Votazioni


The voting systems used in the Contest have changed throughout the years. The modern system has been in place since 1975, and is a positional voting system. Countries award a set of points from 1 to 8, then 10 and finally 12 to other songs in the competition — with the favourite song being awarded 12 points.[50]

Historically, a country’s set of votes was decided by an internal jury, but in 1997 five countries (Austria, Switzerland, Germany, Sweden and the United Kingdom) experimented with televoting, giving members of the public in those countries the opportunity to vote en-masse for their favourite songs. The experiment was a success,[51] and from 1998 onwards all countries were encouraged to use televoting wherever possible. Back-up juries are still utilised by each country, in the event of a televoting failure. Nowadays members of the public may also vote by SMS, in addition to televoting.[52]

The voting is presided over by the EBU scrutineer, who is responsible for ensuring that all points are allocated correctly and in turn. The scrutineer is notified in advance of the results of the last five countries in the running-order of voting, to ensure that no foul play can take place in the form of tactical voting; where for example a country could change its votes after seeing how the trend has gone before them on the scoreboard.[37]

According to one study of Eurovision voting patterns, certain countries tend to form “clusters” or “cliques” by frequently voting in the same way.[10] Yet another study concludes that as of 2006 voting blocs has, on at least two occasions, crucially affected the outcome of the contest.[11]

Presentation of votes

After the interval act is over, when all the points have been calculated, the presenter(s) of the show call upon each voting country in turn to invite them to announce the results of their vote. Prior to 1994 the announcements were made over telephone lines; with the audio being piped into the auditorium for the audience to hear, and over the television transmission. With the advent of more reliable satellite networks, from 1994 onwards voting spokespeople have appeared on camera from their respective countries to read out the votes.[citation needed] Often the opportunity is taken by each country to show their spokesperson standing in front of a backdrop which includes a famous place in that country.

Votes are read out in ascending order, culminating with the maximum 12 points. The scores are repeated by the Contest’s presenters in English and French, which has given rise to the famous “douze points” exclamation when the host repeats the top score in French.[37] Traditionally votes are read in English by all countries except for France and Belgium.

From 1957 to 1962, the participating countries were called in reverse order of the presentation of their songs, and from 1963 to 2003, each country was called in the same order in which their song had been presented. Since 2004, the order of the countries’ announcements of votes has changed since the inception of the semi-final, and the countries that did not make it to the final each year could also vote. In 2004, the countries were called in alphabetical order (according to their ISO codes).[53] In 2005, the votes from the non-qualifying semi-finalists were announced first, in their running order on the Thursday night; then the finalists gave their votes in their own order of performance. Between 2006 and 2010, a separate draw was held to determine the order in which countries would present their votes.[54] In 2011, the voting order was determined by the results of a jury the day before the final so as to create as much suspense as possible when the votes were revealed.[55]

From 1971 to 1973, each country sent two jurors, who were actually present at the Contest venue (though the juries in 1972 were locked away in the Great Hall of Edinburgh Castle) and announced their votes as the camera was trained on them. In 1973 one of the Swiss jurors made a great show of presenting his votes with flamboyant gestures. This system was retired for the next year.[51]

In 1956 no public votes were presented: a closed jury simply announced that Switzerland had won.[citation needed] From 1957 to 1987, the points were displayed on a physical scoreboard to the side of the stage. As digital graphic technology progressed, the physical scoreboards were superseded in 1988 by an electronic representation which could be displayed on the TV screen at the will of the programme’s director.[56]

In 2006, the EBU decided to conserve time during the broadcast—much of which had been taken up with the announcement of every single point—because there was an ever-increasing number of countries voting. From then onwards, the points from 1–7 were flashed up onto the screen automatically, and the announcers only read out the 8, 10 and 12 points individually.[54]

Ties for first place

In 1969, a tie-break system had not yet been conceived, and four countries all tied for first place based on their total numbers of points: France, Spain, the Netherlands and the United Kingdom. Since there was no predetermined set of rules to decide the winner, all four countries were declared as winners. This caused much discontent among most of the non-winning countries, and mass-walkouts were threatened. Finland, Norway, Sweden and Portugal did not participate in the 1970 Contest as a protest against the results of the previous year. This prompted the EBU to introduce a tie-break rule.[57][58]

In the event of a tie for first place at the end of the evening, a count is made of the total number of countries who awarded any points at all to each of the tied countries; and the one who received points from the most countries is declared the winner. If the numbers are still tied, it is counted how many sets of maximum marks (12 points) each country received. If there is still a tie, the numbers of 10-point scores awarded are compared—and then the numbers of 8-points, all the way down the list. In the extremely unlikely event of there then still being a tie for first place, the song performed earliest in the running order is declared the winner, unless the host country performed first in the running order. The same tie-break rule now applies to ties for all places.[22]

As of 2011, the only time since 1969 when two or more countries have tied for first place on total points alone was in 1991, when France and Sweden both totalled 146 points. In 1991 the tie-break rules did not include counting the numbers of countries awarding any points at all to these countries, but began with tallying up the numbers of 12 points awarded. Both France and Sweden had received four sets of 12 points. However, because Sweden had received more sets of 10 points, they were declared the winners. Had the current rule been in play, France would have won instead.[51]

Nel corso degli anni il regolamento della manifestazione ha subito diverse modifiche. Di seguito sono qui riportate alcune delle regole attualmente in vigore.

I paesi che partecipano all’Eurovision Song Contest possono selezionare cantanti senza vincoli di nazionalità, ad esempio nel 1988 la Svizzera vinse con la cantante canadese Céline Dion, ma ovviamente le tv possono privilegiare artisti autoctoni. Anche la modalità di selezione è libera, così alcuni paesi optano per una selezione interna mentre in altri viene organizzato un festival apposito, come ad esempio lo storico Melodifestivalen svedese o il Melodi Grand Prix norvegese.

I cantanti devono avere almeno 16 anni di età, e sul palco non sono consentite più di 6 persone (neanche per i gruppi). Per quanto riguarda la canzone presentata queste sono alcune delle regole in vigore, valide per tutti i paesi:

  • non deve durare più di 3 minuti;
  • può essere di qualunque genere e cantata in qualunque lingua, anche inventata (e anche qui le tv possono imporre le lingue ufficiali dei loro paesi);
  • non può essere cover o ispirata ad altro brano edito, pena la squalifica;
  • deve essere pubblicata non prima di un certo periodo prima del festival (solitamente non prima del 1º settembre dell’anno precedente a quello dello svolgimento della gara), e deve essere presentata insieme ad un video;
  • non deve avere una scenografia o una coreografia controversa (in particolare sono vietati gli animali);
  • non deve avere contenuti politici, pubblicitari, o offensivi.

Il festival si svolge rigorosamente in una settimana di maggio ed è introdotto come tutti i programmi in Eurovisione dal Te Deum di Charpentier. La finale deve essere obbligatoriamente trasmessa in diretta, mentre per le semifinali è sufficiente dal 2008 la trasmissione in diretta di quella di competenza del paese. Dal 1999 sono previsti, per le televisioni che volessero introdurli, degli spazi per inserire gli annunci pubblicitari e si può anche non trasmettere l’Interval Act.

Fino all’edizione del 2003 compresa la manifestazione si articolava in un’unica serata finale. Per limitare il numero di partecipanti l’UER ha in alcuni casi effettuato una preselezione, ma più spesso usava le “retrocessioni” (cioè la non partecipazione per un anno alle ultime classificate). Dal 2004 al 2007 compreso è stata introdotta una semifinale che si è svolta due (nel 2004 tre) giorni prima della finale. Alla finale avevano direttamente accesso i cosiddetti Big Four (Francia, Germania, Spagna e Regno Unito) per il loro maggiore contributo finanziario, il paese ospitante, i nove migliori paesi della precedente edizione e i dieci vincitori della semifinale, per una finale a 24. In entrambe le serate votavano tutti i paesi.

Dal 2008, visto l’alto numero di paesi, il regolamento prevede due semifinali a cui partecipano tutti i paesi ad eccezione dei Big (che diventano Five nel 2011 con il ritorno dell’Italia) e del paese ospitante che accedono direttamente alla finale, che passa a 26 (o 25 se l’ospitante è una Big).

Nel corso degli anni anche il sistema di votazione ha subito alcune modifiche. Dal 1975 è entrato in vigore l’attuale sistema di assegnazione dei punteggi: ogni paese assegna un certo numero di punti alle 10 canzoni preferite: da 1 a 7 punti rispettivamente dalla decima alla quarta, 8 punti alla terza, 10 alla seconda e 12 alla prima, da cui la famosa frase “douze points”. Ogni paese non può votare per la propria canzone.

Inizialmente la votazione era effettuata da giurie. Dal 1997 è stato sperimentato il televoto che è entrato ufficialmente in vigore l’anno successivo per tutte le nazioni. Esistono comunque giurie di riserva che assegnano i punti nel caso il televoto non dovesse funzionare. A seguito delle critiche sul sistema di votazione, nell’edizione 2009 sono state reintrodotte le giurie solo nella serata finale, il cui punteggio ha pesato per il 50% sul punteggio finale, mentre il 50% dei punti è stato assegnato in base al risultato del televoto; anche in questo caso se il secondo sistema non funziona un paese può usare solo il primo.

Al termine delle semifinali vengono annunciati senza un ordine particolare i paesi che in base ai punteggi ottenuti hanno avuto accesso alla finale. I punteggi e la classifica delle semifinali vengono resi noti solo dopo la serata finale. In queste due serate dal 2010 si usano come per la finale televoto e giurie, sempre con peso del 50%, e votano solo i paesi coinvolti in quella rispettiva, più due o tre qualificati di diritto sorteggiati. Ad esempio la Svezia e la Germania nel 2009 hanno potuto votare solo di martedì e non di giovedì.

Lo show televisivo della finale dura poco più di 3 ore (le semifinali 2), segue un rigido protocollo, e si usa come lingua l’inglese, con alcuni inserti di francese (lingue ufficiali dell’UER), più anche la lingua del paese ospitante. Tranne che nel 2010 e 2011 (dove si è votato fin dalla prima canzone). è possibile televotare in uno spazio di 15′ poco dopo l’ultima canzone, ed esso è annunciato dalla frase “Europe, start voting now!”. Nella finale tutti i paesi partecipanti hanno diritto di voto, compresi quelli che sono stati eliminati nelle semifinali. L’ordine di presentazione dei voti dal 2006 al 2010 è stato deciso per sorteggio: dopo l’esibizione di tutti i cantanti e scaduto il tempo per la votazione i presentatori della manifestazione si collegano ad uno ad uno con tutti i paesi partecipanti, che dichiarano il risultato delle votazioni nel proprio paese. Inizialmente il collegamento era telefonico, attualmente è in video. Anche la dichiarazione dei voti ha subito delle modifiche dovute all’alto numero di paesi partecipanti. Inizialmente ogni paese dichiarava tutti i punteggi partendo dal basso e ogni punteggio doveva essere ripetuto per regolamento dal presentatore in inglese e francese, ma dal 2004 viene ripetuto il punteggio solo nella lingua non usata da chi si collegava (es. la Francia usa il francese e i voti sono ripetuti solo in inglese); dal 2006, per sveltire la procedura, i primi sette voti vengono mostrati in video e solo i tre punteggi massimi (8, 10 e 12) vengono dichiarati. Dal 2011, l’ordine in cui vengono chiamate le nazioni è basato su un particolare algoritmo sviluppato dalla tv norvegese NRK che tiene conto dei voti delle giurie, cercando di mantenere il più possibile in bilico il risultato finale.

Il paese che ottiene più punti vince l’Eurovision Song Contest e acquisisce l’invito a organizzare l’edizione successiva. In alcune edizioni il paese vincitore ha rinunciato all’organizzazione.

Il regolamento inizialmente non prevedeva il caso di parità. A causa del pareggio a quattro nell’edizione del 1969 e le critiche successive (alcuni paesi non parteciparono per protesta all’edizione successiva) il regolamento fu modificato e fu deciso che in caso di parità il paese con il maggior numero di 12 punti ricevuti sarebbe stato il vincitore. In caso di ulteriore parità si sarebbe deciso in base al numero di 10 punti ricevuti, eventualmente 8, 7 e così via fino a dichiarare il paese vincitore. Questa regola fu applicata nel 1991 in Italia assegnando la vittoria alla Svezia, che si trovava a pari punteggio con la Francia. Il regolamento fu successivamente modificato e la vittoria viene assegnata al paese che ha ricevuto punti dal maggior numero di paesi. Solo in caso di parità si procede al conteggio dei 12 punti, eventualmente dei 10 punti e così via. Con l’attuale regolamento la vittoria del 1991 sarebbe stata assegnata alla Francia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...