Allez Ola Olè (llez! Ola! Olé!, Come on! Ola! Olé!) 082 12
19 Flag of RomaniaTVR Paula Seling & Ovi  (Paula Seling feat. Ovi, Paula și Ovi Martin) Playing With Fire (Jocul cu focul) 162 03
20 Flag of RussiaRTR Peter Nalitch & Friends (The Peter Nalitch Band, Музыкальный коллектив Петра Налича, Muzykalny kollektiv Petra Nalitcha, MKPN, Peter Nalitch’s musical collective) Lost And Forgotten (Потерянный и забытый) 090 11
21 Flag of ArmeniaAMPTV Eva Rivas (Եվա Ռիվաս, Ева Ривас) Apricot Stone (Ծիրանի Կորիզ) 141 07
22 Flag of GermanyNDR Lena (Lena Meyer-Landrut) Satellite (Satellit) 246 01
23 Flag of PortugalRTP Filipa Azevedo Há dias assim (There are days like this, It’s One of Those Days) 043 18
24 Flag of IsraelIBA Harel Skaat (הראל סקעת) Milim (מילים, Words) 071 14
25 Flag of DenmarkDR Chanée & N’Evergreen (ชานี & โทมัส เนเวอร์กรีน, Шани & Томас Н’эвергрин) In A Moment Like This (В такой момент, อินอะโมเมนต์ไลก์ดิส) 149 04

• Periodo: Martedì, 25 maggio 2010
Presentatore (i): Erik Solbakken Sammen, Haddy Jatou N’jie & Nadia Hasnaoui
Trasmesso da: Norsk rikskringkasting (NRK)
Sede: Telenor Arena / Fornebu Arena, Fornebu, Bærum , Akershus, Greater Oslo (Oslo, Norvegia)
Slogan: Share the moment! (Del øyeblikket!, Condividi il momento!)
Brano Vincitore: “Me an my guitar” – Tom Dice (Belgio) (1°)
Participanti: 39 paesi  (25 Paesi accedono di diritto alla Serata Finale: i cosiddetti Big Four – Francia, Germania, Spagna e Regno Unito – per il loro maggiore contributo finanziario; il paese ospitante – Norvegia – e i 10 paesi con i punteggi più alti in ogni Semi-Finale (dove si esibibiscono 17 paesi nella Prima Semi-Finale e 17 paesi nella Seconda Semi-Finale) selezionati dalla combinazione del 50% dei voti delle giurie nazionali ed il 50% del televoto aperto già dal momento delle esibizioni. Tutti i paesi utlizzano il televoto e le giurie. Ogni nazione, da regolamento, non può votare il proprio artista.

Debuttanti: Nessuno
Ritorni: Georgia
Ritiri: Andorra, Montenegro, Repubblica Ceca, Ungheria
Nil Points: Repubblica Ceca (nella Semi-finale 1)
Struttura di voto: Ognuno dei paesi in gara assegna 12, 10, 8 e dal 7 all’1, punti per le proprie dieci canzoni preferite.
Orchestra: Gli artisti cantano su basi musicali.
Intervallo: “Human sounds” video and stage act

Prima Semi-Finale: Le Semifinali tenutasi il 25 ed il 27 maggio 2010 alla Telenor Arena di Bærum ad Oslo, in Norvegia. Un totale di 34 paesi hanno gareggiato nelle Semifinali, 17 in ogni Semi-finale. I 10 paesi in ogni Semi-finale con il maggior punteggio, determinato da una combinazione di televoto e voti delle giurie nazionali, si sono qualificati per la Finale. Il 7 febbraio è stato deciso in quale delle due Semifinali si esibiranno i 39 paesi partecipanti. C’è stata anche un’estrazione per decidere in quali Semi-finale dovevano votare i 5 paesi qualificati per la Finale. Ogni paese ha potuto votare soltanto nella Semifinale in cui partecipa. L’estrazione per l’ordine di apparizione ha avuto luogo il 23 marzo. 

In questa Semi-finale, oltre ai 17 partecipanti, hanno potuto votare anche Francia, Germania e Spagna. 

La Francia avrebbe dovuto inizialmente votare nella seconda semifinale, in base a quanto stabilito dal sorteggio, ma a causa di problemi con il palinsesto voterà in questa semifinale. Ad ogni modo, France Télévisions ha comunicato che trasmetterà per la prima volta ambedue le semifinali.

ordine  paese  INTERPRETe(i) canzone – traduzione PUNTEggio  posizione
01 Flag of MoldovaTRM SunStroke Project & Olia Tira (Sun Stroke Project și Olia Țîra) Run Away (Fugi departe) 052 10
02 Flag of RussiaRTR Peter Nalitch & Friends (The Peter Nalitch Band, Музыкальный коллектив Петра Налича, Muzykalny kollektiv Petra Nalitcha, MKPN, Peter Nalitch’s musical collective) Lost And Forgotten (Потерянный и забытый) 074 07
03 Flag of EstoniaERR Malcolm Lincoln & ManPower 4 (Malcolm Lincoln ja ManPower 4) Siren (Sireen) 039 14
04 Flag of SlovakiaSTV Kristína (Kristína Peláková) Horehronie 024 16
05 Flag of FinlandYLE Kuunkuiskaajat (Moonwhisperers) Työlki ellää (Työlläkin elää, One can work for a living, too) 049 11
06 Flag of LatviaLTV Aisha (Aija Andrejeva) What For? [What For? (Only Mr. God Knows Why), Kādēļ?] 011 17
07 Flag of SerbiaRTS Milan Stanković (Милан Станковић) Ovo je Balkan (Ово je Балкaн, This is the Balkans) 079 05
08 Flag of Bosnia & HerzegovinaBHRT Vukašin Brajić (Вукашин Брајић) Lightning and Thunder (Munja i grom, Муња и гром) 059 08
09 Flag of PolandTVP Marcin Mroziński (Martin Fitch) Legenda (The legend, Legend) 044 13
10 Flag of BelgiumVRT Tom Dice Me And My Guitar (Ma guitare et moi) 167 01
11 Flag of MaltaPBS Thea Garrett My Dream (Il-Ħolma Tiegħi) 045 12
12 Flag of AlbaniaRTSH Juliana Pasha It’s All About You (Gjithçka është rreth teje, Nuk mundem pa ty, I can’t live without you) 076 06
13 Flag of GreeceERT Giorgos Alkaios & Friends (Γιώργος Αλκαίος & Friends) Opa! (Ώπα!, OPA!, ΩΠΑ!) 133 02
14 Flag of PortugalRTP Filipa Azevedo Há dias assim (There are days like this, It’s One of Those Days) 089 04
15 Flag of F.Y.R. MacedoniaMKRTV Gjoko Taneski (Ѓоко Танески, Gjoko Taneski, Billy Zver and Pejčin; Ѓоко Танески, Били Ѕвер & Пејчин; Ђоко Танески, Били Звер и Пејчин) Jas ja imam silata (Јас ја имам силата, I have the strength) 037 15
16 Flag of BelarusBTRC Three Plus Two (3+2 feat Robert Wells, 3+2 ft. Роберт Уэллс) Butterflies (Матылі) 059 09
17 Flag of IcelandRÚV Hera Björk (Hera Björk Þórhallsdóttir) Je ne sais quoi (I don’t know what, I don’t know why) 123 03

• Periodo: Martedì, 27 maggio 2010
Presentatore (i): Erik Solbakken Sammen, Haddy Jatou N’jie & Nadia Hasnaoui
Trasmesso da: Norsk rikskringkasting (NRK)
Sede: Telenor Arena / Fornebu Arena, Fornebu, Bærum , Akershus, Greater Oslo (Oslo, Norvegia)
Slogan: Share the moment! (Del øyeblikket!, Condividi il momento!)
Brano Vincitore: “We could be the same” – maNga (Turchia) (1°)
Participanti: 39 paesi  (25 Paesi accedono di diritto alla Serata Finale: i cosiddetti Big Four – Francia, Germania, Spagna e Regno Unito – per il loro maggiore contributo finanziario; il paese ospitante – Norvegia – e i 10 paesi con i punteggi più alti in ogni Semi-Finale (dove si esibibiscono 17 paesi nella Prima Semi-Finale e 17 paesi nella Seconda Semi-Finale) selezionati dalla combinazione del 50% dei voti delle giurie nazionali ed il 50% del televoto aperto già dal momento delle esibizioni. Tutti i paesi utlizzano il televoto e le giurie. Ogni nazione, da regolamento, non può votare il proprio artista.
Debuttanti: Nessuno
Ritorni: Georgia
Ritiri: Andorra, Montenegro, Repubblica Ceca, Ungheria
Nil Points: Repubblica Ceca (nella Semi-finale 1)
Struttura di voto: Ognuno dei paesi in gara assegna 12, 10, 8 e dal 7 all’1, punti per le proprie dieci canzoni preferite.
Orchestra: Gli artisti cantano su basi musicali.
Intervallo: A video about a boy that gets to the Eurovision venue and makes an exhibition of breakdance live on stage

Seconda Semi-Finale: Le Semifinali tenutasi il 25 ed il 27 maggio 2010 alla Telenor Arena di Bærum ad Oslo, in Norvegia. Un totale di 34 paesi hanno gareggiato nelle Semifinali, 17 in ogni Semi-Finale. I 10 paesi in ogni Semi-Finale con il maggior punteggio, determinato da una combinazione di televoto e voti delle giurie nazionali, si sono qualificati per la Finale. Il 7 febbraio è stato deciso in quale delle due Semifinali si esibiranno i 39 paesi partecipanti. C’è stata anche un’estrazione per decidere in quali Semifinale dovevano votare i 5 paesi qualificati per la Finale. Ogni paese ha potuto votare soltanto nella semifinale in cui partecipa. L’estrazione per l’ordine di apparizione ha avuto luogo il 23 marzo.

In questa Semi-Finale, oltre ai 17 partecipanti, potranno votare anche Norvegia e Regno Unito.

ordine  paese INTERPRETe(i) canzone – traduzione  PUNTEggio  posizione 
01 Flag of LithuaniaLRT InCulto (Inculto) East European Funk (Rytų Europos Funk) 044 12
02 Flag of ArmeniaAMPTV Eva Rivas (Եվա Ռիվաս, Ева Ривас) Apricot Stone (Ծիրանի Կորիզ) 083 06
03 Flag of IsraelIBA Harel Skaat (הראל סקעת) Milim (מילים, Words) 071 08
04 Flag of DenmarkDR Chanée & N’Evergreen (ชานี & โทมัส เนเวอร์กรีน, Шани & Томас Н’эвергрин) In a moment like this (В такой момент, อินอะโมเมนต์ไลก์ดิส) 101 05
05 Flag of SwitzerlandSRG SSR idée suisse Michael von der Heide Il pleut de l’or (It’s raining gold) 002 17
06 Flag of SwedenSVT Anna Bergendahl This Is My Life (Det här är mitt liv) 062 11
07 Flag of Azerbaijanİctimai Safura (Safura Alizadeh, Səfurə Əlizadə) Drip Drop (Damla damla, Damcı düşməsi) 113 02
08 Flag of UkraineNTU Alyosha (Aльоша) Sweet People (Милі люди, Дорогі люди) 077 07
09 Flag of The NetherlandsTROS Sieneke Ik ben verliefd (sha-la-lie (Ik ben verliefd, Shalalie) 029 14
10 Flag of RomaniaTVR Paula Seling & Ovi (Paula Seling feat. Ovi, Paula și Ovi Martin) Playing With Fire (Jocul cu focul) 104 04
11 Flag of SloveniaRTVSLO Ansambel Roka Žlindre & Kalamari (Ansambel Žlindra in Kalamari, Ansambel Žlindra and Kalamari, Ансамбел Жилиндра и Каламари) Narodnozabavni rock (Native folk rock, Folkpop rock) 006 16
12 Flag of IrelandRTÉ Niamh Kavanagh It’s for you 067 09
13 Flag of BulgariaBNT Miro (Миро, Miroslav Kostadinov, Мирослав Костадинов) Angel si ti (Ангел си ти, You’re an angel / You are an angel) 019 15
14 Flag of CyprusCyBC Jon Lilygreen & The Islanders (Τζον Λίλιγκριν) Life looks better in spring (Η Ζωή είναι Καλύτερη την Άνοιξη) 067 10
15 Flag of CroatiaHRT Feminnem (Феминем) Lako je sve (Лако је све, Everything is easy) 033 13
16 Flag of GeorgiaGPB Sopho Nizharadze (სოფო ნიჟარაძე) Shine (გაანათე) 106 03
17 Flag of TurkeyTRT maNga (Manga) We could be the same (Aynı Olabiliriz, Aynı olabilirdik) 118 01

Partecipazione mancate

• Bielorussia: “Far Away” (English) – 3+2. “Far Away” having been chosen internally by BTRC to represent Belarus in Oslo. The song had previously taken part in the ONT contest “Musical Court”, which was planned to be used to select the Belarusian entry for the Contest before ONT’s application to join the EEBU-UER, the contest’s organisers, was rejected. News reports suggested that a “back-up” entry had been also chosen (why, it was not explained) by another artist. Less than a month later, after underwhelming internet reaction to the original song, Belarus announced that their entry was being replaced, not with the back-up, but with a new song by the original group and will now perform the song “Butterflies” at the contest, written byMaxim Fadeev and Malka Chaplin.

• Ucraina: “I Love You…” (English, Ukrainian) – Vasyl Lazarovych (Василь Лазарович). On 29 December 2009 he was selected internally to represent Ukraine at the ESC 2010 in Oslo. On 6 March 2010 was the song “I Love You”, performed in both English and Ukrainian, chosen from five songs (all performed by Lazarovych) by the public as his song. On 15 March, one week before the deadline for Eurovision entries to be submitted to the EBU-UER, it was announced that NTU may hold another national final to replace Lazarovych as the Ukrainian entry for the Contest, (because the song was not good enough), with a new (last minute) national final to take place on 20 Marchwhere 20 finalists were chosen from an open audition of songs. However, he participated in the new national final with “I Love You” on 20 March to attempt to continue his Eurovision participation, but he just placed seventh. The winner of the new national selection was Alyosha, who will represent Ukraine with her song “Sweet People”, which replaced her song “To Be Free” due to allegations of plagiarism and evidence that the song was publicly available two years prior.

• Ucraina: “To Be Free” (English, Ukrainian) – Alyosha (Aльоша). She replaced Vasyl Lazarovych who was originally picked on December 29, 2009 to represent Ukraine. After some political changes that took place in Ukraine his candidacy was withdrawn on March 15 under suspicion that he was picked with the help of the current director of the State National Television (1st National) Vasyl Ilashchuk. The petition to organize another concourse and to cancel the current results was signed by several famous Ukrainian performers such as Taisia Povaliy, Ruslana Pysanka, Kostyantyn Meladze, and many others. The winner of the new national selection declared by a professional jury and SMS voting was Alyosha and Masha Sobko. With Alyosha getting the most points from the professional jury she was declared the winner with her song “To Be Free”. After the national final on 20 March, allegations were made that the song plagiarized the Linda Perry and Grace Slick song “Knock Me Out” and had been made available publicly 2 years before its entry in the national final ( the winning song has been available for purchase (under the name of Alonya) at Amazon.de since 12 April 2008). This would break the rules of the Eurovision Song Contest. A new song, “Sweet People”, was chosen, two days after the 22 March deadline had passed, so NTU was fined by the EBU-UER. Alyosha will represent Ukraine with her song “Sweet People”, that was revealed on 24 March.

Paesi partecipanti

A coloured map of the countries of Europe

Transmitirá a 2º semifinal noutro horário. Paesi partecipanti Transmitirá a 1º semifinal em direto. Paesi che hanno partecipato in passato, ma non nel 2010   
Transmitirá a Final em direto. Paesi che non si sono qualificati alla finale

L’Eurovision Song Contest si tiene in Norvegia, alla Telenor Arena di Oslo. La data scelta per la finale, quella del 29 maggio (con semifinali il 25 e 27), fa sì che quest’edizione, assieme a quella del 1999, sia quella tenutasi più tardi nella storia del concorso.

La nazione vincitrice di quest’edizione è stata la Germania, dopo ben 28 anni, con il brano “Satellite” cantato da Lena, mentre si aggiudica tutti e tre i Marcel Bezençon Awards (Premio della stampa, premio artistico e premio per il miglior componimento musicale) il cantante israeliano Harel Skaat con la sua “Milim” (מילים, Words).

Sebbene l’EBU-UER avesse annunciato che avrebbe fatto tutto il possibile per far partecipare alla manifestazione l’Austria (ultima presenza nel 2007), Monaco (ultima presenza nel 2006) e Italia (ultima presenza nel 1997) ed in più si vociferasse di un ritorno imminente del Lussemburgo (ultima presenza nel 1993) e di San Marino (unica partecipazione nel 2008) e dell’esordio del Liechtenstein, tutti i sopracitati paesi (tranne l’Italia, che però non ha mai motivato la sua lunga assenza) hanno smentito il loro interesse a ritornare a gareggiare.

39 paesi hanno ufficialmente confermato la loro partecipazione all’Eurovision Song Contest 2010 (34 nazioni non facenti parte dei “Big 4”, i “Big 4” e la nazione ospitante).

Si ripresentano di fronte agli oltre 20mila della Telenor Arena due artisti: Niamh Kavanagh, vincitrice nel 1993 per l’Irlanda, e le Feminnem, già presenti nel 2005 per la Bosnia&Erzegovina e qui in quota Croazia. C’è anche un terzo nome di ritorno, quello di Hera Bjork, anche se il suo caso è leggermente diverso, essendo stata solo corista nelle due precedenti partecipazioni islandesi.

I finalisti della Prima Semifinale furono: Albania, Belgio, Bielorussia, Bosnia e Erzegovina, Grecia, Islanda, Moldavia, Portogallo, Russia e Serbia.

I finalisti della Seconda Semifinale furono: Armenia, Azerbaigian, Cipro, Danimarca, Georgia, Irlanda, Israele, Romania, Turchia e Ucraina.

L’edizione 2010 vide partecipare il minor numero di paesi in gara dal 2006: Repubblica Ceca, Ungheria, Montenegro e Andorra (non è più tornata) si ritirarono.

È un’edizione in qualche modo segnata dalla crisi economica che proprio nel 2010 esplode in tutta la sua violenza. I Paesi non partecipanti a questa edizione furono: 

  • Andorra – Pur avendo inviato all’EBU-UER l’iscrizione preliminare, a metà novembre, il principato si è riservato il diritto di ritirarsi nel caso in cui i fondi nazionali non fossero stati sufficienti. Il 12 dicembre, Enric Castellet, il Direttore dell’emittente pubblica RTVA, ha informato l’EBU-UER che, a causa del budget molto limitato, il paese non parteciperà alla prossima edizione dell’Eurovision Song Contest.
  • Austria – Sebbene il suo ritorno fosse stato confermato, agli inizi di ottobre, da Bjørn Erichsen, direttore esecutivo dell’EBU-UER, il quotidiano nazionale Kleine Zeitung ha riportato l’intervista a Wolfang Lorenz, direttore di ÖRT, con la quale la partecipazione austriaca è stata smentita. Le ragioni addotte riguardano gli elevati costi di partecipazione (400000 euro) ed i complessi regolamenti del festival, che non permetterebbero, per il paese alpino, il superamento della semifinale.
  • Italia – Sebbene non sia stato fatto alcun annuncio ufficiale, essendo superate tutte le ultime scadenze, continua la lunga assenza dell’Italia.
  • Liechtenstein – Il principato alpino aveva inizialmente dimostrato interesse a partecipare all’Eurovision Song Contest, iniziando, tra l’altro, le procedure per l’ingresso di 1FLTV, neonata televisione nazionale, nell’EBU-UER, in modo da poter esordire direttamente nel 2010. Tuttavia, a causa di problemi di ordine economico, l’esordio del Liechtenstein è stato posposto al 2011, anno in cui, secondo Peter Köbel, direttore della catena televisiva, sarà possibile la partecipazione del paese.
  • Lussemburgo – Fin dall’inizio di settembre, la catena nazionale RTL aveva mostrato interesse a ritornare a partecipare all’Eurovision Song Contest. A tale scopo, erano stati convocati quattro tra i più celebri autori e compositori europei, che avrebbero dovuto scrivere il brano da mandare ad Oslo, in rappresentanza del Gran Ducato. Il ritorno del paese sembrava quindi pressoché certo. Tuttavia, il 29 settembre, Alain Berwick, direttore della televisione nazionale, ha fermamente smentito qualsiasi intenzione di partecipare al festival nei prossimi anni.
  • Monaco – A causa della mancanza di fondi, il Principato di Monaco non è stato in grado di partecipare alla manifestazione.
  • Montenegro – A causa della difficile situazione finanziaria, RTCG, la televisione nazionale montenegrina, si è ritirata per raggiungere la stabilità economica del paese, dopo tre anni di indipendenza.
  • Repubblica Ceca – Ha parlato di scarso interesse nel paese per l’Eurovision Song Contest dopo il fallimento all’accesso in finale per tre anni consecutivi.
  • San Marino – Nonostante la ferma intenzione di ritornare a gareggiare, il Congresso nazionale non ha stanziato fondi a favore della partecipazione sammarinese. Già ad inizio ottobre erano iniziate le contrattazioni con Paola e Chiara, che avrebbero dovuto rappresentare il paese nel caso in cui questo fosse stato presente ad Oslo.
  • Ungheria – Le forti difficoltà economiche che MTV, televisione magiara, si trova ad affrontare, che implicano un taglio di più del 50% del budget, non hanno consentito all’Ungheria di prendere parte alla gara.

Il budget messo a disposizione dal Ministero della Cultura e dalla stazione televisiva norvegese, NRK è di 17 milioni di euro, budget di molto inferiore a quello messo a disposizione dalla Russia, nel 2008, ma maggiore rispetto a quello di Helsinki, per l’Eurovision Song Contest 2007.

Ad una conferenza stampa, tenutasi ad Oslo il 27 maggio 2009, è stato annunciato che lo spettacolo si sarebbe tenuto nella città di Oslo, poiché, secondo l’emittente pubblica norvegese NRK, è l’unica città del paese con capacità ed infrastrutture adeguate. A giugno, poi, è stata scelta la Telenor Arena per la presentazione del festival.

L’11 ottobre 2009, la struttura delle votazioni delle semifinali fu cambiata affinché i risultati fossero determinati dalla combinazione del 50% dei voti delle giurie nazionali ed il 50% del televoto, consentendo di ovviare al problema del “block-vote” cioè del voto ai paesi vicini. I 10 paesi con i punteggi più alti in ogni semifinale si qualificarono per la finale e solo quelle, senza ripescaggi vari delle giurie capitati negli anni precedenti.

Questa è una nuova introduzione, rispetto ai metodi di votazione usati nel 2008 e nel 2009, quando nove paesi erano scelti esclusivamente dal televoto ed un paese dalla giuria internazionale. Un’altra innovazione consiste nell’apertura del televoto già dal momento delle esibizioni, per concedere un maggior tempo a disposizione per votare.

Quest’anno il televoto fu aperto sin dalla prima esibizione e non solo dal termine di tutte le esecuzioni dei cantanti in gara (quindi si può televotare da inizio show fino a 15 minuti dopo l’ultima canzone eseguita).

Un consistente numero di fan ha iniziato una campagna, sul sito di social network Facebook a favore del ritorno dell’orchestra all’Eurovision Song Contest di Oslo, per la prima volta dal 1998, alla quale hanno aderito più di 4.000 persone. L’orchestra, usata per la prima volta nel 1956, fu eliminata di fatto nel 1998 in seguito al rapido sviluppo tecnologico della musica, che ha reso l’utilizzo delle basi più utile. Il dibattito a proposito del ritorno dell’orchestra è sempre stato fervido, ma dal 1998 l’UER non ha cambiato i suoi piani.

Jan Fredrik Heyerdahl dalla Norsk Radio Orchestra ha affermato che sarebbe stato interessato a partecipare allo show l’anno successivo. Il tentativo di ripristino dell’orchestra, tuttavia, dovrà affrontare degli ostacoli, come il fatto che il numero di paesi partecipati è quasi raddoppiato, rispetto al 1998.

Così come avviene dalla creazione del sistema di semifinali, anche quest’anno i 39 paesi partecipanti sono distribuiti all’interno di 5 urne, da ognuna delle quali verranno estratti a sorte tre e quattro paesi: i primi tre gareggeranno nella prima semifinale, i secondi tre o quattro gareggeranno nella seconda. Il metodo delle urne è studiato in base alle votazioni regionali del passato ed ha per scopo “arginare” il fenomeno del block voting (paesi geograficamente o culturalmente vicini si votano a vicenda, oppure paesi dove c’è una considerevole percentuale di immigrati di altri paesi danno voti ai loro paesi d’origine).

Durante l’estrazione, ogni paese è stato collocato in una delle due semifinali e si esibirà tra i primi otto o tra i secondi nove.

Inoltre, ecco l’ordine dei paesi nell’annunciare i voti (i punti 1-7 a video, 8, 10 e 12 pronunciati dall’inviato): Romania, Irlanda, Germania, Serbia, Albania, Turchia, Croazia, Polonia, Bosnia, Finlandia, Slovenia, Estonia, Russia, Portogallo, Azerbaigian, Grecia, Islanda, Danimarca, Francia, Spagna, Slovacchia, Bulgaria, Ucraina, Lettonia, Malta, Norvegia, Cipro, Lituania, Bielorussia, Svizzera, Belgio, Regno Unito, Paesi Bassi, Israele, Macedonia, Moldavia, Georgia, Svezia, Armenia.

Lo spettacolo è stato trasmesso in ben 45 paesi. Oltre ai 39 paesi partecipanti, lo show è stato trasmesso anche in:

  • Australia: i tre show sono stati trasmessi dal canale SBS (Special Broadcasting Service) in orari diversi, a causa del fuso orario;
  • Kazakistan: così come negli anni passati, la televisione nazionale del Kazakistan ha trasmesso l’evento;
  • Kosovo: così come negli anni passati, la televisione RTK (Radio-Televizioni i Kosovës) ha trasmesso l’evento;
  • Montenegro: i tre show sono stati trasmessi dalla televisione nazionale RTCG;
  • Nuova Zelanda: i tre show sono stati trasmessi dal canale satellitare STRATOS in orari diversi, a causa del fuso orario;
  • Ungheria: nonostante il suo ritiro, la televisione magiara Duna TV ha trasmesso l’evento. 

Altri paesi, come l’Austria, che fin dal primo anno dopo il suo ritiro ha trasmesso l’evento in chiaro (l’anno scorso ha trasmesso soltanto le votazioni), il Liechtenstein, che intende esordire il prossimo anno, Andorra e Repubblica Ceca, ritiratisi quest’anno, non hanno trasmesso l’evento insieme a San Marino, Repubblica Ceca, Italia e Monaco.

È un Eurovision che comprende un evento storico per il concorso, e cioè la mancata qualificazione della Svezia in finale. Anna Bergendahl finisce undicesima nella seconda semifinale con This is my life: per un paese in cui l’Eurovision è preso molto sul serio, si tratta di un’onta inimmaginabile (e per lei di un brusco rallentamento della carriera).

Il 2010 è l’anno della Germania, che rivince per la prima volta dopo 28 anni e porta per la prima volta al successo una nazione facente parte delle Big 4, da quando è stata istituita la categoria. E’ Lena Meyer-Landrut, nota semplicemente come Lena, ad assoggettare la concorrenza con Satellite, a quota 246 punti (di questi, 9 sono stati i 12 punti).

Scritta da Julie Frost, John Gordon e Xyloman, Satellite registra un successo che, per una canzone prima all’Eurovision, non si vedeva da tanti anni. La canzone, tra primo posto e top 10, riscuote un grande successo in più di 15 Paesi.

Satellite attecchisce anche in Italia. Proprio così: la canzone, con una spinta non indifferente di vari blog, riesce ad issarsi fino al numero 17 delle classifiche di iTunes, e l’album di Lena, My Cassette Player, arriva fino al numero 15. Per una nazione che marca la sua assenza consecutiva numero 13, è tantissimo. Ma il meglio deve ancora venire…

Al secondo posto, troviamo il gruppo alternative rock dei maNga per la Turchia: We could be the same conquista 170 punti, registrando poi un certo successo sia con la canzone eurovisiva che con l’altro singolo associato, Fly to stay alive.

Il terzo posto è appannaggio di Paula Seling e Ovi per la Romania, con Playing with fire. Se per Ovi è un momento del tutto nuovo, per Paula Seling i 162 punti sono la conferma di un buon percorso svolto sul suolo patrio.

Alla vigilia, favorito era l’Azerbaigian con Drip Drop di Safura. Questa canzone è protagonista anche per l’attenzione postale attorno: il problema è che si possono anche ingaggiare Rupert Wainwright, che aveva lavorato con Michael Jackson, e JaQuel Knight, coreografo già con Beyoncé e Britney Spears, e usare vestiti tanto pregiati quanto costosi, ma il risultato finale non dipende dai soldi. O almeno, questo è ciò che dimostra il quinto posto finale di Safura, che non è nemmeno troppo fortunata, dal momento che in finale si esibisce per prima.

Per il Belgio, c’è il sesto posto di Tom Dice con Me and my guitar: è l’inizio di una carriera di buon livello per lui.

Settimo posto per la Grecia e per Giorgios Alkaios, cantante di buonissimo successo in patria (5 dischi di platino e 9 d’oro). Assieme ai suoi Friends, garantisce l’ennesimo buon risultato al Paese ellenico con OPA.

L’altro successo commerciale dell’Eurovision 2010 è Allez Olà Olé, portata sul palco da Jessy Matador per la Francia. La canzone finisce al 12° posto, ma raccoglie svariati consensi in giro per l’Europa, a giudicare dalle classifiche.

14° è Harel Skaat per Israele: la sua Milim si prende tutti e tre i Marcel Bezençon Awards: artista, compositore e sala stampa.

A parte il quarto posto della Danimarca, per i Paesi scandinavi l’anno si risolve in un mezzo disastro: out in semifinale Finlandia e Svezia, al 19° e 20° posto Islanda e Norvegia.

Al 15° posto, la Spagna porta Daniel Diges con Algo pequeñito. Sarebbe una posizione come un’altra, ma il fatto legato a questa canzone è diverso: durante l’esibizione di Diges, entra sul palco un invasore seriale é salito sul palco improvvisando una coreografia. Il “disturbatore” catalano Jimmy Jump, pseudonimo di Jaume Marquet Cot, uno che ha invaso qualsiasi cosa in più di 10 anni. Arriva così il caso rarissimo (ma non unico): a causa dell’invasione, a Diges è concesso di ripetere l’esecuzione della canzone nuovamente in coda alle esibizioni, dopo la Danimarca. Va comunque osservato che, per fortuna, Jimmy Jump non ha danneggiato persone o cose, ma si è limitato a “far parte” della coreografia che era stata studiata per Diges, prima di essere recuperato dalla sicurezza ed espulso dalla Norvegia, in cui non può far ritorno.

All’ultimo posto ci finisce nuovamente il Regno Unito, con That sounds good to me di Josh Dubovie. La carriera di Dubovie è talmente “segnata” da quell’ultimo posto che, tre anni dopo, decide di cambiare nome d’arte e diventare Josh James.

Come da tradizione ha aperto la finale il vincitore della passata edizione, Alexander Rybak, che ha cantato una versione modificata di Fairytale, insieme a un corpo di ballo.

L’interval act è stato interpretato dal duo hip hop norvegese Madcon, che ha preparato il più grande flash mob del mondo.

Mai come prima, all’edizione 2010 sono legate numerosissime controversie:

  • Azerbaigian: ad agosto sono sorte accuse contro il governo locale, reo di aver interrogato 42 cittadini che avevano votato, durante la finale dell’Eurovision Song Contest 2009, per l’Armenia, paese con il quale l’Azerbaigian si trova in conflitto. La stessa partecipazione dei due paesi caucasici è stata fortemente in dubbio: l’EBU-UER ha infatti preso in considerazione l’idea sanzionare l’Azerbaigian con la squalifica, che tuttavia non è stata applicata; il governo armeno, ritenendosi fortemente oltraggiato dall’applicazione di sanzioni così lievi nei confronti di atti di tale gravità, ha minacciato l’EBU-UER di ritirarsi. Il 13 dicembre è stato comunicato che l’Azerbaigian sarebbe stato sanzionato con € 2800 di multa.
  • Spagna TVE, la televisione nazionale spagnola, dopo aver ottenuto di poter televotare il giovedì, ha violato le regole relative alla trasmissione del programma, nel 2009: durante la seconda semifinale, alla quale i cittadini spagnoli avrebbero dovuto votare, le linee non sono state aperte, e lo spettacolo è andato in differita; e anche in finale non è stato possibile televotare per il pubblico iberico. In entrambi i casi, una giuria ha dato i voti, cosa questa possibile dal regolamento EBU-UER in caso di problemi tecnici col televoto. Il 13 dicembre è stato comunicato che la Spagna sarebbe stata sanzionata per la mancata diretta di giovedì. L’importo della multa non è però stato reso noto.

Anche la procedura di selezione ha conosciuto dei momenti controversi:

  • Durante il voto via internet, TVE ha squalificato diverse canzoni per violazione delle regole previste. Una, però, ha suscitato molto clamore: quella di Karmele Marchante (alias Pop Star Queen), collaboratrice del programma Sálvame diTelecinco, che aveva cantato l’entry freak “Soy un tsunami”, ed è stata eliminata per violazioni delle regole su data di rilascio della canzoni, contenuti politici, contenuti pubblicitari. La rete, che da tempo è dura polemica con TVE, ha protestato per molti giorni.
  • Durante la finale nazionale del 21 febbraio, uno dei partecipanti, John Cobra, ha insultato fortemente in pubblico presente in sala a causa dei fischi a lui diretti. Al termine della serata, la presentatrice Anne Igartiburu ha chiesto scusa al pubblico per “un actuación vergüenzosa” (uno spettacolo vergognoso), mentre tutti e cinque i membri della giuria hanno attribuito a Cobra il punteggio minimo, commentando negativamente il suo riprovevole comportamento.
  • Bielorussia: dopo la fine dell’Eurofestival 2009, Alexander Lukashenko ha espresso disappunto circa gli scarsi risultati del paese all’Eurofestival ed ha proposto un cambio di direzione: ciò implicava anche un cambio di canale. BTRC avrebbe quindi dovuto passare il testimone ad ONT, che tuttavia, non essendo ancora membro dell’EBU-UER, non avrebbe potuto organizzare una selezione nazionale per la selezione della canzone rappresentante. Ad ogni modo, dando quasi per scontato che entro dicembre il canale sarebbe riuscito a regolarizzare l’ingresso nell’EBU-UER, ONT ha organizzato il Музыкальный суд (Muzykal’nyj sud, Corte musicale). Il vincitore del concorso è risultato essere Artyom Mihalenko, con la canzone Don’t play in love. Tuttavia, il 12 dicembre, l’EBU-UER ha comunicato che la candidatura di ONT era stata bocciata e, conseguentemente, la canzone selezionata non avrebbe potuto rappresentare il paese all’Eurovision Song Contest 2010. Precedentemente, comunque, BTRC, considerando l’eventualità della mancata accettazione di ONT nell’EBU-UER, si era proposta di sostituire il nuovo canale nazionale. A gennaio, quindi, è stata organizzata una selezione interna. La canzone scelta originariamente per il gruppo selezionato, 3+2, è stata sostituita il 18 marzo.
  • Albania: dopo la vittoria di Juliana Pasha, al Festivali i Këngës, molti giornali locali hanno gridato allo scandalo, in quanto la favorita era Anjeza Shahini, seconda classificata. Al termine della serata, uno dei membri della giuria ha dato il punteggio massimo alla Shahini, provocando un lungo e fragoroso applauso, della durata di 4 minuti, che gli stessi presentatori non riuscivano a bloccare.
  • Paesi Bassi: il brano selezionato internamente è stato oggetto di forti critiche, sia perché presenta una melodia anni settanta, considerata retrò, sia perché presentata in lingua olandese, sia perché accusata di plagio. TROS (televisione nazionale), che ha preso il posto di NOS, non ha però preso provvedimenti, rendendo la scelta dei Paesi Bassi definitiva.
  • Grecia: il regolamento per la finale nazionale imponeva che le canzoni non fossero pubblicate prima del 5 marzo. Tuttavia, alcuni hacker sono riusciti ad impadronirsi delle demo delle canzoni di Katerine Avgoustakis e di Eleftheria Eleftheriou, forzando ERT a squalificare le due canzoni. Gli stessi hacker hanno poi minacciato di rendere noti i testi delle altre 7 canzoni nonché di pubblicare le demo. Per ovviare al problema, ERT ha deciso di anticipare la pubblicazione preventiva delle canzoni.
  • Slovacchia: inizialmente accusata di plagio, una commissione di professionisti ha analizzato il pezzo incriminato ed ha smontato le accuse.
  • Svezia: La canzone di Darin, “You’re out of my life”, è stata disponibile per il download su iTunes per diversi minuti. Ciò è avvenuto prima del 27 marzo, data di pubblicazione delle 32 canzoni partecipanti, ed ha fatto sorgere dubbi di legittimità sulla partecipazione del cantante che, seguendo il regolamento, sarebbe dovuto essere squalificato. Tuttavia, Darin ha potuto prendere parte alla finale. Domenica 21 febbraio, frammenti delle canzoni di Sibel e Peter Jöback sono stati uploadati su alcuni server p2p. Per evitare la squalifica delle due canzoni, si è deciso di pubblicare già da lunedì mattina tutti i frammenti delle 8 canzoni della quarta semifinale.
  • Lituania: la canzone selezionata è stata accusata di avere nel testo riferimenti a fatti di politica del passato; il verso incriminato è “We survived the reds and two world wars” (Siamo sopravvissuti ai rossi e a due guerre mondiali).
  • Portogallo: la vittoria di Filipa Azevedo è stata fortemente contestata dal pubblico portoghese presente in sala, che ha acclamato la seconda classificata, Catarina Pereira, precedentemente considerata la favorita, e che ha avuto i favori del televoto.
  • Ucraina: il 27 dicembre era stato selezionato internamente il cantante, Vasyl Lazarovich. Tale modalità è stata fortemente biasimata dalla maggior parte degli eurofans, che non la ritenevano democratica. Ad ogni modo, il 6 marzo è stata celebrata la finale nazionale con la quale è stata selezionata la canzone per Lazarovich. Pochi giorni dopo, le proteste, divenute sempre maggiori, e le elezioni presidenziali, hanno portato alla nomina di un nuovo presidente della televisione nazionale (NTU). Mercoledì 17 è stata organizzata una conferenza stampa, con la quale è stata convocata una nuova finale nazionale. Giovedì 18 si sono tenute le audizioni per la selezione dei 20 finalisti. Venerdì 19, i 20 brani selezionati sono stati trasmessi più e più volte su tutti i canali ucraini. Sabato 20 è stata trasmessa la finale (alla quale ha partecipato anche Vasyl Lazarovich con la canzone precedentemente selezionata), vinta dalla cantante Alyosha con la canzone “To be free”. Domenica 21 si è scoperto che la canzone selezionata infrangeva i regolamenti dell’EBU-UER, poiché pubblicata nel 2008 e per di più frutto di un plagio, da cui la squalifica di essa. Durante il meeting con tutte le delegazioni europee, tenutosi il 21 marzo, data limite per la presentazione di cantante e canzone, è stato deciso che all’Ucraina sarebbe stata concessa una proroga di 5 giorni per la scelta della canzone e di 7 giorni per la presentazione del video ufficiale. Il brano interpretato da Alyosha è stato quindi selezionato internamente, rendendo le accuse di “mancanza di democrazia” per la scelta interna di Vasyl Lazarovich assai contraddittorie.

Tabellone dei risultati:

Finale:

Scoreboard - Eurovision Song Contest 2010 Final

Prima Semi-Finale:

Scoreboard - Eurovision Song Contest 2010 Semi-Final (1)

Seconda Semi-Finale:

Scoreboard - Eurovision Song Contest 2010 Semi-Final (2)

L’Italia manca da 13 anni. Ma la fine del 2010 segnerà qualcosa.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...