SANREMO 2000-2009 – STORIA E STORIE DEL FESTIVAL


SANREMO IN PILLOLE 

  • SANREMO 2000

Presentano: Fabio Fazio con Ines Sastre, Luciano Pavarotti e Teo Teocoli
Canzone vincitrice: “Sentimento”, cantata da Piccola Orchestra Avion Travel

– Il Festival del Cinquantenario è affidato per la seconda volta a Fabio Fazio, affiancato da Teo Teocoli, dalla modella Ines Sastre e da Luciano Pavarotti

– Luciano Pavarotti è protagonista della sigla in cui canta “Nessun dorma”, mentre le immagini ci ricordano i vincitori delle precedenti edizioni

– Celebrazioni: applausi calorosi per Nilla Pizzi, la prima vincitrice del Festival di Sanremo. In occasione del cinquantenario riceve un premio speciale

– Le star: numerosi i super ospiti internazionali, tra cui Tina Turner, Bono Vox, Sting, Eurythmics e Robbie Williams che, dopo la sua esibizione, rientra sul palco per salutare Pavarotti inchinandosi ai suoi piedi

– La passerella per gli artisti allestita anche quest’anno davanti al Teatro Ariston manda in delirio folla e fotografi

– Polemiche: Umberto Tozzi, uno dei big in gara, critica duramente Lucio Dalla, Jovanotti, Antonello Venditti e Fiorella Mannoia, gli artisti italiani presenti al Festival in veste solo di super ospiti

– Il tormentone: nel corso di tutte le serate della kermesse, Teo Teocoli bacia appassionatamente una violinista dell’orchestra

– Imprevisti: durante la terza serata Max Gazzè è costretto a sospendere l’interpretazione del suo brano per motivi tecnici

– Il Dopo Festival è condotto da Alessia Marcuzzi e i Fichi d’India

– Tra le altre canzoni del Festival: La tua ragazza sempre (Irene Grandi), Replay (Samuele Bersani), Innamorato (Gianni Morandi), In bianco e nero (Carmen Consoli) e Tutti i miei sbagli(Subsonica)

  • SANREMO 2001

Presentano: Raffaella Carrà con Megane Gale e Massimo Ceccherini 
Canzone vincitrice: “Luce”, cantata da Elisa

– Le star: Ricky Martin, Antonio Banderas, Anastacia, Enya e il gladiatore… Russell Crowe. Tante però le defezioni eccellenti: da Tom Hanks a Tom Cruise, da Julia Roberts a Stallone

– Lo pseudoscandalo: Eminem, il trasgressivo rapper americano, è preceduto da un mare di polemiche per i testi delle sue canzoni. Sul palco dell’Ariston invece filerà tutto liscio

– Finto scandalo: provocazione mal riuscita quella dei Placebo. Il leader Brian Molko spacca una chitarra sul palco e si allontana con un gestaccio al pubblico. E il pubblico reagisce con un coro di… scemo… scemo!

– Bambini a Sanremo: tra i giovani trionfano i baby Gazzosa. Età media: 14 anni

– Il Flop: gli ascolti penalizzano il Festival, nonostante il fortunato intervento di Fiorello in una delle serate, e Raffaella ammette pubblicamente la sconfitta

– L’esordio: Fabio Concato partecipa per la prima volta al Festival, con una canzone dedicata alla moglie

– Tra gli ospiti internazionali la Carrà chiama la sconosciuta ucraina Katia Bujinska. Alla fine neanche va in onda perché gli ascolti precipitano, e viene dirottata al Dopo Festival

– È proprio in occasione del Festival di Sanremo che Elisa, vincitrice di questa edizione, inizia a cantare in italiano

– Il Dopo Festival è condotto da Enrico Papi e Gianni Ippoliti

– Tra le altre canzoni del Festival: Di sole e d’azzurro (Giorgia), L’assenzio (Bluvertigo), Saluto l’inverno (Paola Turci), Sono contento (Alex Britti), Stai con me (Gazosa), Raccontami(Francesco Renga)

  • SANREMO 2002

Presentano: Pippo Baudo con Manuela Arcuri e Vittoria Belvedere
Canzone vincitrice: “Messaggio d’amore”, cantata dai Matia Bazar

– Ritorni: dopo 5 anni di assenza, il Festival viene nuovamente affidato a Pippo Baudo in qualità di presentatore e Direttore artistico. Anche Fiorello torna sul palco dell’Ariston dopo il successo dell’anno precedente ed affianca il Pippo nazionale nella prima serata

– La polemica: l’annunciato ritorno di Benigni. Giuliano Ferrara fonda addirittura il comitato Bo.Be (Boicottate Benigni), già immaginando un monologo antiberlusconiano. Benigni, vero mattatore della serata finale, parla invece di amore, canta Quanto t’ho amato e recita Dante

– Il tormentone: con il ritorno di Pippo alla conduzione del Festival torna anche il famoso slogan “Perché Sanremo è Sanremo!”

– Il casus: Loredana Bertè sul palco dimentica le parole della canzone e cambia dei versi rischiando la squalifica

– La commozione: l’abbraccio tra Baudo e la Bertè alla fine dalla sua interpretazione

– Bambini a Sanremo: come l’anno precedente, che aveva visto trionfare i Gazosa, anche in questa edizione a spuntarla tra le Nuove Proposte è una minorenne, la quindicenne Anna Tatangelo

– Il Dopo Festival è condotto da: Simona Ventura e Francesco Giorgino, con interventi comici di Maurizio Crozza, Gianni Ippoliti e Gene Gnocchi

– Tra le altre canzoni del Festival: Dimmi come (Alexia), Un altro amore (Gino Paoli), Salirò(Daniele Silvestri), Tracce di te (Francesco Renga), Doppiamente fragili (Anna Tatangelo)

  • SANREMO 2003

Presentano: Pippo Baudo con Serena Autieri e Claudia Gerini 
Canzone vincitrice: “Per dire di no”, cantata da Alexia

– Facendo riferimento a quanto stava avvenendo in Iraq in quei giorni, Pippo Baudo apre la prima serata del Festival con un messaggio di pace. Le altre serate sono caratterizzate da “aperture a sorpresa”con personaggi del calibro di Mike Bongiorno, Valentino Rossi, Mario Cipollini

– Luciana Littizzetto, grande mattatrice di questa edizione, balla un lento con Pippo Baudo e lo bacia appassionatamente sulla bocca

– Le star: tra gli ospiti internazionali di questa edizione Sharon Stone, Carla Bruni e Peter Gabriel, che torna a Sanremo dopo vent’anni cantando dall’interno di un’enorme bolla

– Il brano “Nessuno tocchi Caino” di Andrea Mirò e Enrico Ruggeri è ispirato alla storia di Leroy Orange, condannato ingiustamente per un reato che non aveva commesso e rimasto nel braccio della morte 19 anni prima di essere graziato

– Grandi ritorni: a 35 anni di distanza dalla sua prima ed unica partecipazione al Festival, Giuni Russo torna sul palco dell’Ariston con Morirò d’amore. Sarà la sua ultima apparizione al Festival. Giuni Russo scomparirà nel 2004

– Curiosità: fa parlare di sé Iva Zanicchi che, forse per paura di non ricordare il testo della sua canzone, lo appunta sul palmo della mano

– Ancora bambini a Sanremo: la partecipazione della sedicenne Verdiana e soprattutto quella della dodicenne Alina, la più giovane cantante nella storia del Festival, destano numerose polemiche

– Il Dopo Festival è condotto da Giancarlo Magalli e Michelle Bonev

– Tra le altre canzoni del Festival: 7000 caffè (Alex Britti), Tutto quello che un uomo (Sergio Cammariere), Siamo tutti là fuori (Dolcenera)

  • SANREMO 2004

Presentano: Simona Ventura con Paola Cortellesi, Maurizio Crozza e Gene Gnocchi
Canzone vincitrice: “L’uomo volante”, cantata da Marco Masini

– Per la prima volta la Direzione artistica è affidata a Tony Renis

– È un Festival iniziato e finito tra le polemiche. Via la maggior parte delle case discografiche e i relativi cantanti in scuderia, arriva una vagonata di nomi non noti

– Si parla di grandi ospiti, ma non arrivano. La serata finale sul palco però ci sarà Adriano Celentano

– Simona Ventura non è d’accordo con Tony Renis in merito alla presenza del sassofonista Francesco Cafiso, perché minorenne. Alla fine ha la meglio Tony Renis. Il pubblico riserva una vera ovazione al ragazzino

– Non previste né distinzioni di categoria, né giurie, né eliminazioni: unico giudice il pubblico da casa, attraverso il televoto

– I 22 cantanti in gara sfilano sul palco con un adesivo raffigurante un canguro, una sorta di tormentone comico introdotto dalla Gialappa’s Band 

– Il casus: il ballerino spagnolo Joaquim Cortes se ne va furioso decidendo di non esibirsi, perché la sua esibizione nella serata finale slitta di ben due ore 

– Il DopoFestival è condotto da Bruno Vespa che, in diretta dal Teatro del Casinò, conduce unPorta a Porta-Speciale Sanremo

– Il vincitore Marco Masini dedica la sua vittoria a Mia Martini

– Tra le altre canzoni del Festival: Crudele (Mario Venuti), Lavoro inutile (Omar Pedrini), Le ore piccole (Neffa)

  • SANREMO 2005

Presentano: Paolo Bonolis con Antonella Clerici e Federica Felini
Canzone vincitrice: “Angelo”, cantata da Francesco Renga

– Prima volta al Festival per Paolo Bonolis, affiancato da Antonella Clerici

– In un primo momento la Direzione artistica era stata affidata a Paolo Bonolis e Pippo Baudo, ma poi quest’ultimo decide di rinunciare. Bonolis è quindi anche Direttore artistico, affiancato da Gianmarco Mazzi nella veste di Direttore artistico musicale

– Nuovo regolamento per questa edizione: divisione dei Big in quattro categorie (Uomini, Donne, Gruppi, Classic) e reintroduzione, dopo anni, delle eliminazioni

– Il vincitore assoluto del Festival è stabilito dal televoto fra i 4 vincitori delle categorie dei Big (Uomini : Angelo, Francesco Renga / Donne : Echi d’infinito, Antonella Ruggiero / Gruppi: Che mistero è l’amore, Nicky Nicolai & Stefano Di Battista Quartet / Classic : Come noi nessuno al mondo, Toto Cutugno e Annalisa Minetti) e il vincitore dei Giovani (Non credo nei miracoli, Laura Bono)

– La buca: dopo 29 anni l’orchestra si sposta nella buca per consentire la presenza di ospiti seduti sul palco

– È l’edizione che porta il Talk sul palco di Sanremo con personaggi speciali: giornalisti, opinionisti, sportivi ed artisti

– Tra gli ospiti internazionali spiccano lo spumeggiante e poliedrico Will Smith, Hugh Grant, protagonista di una simpatica gag con Antonella Clerici in veste inedita di “cantante”, e lo sportivo Mike Tyson, preceduto da numerose polemiche a causa delle sue note vicende giudiziarie

– Curiosità: il caso Povia. La sua “I bambini fanno oh” non è ammessa in gara perché già eseguita in pubblico. Bonolis vuole però fortemente Povia, e Povia arriva in qualità di ospite. La sua canzone rimarrà al primo posto in hit parade per ben 20 settimane, vincendo 7 dischi di platino

– Emozioni: durante la prima e la quarta serata Bonolis dà l’annuncio della scomparsa di Alberto Castagna e ricorda l’agente del SISMI Nicola Calipari, ucciso a Baghdad mentre scortava la giornalista Giuliana Sgrena, appena liberata dai sequestratori

– Tra le altre canzoni del Festival: Da grande (Alexia), Ovunque andrò (Le Vibrazioni), Mentre tutto scorre (Negramaro), Che farò (La Differenza)

  • SANREMO 2006

Presentano: Giorgio Panariello con Victoria Cabello e Ilary Blasi
Canzone vincitrice: “Vorrei avere il becco”, cantata da Povia

– Per la prima volta Giorgio Panariello alla conduzione del Festival

– Si mantiene la formula dell’anno precedente con la divisione in quattro categorie

– I vincitori: Per la categoria uomini, Povia con “Vorrei avere il becco”. Per la categoria donne, Anna Tatangelo con “Essere una donna”. Per la categoria gruppi: I Nomadi con “Dove si va”. Per la categoria giovani: Riccardo Maffoni con “Il sole negli occhi”. Il vincitore assoluto del Festival, scelto attraverso il Televoto, è Povia con “Vorrei avere il becco”

– Nella quarta serata i venti campioni ripropongono la loro canzone in versione riadattata, affiancati da artisti ospiti italiani o stranieri: tra gli altri Michele Zarrillo accompagnato da Tiziano Ferro, Nicky Nicolai da Giovanni Allevi, I Nomadi da Roberto Vecchioni

– Misteri e polemiche accompagnano Anna Oxa. Niente foto, sito internet oscurato, niente pubblicazione del testo… Un silenzio voluto che riesce a far parlare. La sua canzone è inoltre molto lunga e provoca malumori tra gli artisti che invece hanno dovuto accorciare la loro

– A Riccardo Cocciante consegnato il Premio Città di Sanremo

– Collaborazioni eccellenti: l’allestimento della scenografia viene affidato al premio Oscar Dante Ferretti. Si tratta di un work in progress, una scenografia che si compone di serata in serata per completarsi soltanto in occasione dell’ultimo appuntamento

– Tra gli ospiti dell’ultima serata: Giancarlo Giannini, Negramaro, Laura Pausini, Andra Bocelli, Eros Ramazzotti, Anastacia

– Tra le altre canzoni del Festival: Solo con te (Alex Britti), Com’è straordinaria la vita(Dolcenera), Svegliarsi la mattina (Zero Assoluto).

  • SANREMO 2007

Presentano: Pippo Baudo con Michelle Hunziker
Canzone vincitrice: “Ti regalerò una rosa”, cantata da Simone Cristicchi

– Curiosità: ad aprire la serata finale del Festival è Mike Bongiorno che, in quest’edizione, viene superato da Baudo nel numero di Festival condotti. Dopo una simpatica gag i due presentatori intonano insieme “La coppia più bella del mondo”

– La scenografia é caratterizzata da videowall ed animazioni, con il ritorno dell’orchestra sul palco

– Emozioni: Michelle Hunziker canta “Adesso tu” dell’ex marito Eros Ramazzotti, dedicando la canzone alla loro figlia. Nel corso delle varie serate si esibirà anche in numeri di musical già da lei interpretati in teatro, come Cabaret e Tutti insieme appassionatamente

– Due le categorie in ara: “Giovani” e “Campioni”

– I vincitori: per la categoria Campioni, Simone Cristicchi (che si merita anche il Premio della critica) con “Ti regalerò una rosa”, suggestiva canzone sulla follia. Per la categoria Giovani, Fabrizio Moro con la sua “Pensa”, brano sulla mafia

– La sorpresa: il terzo posto di Piero Mazzocchetti, cantante dal sapore lirico, vera e propria star in Germania ma ancora pressoché sconosciuto al grande pubblico italiano

– Il DopoFestival è presentato da Piero Chiambretti con l’imitatrice Gabriella Germani, la modella Marina Dior, il cantante Gennaro Cosmo Parlato e Momo, esclusa dalla gara, con il suo tormentone Fondanela

– Tra le altre canzoni del Festival: La Paranza (Daniele Silvestri), Il terzo fuochista (Tosca),Amami per sempre (Amalia Gré), Meglio così (Johnny Dorelli)

  • SANREMO 2008

Presentano: Pippo Baudo con Piero Chiambretti, Bianca Guaccero e Andrea Osvárt
Canzone vincitrice: “Colpo di fulmine”, cantata da Giò Di Tonno e Lola Ponce

– Due le categorie in gara: “Campioni” e “Giovani”

– Sono trascorsi 50 anni da “Nel blu dipinto di blu”, e il Festival la ricorda con Gianni Morandi

– Squalifica: all’indomani della prima esibizione, Loredana Bertè è squalificata perché la parte musicale del suo brano “Musica e parole” è la stessa de “L’ultimo segreto”, inciso da Ornella Ventura nel 1988 e scritto dagli stessi autori della canzone della Bertè (Radius e Avogadro). Alla Bertè è comunque concesso di eseguire fuori gara il suo pezzo anche nelle altre serate, ad eccezione della finale

– Commozione: Loredana Bertè riceve il Premio della Critica assegnato nel 1982 alla sorella Mia Martini per il brano “E non finisce mica il cielo” e mai ritirato

– Le star: tra gli ospiti internazionali di questa edizione Ben Harper, Lenny Kravitz, Leona Lewis e i Duran Duran

– Gli ascolti: le prime due serate non vanno bene e Pippo Baudo, nella conferenza stampa del 27 febbraio, si sfoga contro l’imbarbarimento dei costumi televisivi pur di avere audience a tutti i costi

– Bambini a Sanremo: Marc Yu, bambino prodigio di soli 9 anni soprannominato Piccolo Mozart, si esibisce sul palco dell’Ariston eseguendo il “Volo del calabrone”. Simpatica anche la gag con Pippo Baudo in cui i due improvvisano “Donna Rosa”

– Il Dopo Festival è condotto da “Elio e le Storie Tese”, che rivisitano a modo loro alcuni dei brani in gara, Lucilla Agosti e Lucia Ocone, che propone imitazioni di Mina, Sergio Cammariere, Loretta Goggi e Barbra Streisand

– Tra le altre canzoni del Festival: Cammina nel sole (Gianluca Grignani), L’amore non si spiega(Sergio Cammariere), Ricordi (Finley), L’amore (Sonohra), A ferro e fuoco (Mario Venuti), Il solito sesso (Max Gazzè), Vita tranquilla (Tricarico)

  • SANREMO 2009

Presentano: Paolo Bonolis e Luca Laurenti 
Canzone vincitrice: “La forza mia”, cantata da Marco Carta

-Novità: tra i molti cambiamenti introdotti da Paolo Bonolis, al timone del Festival per la seconda volta, c’è il ritorno della Giuria Demoscopica in sala nel corso delle prime due serate. Proprio come avveniva negli anni ’50

– Due le categorie in gara: “Artisti” e “Proposte”

– Il casus: quante polemiche per la canzone di Povia “Luca era gay”

– Fa discutere il bacio tra l’attore Massimiliano Varrese e un’attrice in abito da sposa durante l’esibizione di Povia. Il loro è il bacio più lungo della storia del Festival, scavalcando quello storico del 1980 tra Olimpia Carlisi e Roberto Benigni

– Dopo sette anni Roberto Benigni torna al Festival di Sanremo, sorprendendo tutti ancora una volta: durante il monologo il comico sfoggia tutta la sua sottile satira, prendendo di mira, tra gli altri, politici e cantanti ma riesce anche a commuovere recitando un brano tratto dal “De profundis” di Oscar Wilde

– Due le idee di conduzione: le donne delle serate (Alessia Piovan, Eleonora Abbagnato, Gabriella Pession, Maria De Filippi) e l’esordio dei “valletti” (Paul Sculfor, Nir Lavi, Thyago Alves, Ivan Olita, David Gandy)

– SanremoWeb: introdotto un concorso collaterale che si svolge unicamente sul sito ufficiale della manifestazione. I video con i brani dei 90 giovani artisti esordienti sono votati dai visitatori del sito tramite il televoto. La vincitrice è Ania con “Buongiorno gente”

– Incursioni: durante l’intervista di Bonolis a Hugh Hefner, il magnate dell’editoria che ha creato la celebre rivista Playboy, irrompe sul palco una donna vestita solo di un perizoma nero e con un bodypainting che le da l’aspetto di una tigre per protestare contro l’uso delle pellicce

– Nella quarta serata i cantanti appartenenti alla Sezione Artisti ripropongono i loro brani insieme a big della musica italiana e straniera. Vediamo così sul palco dell’Ariston Lucio Dalla, Pino Daniele, Burt Bacarach, Zucchero, Riccardo Cocciante, Lelio Luttazzi, Gino Paoli

– Il tormentone: ogni sera Luca Laurenti spera di poter incontrare una delle donne che affiancano Bonolis sul palco, ma immancabilmente si ritrova di fronte… una “donna con la barba”, ovvero il modello scelto come “valletto” della serata

– Curiosità: il 59° é il primo Festival prodotto nel formato panoramico 16:9 dalla RAI (solo sul digitale terrestre)

– In occasione dei 69 anni dalla nascita di Fabrizio De André, la Premiata Forneria Marconi, insieme agli attori Claudio Santamaria e Stefano Accorsi, rende omaggio al cantautore con l’esecuzione di due suoi brani

– L’apertura e la chiusura del Festival sono affidate alla straordinaria voce di Mina che intona ilNessun Dorma sulle immagini dei momenti più significativi della storia del Festival e della musica

– Tra le altre canzoni del Festival: Come foglie (Malika Ayane), Sincerità (Arisa), Come in ogni ora (Karima), Vivi per miracolo (Gemelli Diversi), Il mio amore unico (Dolcenera), E io verrò un giorno là (Patty Pravo)


(Tratto da: Festival di Sanremo – Sito ufficiale)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...