Origini e Storia dello JESC


Le origini del concorso data dal 2000, quando l’emittente pubblica danese Danmarks Radio (DR) organizzò un concorso di canzoni per bambini danesi. L’idea è stata estesa ad un festival della canzone scandinavo nel 2002, MGP Nordic (Melodi Grand Prix Nordic), con Danimarca, Norvegia e Svezia come partecipanti.  L’EBU-UER si ispirò a questa gara  canora con i bambini e organizzò un concorso simile a livello pan-europeo. Il titolo del programma era “Eurovision Song Contest for Children”, chiaro riferimento al popolare Eurovision Song Contest. La Danimarca chiese di ospitare la prima edizione del 2003, dopo la loro esperienza con il MGP Nordic (Melodi Grand Prix Nordic). 

La ‘ragazza che canta’ che faceva parte del logo tra il 2003 e il 2007. Di seguito il logo dello Junior Eurovision Song Contest utilizzato tra il 2008-2014.

Dopo un primo concorso di successo, il secondo ebbe una realizzazione turbolenta. La seconda edizione del concorso in origine si doveva tenere nel Regno Unito, organizzato dall’emittente britannica ITV a Manchester. L’ITV però vi ha rinunciato per problemi economici. Si ritenne che la decisione fu presa per un altro fattore, il calo degli indici di ascolto degli anni precedenti della ITV fosse al di sotto del previsto. L’EBU-UER quindi offrì l’evento all’emittente pubblica croata HRT, che aveva vinto la gara precedente (la prima edizione), ma in un secondo momento è emerso che HRT non aveva prenotato per tempo il luogo in cui la gara avrebbe avuto luogo.  Fu a questo punto, a soli cinque mesi dall’evento, che l’emittente pubblica norvegese NRK è intervenuta per ospitare il concorso a Lillehammer. 

Da allora, per evitare questo tipo di problemi, sono i vari paesi a candidarsi per l’evento (le emittenti che avevano intenzione di ospitare il concorso avrebbero dovuto farne richiesta all’EBU-UER). Il Belgio fu il primo paese a farlo e ospitò il concorso nel 2005.

Tutte le edizioni dello JESC sono state trasmesse in formato 16:9 widescreen e in alta definizione, e come l’Eurovision Song Contest hanno avuto anche un CD con le canzoni dell’edizione. Tra il 2003 e il 2006, sono stati prodotti dei DVD con l’intera edizione del concorso, anche se è stata poi cancellata la produzione per lo scarso interesse.

A partire dal 2008, il vincitore del concorso è deciso per il 50% dal televoto e per il restante 50% dal voto della giuria nazionale. I vincitori di tutti i concorsi precedenti erano stati decisi esclusivamente dal televoto. Tra il 2003 e il 2005 gli spettatori hanno avuto circa 10 minuti per votare dopo l’esecuzione di tutte le canzoni. Tra il 2006 e il 2010 le linee per il televoto sono state aperte durante tutto il programma, sin dall’inizio. A partire dal 2011 gli spettatori votano dopo l’esecuzione di tutti i brani. I profitti realizzati dal televoto durante le gare 2007 e 2008 sono stati tutti donati all’UNICEF. Dal 2016 è abolito il televoto, e a giudicare le canzoni saranno due giurie di adulti e bambini.

Prima del 2007, un’emittente che non trasmetteva in diretta l’evento rischiava una multa. Ora non sono più tenute a farlo, e possono trasmettere in differita in un orario che è più appropriato per una trasmissione televisiva per bambini.

Il concorso del 2007 è stato il soggetto del documentario del 2008 ‘Sounds Like Teen Spirit: A Popumentary’. Il film ha seguito diversi concorrenti durante il loro percorso verso le finali nazionali e all’interno del rush finale del concorso, è stato mostrato al Toronto International Film Festival del 2008 ed è stato proiettato a Gand ed a Limassol dove si è svolto il concorso del 2008.

The ‘singing girl’ who formed part of the contest logo between 2003–2007. The Junior Eurovision Song Contest logo used between 2008–2014.

Origins and history: The origins of the contest date back to 2000 when Danmarks Radio held a song contest for Danish children that year and the following year. The idea was extended to a Scandinaviansong festival in 2002, MGP Nordic, with Denmark, Norway and Sweden as participants. The EBU-UER picked up the idea for a song contest featuring children and opened the competition to all EBU-UER member broadcasters making it a pan-European event. The working title of the programme was “Eurovision Song Contest for Children”, branded with the name of the EBU-UER’s already popular song competition, the Eurovision Song Contest. Denmark was asked to host the first programme after their experience with their own contests and the MGP Nordic.

After a successful first contest, the second faced several location problems. The event originally should have been organised by British broadcaster ITV in Manchester. ITV then announced that due to financial and scheduling reasons, the contest would not take place in the United Kingdom after all. It is also thought that another factor to their decision was the previous years’ audience ratings for ITV which were below the expected amount. The EBU-UER approached Croatian broadcaster HRT, who had won the previous contest, to stage the event in Zagreb; though it later emerged that HRT had ‘forgotten’ to book the venue in which the contest would have taken place. It was at this point, with five months remaining until the event would be held, that Norwegian broadcaster NRK stepped in to host the contest in Lillehammer.

Broadcasters have had to bid for the rights to host the contest since 2004 to avoid such problems from happening again. Belgium was therefore the first country to successfully bid for the rights to host the contest in 2005.

All contests have been broadcast in 16:9 widescreen and in high definition. All have also had a CD produced with the songs from the show. Between 2003 and 2006, DVDs of the contest were also produced though this ended due to lack of interest.

As of 2008, the winner of the contest is decided by 50% televote and 50% national jury vote. The winners of all previous contests had been decided exclusively by televoting. Between 2003 and 2005 viewers had around 10 minutes to vote after all the songs had been performed. Between 2006 and 2010 the televoting lines have been open throughout the programme. Since 2011 viewers vote after all the songs had been performed. Profits made from the televoting during the 2007 and 2008 contests were donated to UNICEF.

Prior to 2007, a participating broadcaster’s failure in not broadcasting the contest live would incur a fine. Now broadcasters are no longer required to broadcast the contest live, but may transmit it with some delay at a time that is more appropriate for children’s television broadcast.

The 2007 contest was the subject of the 2008 documentary Sounds Like Teen Spirit: A Popumentary. The film followed several contestants as they made their way through the national finals and onto the show itself. It was shown at the Toronto International Film Festival 2008 and was premiered in Ghent, Belgium and Limassol, Cyprus where the 2008 contest was held.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...